National Library of Energy BETA

Sample records for deactivation di turbo

  1. Facility deactivation and demolition

    SciTech Connect (OSTI)

    Cormier, S.L.; Adamowski, S.J.

    1994-12-31

    Today an improperly closed facility can be a liability to its owner, both financially and environmentally. A facility deactivation program must be planned and implemented to decrease liabilities, minimize operating costs, seek to reuse or sell processes or equipment, and ultimately aid in the sale and/or reuse of the facility and property whether or not the building(s) are demolished. These programs should be characterized within the deactivation plan incorporating the following major categories: Utility Usage; Environmental Decontamination; Ongoing Facility Management; Property Management/Real Estate Issues. This paper will outline the many facets of the facility deactivation and demolition programs implemented across the country for clients in the chemical, automotive, transportation, electronic, pharmaceutical, power, natural gas and petroleum industries. Specific emphasis will be placed on sampling and analysis plans, specification preparation, equipment and technologies utilized, ``how clean is clean`` discussions and regulatory guidelines applicable to these issues.

  2. PFP deactivation project management plan

    SciTech Connect (OSTI)

    Bogen, D.M.

    1997-07-28

    This document identifies the overall approach for deactivation of the Plutonium Finishing Plant (PFP) Complex, excluding the vaults, and includes a draft set of End Point Criteria for all buildings being deactivated.

  3. Deactivation Implementation Guide

    Broader source: Directives, Delegations, and Requirements [Office of Management (MA)]

    1999-09-29

    As DOE facilities complete mission operations and are declared excess, they pass into a transition phase which ultimately prepares them for disposition. The disposition phase of a facility's life cycle usually includes deactivation, decommissioning, and surveillance and maintenance (S&M) activities.

  4. Turbo Compounding: A Technology Whose Time Has Come | Department...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    & Publications Electric Turbo Compounding Technology Update Electric Turbo Compounding...A Technology Who's Time Has Come Design and Development of e-Turbo for SUV and Light Truck...

  5. Ethanoltank TurboMolecularPump

    E-Print Network [OSTI]

    Maruyama, Shigeo

    CCVD at low pressure (less than 0.1 Pa). The advanced generation method based on the SWNT growthEthanoltank Oil pump TurboMolecularPump Ion gauge Leak valve Silicon heater Scroll pump Gate valve. Shiokawa et al. [2] have reported that SWNTs can be grown at low temperature for nanodevices by performing

  6. Deactivation of methanol synthesis catalysts

    SciTech Connect (OSTI)

    Roberts, G.W.; Brown, D.M.; Hsiung, T.H.; Lewnard, J.J. (Air Products and Chemicals, Inc., Allentown, PA (United States))

    1993-08-01

    A novel methanol synthesis process, the liquid-phase methanol (LPMEOH) process, has been developed and scaled up to a nominal 380 kg/h (10 ton/day) pilot plant. The process is based on a gas-sparged slurry reactor instead of a conventional, fixed-bed reactor. The use of slurry reactors, which are essentially gradientless, greatly facilitated the interpretation and quantification of catalyst deactivation phenomena. With a poison-free, CO-rich feedstream, the rate of deactivation of the Cu/ZnO catalyst increased rapidly with temperature. At constant temperature, in the absence of poisons, the decline with time in the rate constant for methanol synthesis correlated with the loss of BET surface area. Iron carbonyl, nickel carbonyl, and carbonyl sulfide are severe and highly specific poisons for methanol-synthesis catalyst. There was a linear relationship between the catalyst activity loss and the concentration of metal or sulfur on the catalyst.

  7. Electric Turbo Compounding Technology Update | Department of...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    (OFCVT). deer07vuk.pdf More Documents & Publications Diesel Injection Shear-Stress Advanced Nozzle (DISSAN) Retrofit and Testing of a Pre-Turbo, Diesel Oxidation...

  8. Deactivation and performance testing of hydroconversion catalysts

    SciTech Connect (OSTI)

    Stork, W.H.J. [Koninklijke/Shell-Laboratorium, Amsterdam (Netherlands)

    1995-12-31

    This paper focuses on distillate hydrocracking and hydrodesulfurization with respect to catalyst deactivation. The role of testing with the aid of model compounds is described.

  9. Energy Department Selects Deactivation Contractor for Paducah...

    Office of Environmental Management (EM)

    Acting General ManagerPaducah Plant Manager Mike Buckner; and Centrus American Centrifuge Vice President Steve Penrod. Deactivation Project Begins at Paducah Gaseous...

  10. Catalyst deactivation in residue hydrocracking

    SciTech Connect (OSTI)

    Oballa, M.C.; Wong, C.; Krzywicki, A. [Novacor Research and Technology Corp., Calgary, Alberta (Canada)

    1994-12-31

    The existence of a computer-controlled bench scale hydrocracking units at the authors site has made cheaper the non-stop running of experiments for long periods of time. It was, therefore possible to show, at minimal costs, when three hydrocracking catalysts in service reach their maximum lifetime. Different parameters which are helpful for catalyst life and activity predictions were calculated, e.g., relative catalyst age and the effectiveness factor. Experimental results compared well with model, giving them the minimum and maximum catalyst lifetime, as well as the deactivation profile with regard to sulfur and metals removal. Reaction rate constants for demetallization and desulfurization were also determined. Six commercial catalysts were evaluated at short term runs and the three most active were used for long term runs. Out of three catalysts tested for deactivation at long term runs, it was possible to choose one whose useful life was higher than the others. All runs were carried out in a Robinson-Mahoney continuous flow stirred tank reactor, using 50/50 volumetric mixture of Cold Lake/Lloydminster atmospheric residue and NiMo/Al{sub 2}O{sub 3} catalyst.

  11. A correlation between accelerated deactivation and practical deactivation of the hydrocracking catalyst

    SciTech Connect (OSTI)

    Dung Linnhui; Guan Ninghua; Ge Zaijui [Fushun Research Institute of Petroleum and Petrochemicals, Liaoning (China)

    1995-12-31

    Accelerated deactivation of hydrocracking catalyst, which results from the reactions of the hydrocracking catalyst under severe operating conditions, can be used as a simulation of deactivation process during its practical use. In Laboratory, it can replace the long-term stability test. In this paper, we investigate the effect of feedstocks and operating conditions on the accelerated deactivation of the mid-barral hydrocracking catalyst 3903 developed for FRIPP using the bench-scale pilot unit, the results obtained from accelerated deactivation and practical deactivation have been correlated. Thereby, we defined the optimum of the simulation.

  12. Turbo Dynamics | Open Energy Information

    Open Energy Info (EERE)

    AFDC Printable Version Share this resource Send a link to EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page to someone by E-mail Share EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Facebook Tweet about EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Twitter Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Google Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on QA:QA J-E-1 SECTION JEnvironmental Jump to:EA EISTJThin Film SolarTown(LECBP) | Open EnergyTrueWindTulsaTupman,Turbo

  13. Proceedings of ASME Turbo Expo 2002

    E-Print Network [OSTI]

    Liu, Feng

    Proceedings of ASME Turbo Expo 2002 June 03, 2002, Amsterdam, , Netherlands GT-2002 has only 1 Copyright © 2002 by ASME #12;been investigated by a limited number of researchers. The un-dimensional and unsteady Navier Stokes code

  14. 309 Building deactivation function analysis report

    SciTech Connect (OSTI)

    Lund, D.P.; 309 Building Working Group

    1995-09-01

    The document contains the functions, function definitions, function interfaces, function interface definitions, Input Computer Automated Manufacturing Definition (IDEFO) diagrams, and a function hierarchy chart that describe what needs to be performed to deactivate the 309 Building.

  15. 308 Building deactivation function analysis report

    SciTech Connect (OSTI)

    Lund, D.P.; 308 Building Working Group

    1995-09-01

    The document contains the functions, function definitions, function interfaces, function interface definitions, Input Computer Automated Manufacturing Definition (IDEFO) diagrams, and a function hierarchy chart that describes what needs to be performed to deactivate the 308 Building.

  16. Guides: Design/Engineering for Deactivation & Decommissioning

    Broader source: Energy.gov [DOE]

    To ensure development of appropriate levels of engineering detail, DOE-EM’s Office of Deactivation and Decommissioning and Facility Engineering (EM-13) has prepared this guidance for  tailoring a D...

  17. N Reactor Deactivation Program Plan. Revision 4

    SciTech Connect (OSTI)

    Walsh, J.L.

    1993-12-01

    This N Reactor Deactivation Program Plan is structured to provide the basic methodology required to place N Reactor and supporting facilities {center_dot} in a radiologically and environmentally safe condition such that they can be decommissioned at a later date. Deactivation will be in accordance with facility transfer criteria specified in Department of Energy (DOE) and Westinghouse Hanford Company (WHC) guidance. Transition activities primarily involve shutdown and isolation of operational systems and buildings, radiological/hazardous waste cleanup, N Fuel Basin stabilization and environmental stabilization of the facilities. The N Reactor Deactivation Program covers the period FY 1992 through FY 1997. The directive to cease N Reactor preservation and prepare for decommissioning was issued by DOE to WHC on September 20, 1991. The work year and budget data supporting the Work Breakdown Structure in this document are found in the Activity Data Sheets (ADS) and the Environmental Restoration Program Baseline, that are prepared annually.

  18. Fact #725: April 30, 2012 Cylinder Deactivation is More Prevalent...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    Model Year 2011 Cylinder Deactivation by Vehicle Type Vehicle Type Cylinder Deactivation Car 3% Van 17% Truck SUV 17% Pickup 38% All 11% U.S. Environmental Protection Agency,...

  19. 309 Building deactivation mission analysis report

    SciTech Connect (OSTI)

    Lund, D.P.

    1995-05-24

    This report presents the results of the 309 Building (Plutonium Fuels Utilization Program) Deactivation Project mission analysis. Hanford systems engineering (SE) procedures call for a mission analysis. The mission analysis is an important first step in the SE process. The functions and requirements to successfully accomplish this mission, the selected alternatives and products will later be defined using the SE process.

  20. 308 Building deactivation mission analysis report

    SciTech Connect (OSTI)

    Lund, D.P.

    1995-05-24

    This report presents the results of the 308 Building (Fuels Development Laboratory) Deactivation Project mission analysis. Hanford systems engineering (SE) procedures call for a mission analysis. The mission analysis is an important first step in the SE process. The functions and requirements to successfully accomplish this mission, the selected alternatives and products will later be defined using the SE process.

  1. Deactivation completed at historic Hanford Fuels Laboratory

    SciTech Connect (OSTI)

    Gerber, M.S.

    1994-03-01

    This report discusses deactivation work which was completed as of March 31, 1994 at the 308 Fuels Development Laboratory (FDL) at the Hanford Site near Richland, Washington. The decision to deactivate the structure, formerly known as the Plutonium Fabrication Pilot Plant (PFPP), was driven by a 1980s Department of Energy (DOE) decision that plutonium fuels should not be fabricated in areas near the Site`s boundaries, as well as by changing facility structural requirements. Inventory transfer has been followed by the cleanout and stabilization of plutonium oxide (PuO{sub 2}) and enriched uranium oxide (UO{sub 2}) residues and powders in the facility`s equipment and duct work. The Hanford Site, located in southeastern Washington state, was one of America`s primary arsenals of nuclear defense production for nearly 50 years beginning in World War II. Approximately 53 metric tons of weapons grade plutonium, over half of the national supply and about one quarter of the world`s supply, were produced at Hanford between 1944 and 1989. Today, many Site buildings are undergoing deactivation, a precursor phase to decontamination and decommissioning (D&D). The primary difference between the two activities is that equipment and structural items are not removed or torn down in deactivation. However, utilities are disconnected, and special nuclear materials (SNM) as well as hazardous and pyrophoric substances are removed from structures undergoing this process.

  2. PROJECT MANGEMENT PLAN EXAMPLES Deactivation Plan Project Scope...

    Energy Savers [EERE]

    Stabilization and Deactivation Project scope. Environmental remediation of cribs, ponds, and ditches will be conducted as follow-on work consistent with the goal of the...

  3. Deactivation Mechanisms of Base Metal/Zeolite Urea Selective...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    Materials Deactivation Mechanisms of Base MetalZeolite Urea Selective Catalytic Reduction Materials 2009 DOE Hydrogen Program and Vehicle Technologies Program Annual Merit Review...

  4. Deactivation Mechanisms of Base Metal/Zeolite Urea Selective...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    ace055peden2012o.pdf More Documents & Publications Deactivation Mechanisms of Base MetalZeolite Urea Selective Catalytic Reduction Materials, and Development of Zeolite-Based...

  5. Deactivation Mechanisms of Base Metal/Zeolite Urea Selective...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    ace055peden2013o.pdf More Documents & Publications Deactivation Mechanisms of Base MetalZeolite Urea Selective Catalytic Reduction Materials, and Development of Zeolite-Based...

  6. Deactivation Mechanisms of Base Metal/Zeolite Urea Selective...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    of Zeolite-Based Hydrocarbon AdsorberMaterials Deactivation Mechanisms of Base MetalZeolite Urea Selective Catalytic Reduction Materials, and Development of Zeolite-Based...

  7. Deactivation mechanisms of NOx storage materials arising from...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    mechanisms of NOx storage materials arising from thermal aging and sulfur poisoning Deactivation mechanisms of NOx storage materials arising from thermal aging and sulfur poisoning...

  8. 1 Copyright 2003 by ASME Proceedings of Turbo Expo 2003

    E-Print Network [OSTI]

    Dennis, Brian

    1 Copyright © 2003 by ASME Proceedings of Turbo Expo 2003 2003 ASME Turbo Expo Atlanta, Georgia element analysis (FEA) code from the ADVENTURE project at University of Tokyo was used to perform parallel computer. 1 Research scientist. ASME member. 2 President. ASME member. 3Professor. MAIDO Director

  9. Direct Visualization of Spray and Combustion Inside a DI-SI Engine and Its Implications to Flex-Fuel VVT Operations

    Broader source: Energy.gov [DOE]

    Fuel, injection timing, and valve deactivation in a DI optical accessible engine with side-mounted, multi-hole injector are investigated using CFD and high-speed imaging of sprays and combustion.

  10. CE Turbo Geothermal Facility | Open Energy Information

    Open Energy Info (EERE)

    AFDC Printable Version Share this resource Send a link to EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page to someone by E-mail Share EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Facebook Tweet about EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Twitter Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Google Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on QA:QA J-E-1 SECTION JEnvironmentalBowerbank, Maine:Kansas: Energy Resources Jump to:Energy IncToolTurbo Geothermal

  11. Wilson TurboPower | Open Energy Information

    Open Energy Info (EERE)

    AFDC Printable Version Share this resource Send a link to EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page to someone by E-mail Share EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Facebook Tweet about EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Twitter Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Google Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on QA:QA J-E-1 SECTION J APPENDIX ECoop IncIowa (Utility Company)Idaho)VosslohWest PlainsAssn,WilderHillTurboPower Jump

  12. Deactivation Mechanism of Cu/Zeolite SCR Catalyst Due to Reductive Hydrothermal Aging

    Broader source: Energy.gov [DOE]

    Better control for preventing catalyst deactivation resulted from study of and proposed mechanism for deactivation of Cu/zeolite under rich conditions.

  13. Catalyst deactivation model for residual oil hydrodesulfurization

    SciTech Connect (OSTI)

    Takatsuka, T.; Higasino, S.; Hirohama, S. [Chiyoda Corporation, Yokohama (Japan)] [and others

    1995-12-31

    Hydrodesulfurization process plays a dominant role in the modern refineries to upgrade residual oil either by removing heterogeneous atoms or by hydrocracking the bottom to distillates products. The practical model is proposed to predict a catalyst life which is the most concern in the process. The catalyst is deactivated in the early stage of the operation by coke deposition on the catalyst active site. The ultimate catalyst life is determined by pore mouth plugging depending on its metal capacity. The phenomena are mathematically described by losses of catalyst surface area and effective diffusivity of feedstock molecules in catalyst pore. The model parameters were collected through the pilot plant tests with different types of catalysts and feedstocks.

  14. Turbo-generator control with variable valve actuation

    DOE Patents [OSTI]

    Vuk, Carl T. (Denver, IA)

    2011-02-22

    An internal combustion engine incorporating a turbo-generator and one or more variably activated exhaust valves. The exhaust valves are adapted to variably release exhaust gases from a combustion cylinder during a combustion cycle to an exhaust system. The turbo-generator is adapted to receive exhaust gases from the exhaust system and rotationally harness energy therefrom to produce electrical power. A controller is adapted to command the exhaust valve to variably open in response to a desired output for the turbo-generator.

  15. Supercritical Carbon Dioxide Turbo-Expander and Heat Exchangers...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    of a High Efficiency Hot Gas Turbo-expander and Low Cost Heat Exchangers for Optimized CSP Supercritical CO2 Operation 10-Megawatt Supercritical Carbon Dioxide Turbine - FY13 Q2...

  16. Electric Turbo Compounding...A Technology Who's Time Has Come...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    Detroit, Michigan. Sponsored by the U.S. DOE's EERE FreedomCar and Fuel Partnership and 21st Century Truck Programs. 2006deervuk.pdf More Documents & Publications Turbo...

  17. Corso di Laurea in Informatica -a.a. 2003/04 Prova di recupero di Elementi di Matematica

    E-Print Network [OSTI]

    Amadori, Debora

    Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003/04 Prova di recupero di Elementi di Matematica 2, numero di matricola. #12;Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003/04 Prova di recupero di Elementi di

  18. UNIVERSIT DI PADOVA FACOLT DI INGEGNERIA TESI DI LAUREA

    E-Print Network [OSTI]

    Abate, Alessandro

    UNIVERSITÀ DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA TESI DI LAUREA NonLinear Predictive Control for a Non discussed. #12;#12;Sommario L'oggetto di questa tesi è lo studio della tematica del controllo non lineare

  19. Development of a High Efficiency Hot Gas Turbo-expander and Low...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    a High Efficiency Hot Gas Turbo-expander and Low Cost Heat Exchangers for Optimized CSP Supercritical CO2 Operation Development of a High Efficiency Hot Gas Turbo-expander and...

  20. Design and Development of e-Turbo for SUV and Light Truck Applications...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    Development of e-Turbo for SUV and Light Truck Applications Design and Development of e-Turbo for SUV and Light Truck Applications 2004 Diesel Engine Emissions Reduction (DEER)...

  1. Design & Development of e-TurboTM for SUV and Light Truck Applications...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    & Development of e-TurboTM for SUV and Light Truck Applications Design & Development of e-TurboTM for SUV and Light Truck Applications 2003 DEER Conference Presentation: Garrett...

  2. Turbo Power Systems Inc formerly Turbo Genset Inc | Open Energy Information

    Open Energy Info (EERE)

    AFDC Printable Version Share this resource Send a link to EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page to someone by E-mail Share EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Facebook Tweet about EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Twitter Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Google Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on QA:QA J-E-1 SECTION J APPENDIX ECoop IncIowa (Utility Company) Jump to:Tucson Electric PowerSystems Inc formerly Turbo

  3. UNIVERSIT DI BRESCIA FACOLT DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Cassinis, Riccardo

    UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione fisico del sensore al braccio e la definizione degli effettivi movimenti che il manipolatore dovrà di funzionamento: può essere guidato attraverso il teach pendant oppure controllato mediante apposite

  4. Glass surface deactivants for sulfur-containing gases

    SciTech Connect (OSTI)

    Farwell, S.O.; Gluck, S.J.

    1980-10-01

    In gas chromatographic technique for measuring reduced sulfur-containing gases in biogenic air fluxes, the major problem seemed to be the irreversible adsorption of the polar sulfur compounds on the glass surfaces of the cryogenic sampling traps. This article discusses the comparative degrees of Pyrex glass surface passivation for over 25 chemical deactivants and their related pretreatment procedures. Since H/sub 2/S was discovered to be the sulfur compound with a consistently lower recovery efficiency than COS, CH/sub 3/SH, CH/sub 3/SCH, CS/sub 2/ or CH/sub 3/SSCH/sub 3/, the percent recovery for H/sub 2/S was employed as the indicator of effectiveness for the various deactivation treatments. Tables are presented summarizing the mean H/sub 2/S recoveries for chlorosilane deactivants and for the mean H/sub 2/S recoveries for different pyrex surface pretreatments with an octadecyltrialkoxysilane deactivation. The general conclusion of this investigation is that the relative degree of passivation for glass surfaces by present deactivation techniques is dependent on the types of analyzed compounds and the nature of the glass surface.

  5. Deactivation by carbon of iron catalysts for indirect liquefaction

    SciTech Connect (OSTI)

    Bartholomew, C H

    1991-02-14

    Progress is reported for a four-year fundamental investigation of carbon formation and its effects on the activity and selectivity of promoted iron catalysts for FT synthesis, the objectives of which were to (1) determine rates and mechanisms of carbon deactivation of unsupported Fe and Fe/K catalysts during CO hydrogenation and (2) model the global rates of deactivation at the surface of the catalyst for the same catalysts. A computer-automated reactor system to be used in the kinetic and deactivation studies was designed, constructed and tested. Kinetic data for CO hydrogenation on unsupported, unpromoted iron, 99% Fe/1% Al{sub 2}O{sub 3}, and K-promoted 99% Fe/1% Al{sub 2}O{sub 3} catalysts were obtained as functions of temperature, reactant particle pressures and time. The activity/selectivity and kinetic data are consistent with those previously reported for supported, unpromoted and promoted iron. Two kinds of deactivation were observed during FT synthesis on these samples: (1) loss of surface area after reduction of unsupported, unpromoted iron at 400{degree}C and (2) loss of activity with time due to carbon deposition, especially in the case of K-promoted 99% Fe/1% A1{sub 2}O{sub 3}. Deactivation rate data were obtained for CO hydrogenation on promoted Fe as a function of time, temperature, and H{sub 2}/CO ratio. 50 refs., 24 figs., 5 tabs.

  6. Deactivation by carbon of iron catalysts for indirect liquefaction

    SciTech Connect (OSTI)

    Bartholomew, C.H.

    1991-01-10

    Although promoted cobalt and iron catalysts for Fischer-Tropsch (FT) synthesis of gasoline feedstock were first developed more than three decades ago, a major technical problem still limiting the commercial use of these catalysts today is carbon deactivation. This report describes recent progress in a fundamental, three-year investigation of carbon formation and its effects on the activity and selectivity of promoted iron catalysts for FT synthesis, the objectives of which are to: determine rates and mechanisms of carbon deactivation of unsupported Fe and Fe/K catalysts during CO hydrogenation over a range of CO concentrations, CO:H{sub 2} ratios, and temperatures; and model the rates of deactivation of the same catalysts in fixed-bed reactors. To accomplish the above objectives, the project is divided into the following tasks: (1) determine the kinetics of reaction and of carbon deactivation during CO hydrogenation on Fe and Fe/K catalysts coated on monolith bodies. (2) Determine the reactivities and types of carbon deposited during reaction on the same catalysts from temperature-programmed-surface-reaction spectroscopy (TPSR) and transmission electron microscopy (TEM). Determine the types of iron carbides formed at various temperatures and H{sub 2}/CO ratios using x-ray diffraction and Moessbauer spectroscopy. (3) Develop mathematical deactivation models which include heat and mass transport contributions for FT synthesis is packed-bed reactors. Progress to date is described. 48 refs., 3 figs., 1 tab.

  7. Universit a di Pisa Dipartimento di Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Baldan, Paolo

    Universit#18; a di Pisa Dipartimento di Informatica Technical Report: TR-03-16 Symbolic Informatica, Universit#18;a Ca' Foscari di Venezia (2) Dipartimento di Informatica, Universit#18;a di Pisa Baldan (1) , Andrea Bracciali (2) and Roberto Bruni (2) (1) Dipartimento di Informatica, Universit#18;a

  8. Investigating potential light-duty efficiency improvements through simulation of turbo-compounding and waste-heat recovery systems

    SciTech Connect (OSTI)

    Edwards, Kevin Dean; Wagner, Robert M; Briggs, Thomas E

    2010-01-01

    Modern diesel engines used in light-duty transportation applications have peak brake thermal efficiencies in the range of 40-42% for high-load operation with substantially lower efficiencies at realistic road-load conditions. Thermodynamic energy and exergy analysis reveals that the largest losses from these engines are due to combustion irreversibility and heat loss to the coolant, through the exhaust, and by direct convection and radiation to the environment. Substantial improvement in overall engine efficiency requires reducing or recovering these losses. Unfortunately, much of the heat transfer either occurs at relatively low temperatures resulting in large entropy generation (such as in the air-charge cooler), is transferred to low-exergy flow streams (such as the oil and engine coolant), or is radiated or convected directly to the environment. While there are significant opportunities for recovery from the exhaust and EGR cooler for heavy-duty applications, achieving similar benefits for light-duty applications is complicated by transient, low-load operation at typical driving conditions and competition with the turbocharger and aftertreatment system for the limited thermal resources. We have developed an organic Rankine cycle model using GT-Suite to investigate the potential for efficiency improvement through waste-heat recovery from the exhaust and EGR cooler of a light-duty diesel engine. The model is used to examine the effects of efficiency-improvement strategies such as cylinder deactivation, use of advanced materials and improved insulation to limit ambient heat loss, and turbo-compounding on the steady-state performance of the ORC system and the availability of thermal energy for downstream aftertreatment systems. Results from transient drive-cycle simulations are also presented, and we discuss strategies to address operational difficulties associated with transient drive cycles and balancing the thermal requirements of waste-heat recovery, turbocharging or turbo-compounding, and exhaust aftertreatment.

  9. PUREX/UO{sub 3} facilities deactivation lessons learned history

    SciTech Connect (OSTI)

    Hamrick, D.G.; Gerber, M.S.

    1995-01-01

    The Plutonium-Uranium Extraction (PUREX) Facility operated from 1956-1972, from 1983-1988, and briefly during 1989-1990 to produce for national defense at the Hanford Site in Washington State. The Uranium Trioxide (UO{sub 3}) Facility operated at the Hanford Site from 1952-1972, 1984-1988, and briefly in 1993. Both plants were ordered to permanent shutdown by the U.S. Department of Energy (DOE) in December 1992, thus initiating their deactivation phase. Deactivation is that portion of a facility`s life cycle that occurs between operations and final decontamination and decommissioning (D&D). This document details the history of events, and the lessons learned, from the time of the PUREX Stabilization Campaign in 1989-1990, through the end of the first full fiscal year (FY) of the deactivation project (September 30, 1994).

  10. Deactivation by carbon of iron catalysts for indirect liquefaction

    SciTech Connect (OSTI)

    Bartholomew, C.H.

    1990-10-29

    This report describes recent progress in a fundamental, three-year investigation of carbon formation and its effects on the activity and selectivity of promoted iron catalysts for synthesis, the objectives of which are: determine rates and mechanisms of carbon deactivation of unsupported Fe and Fe/K catalysts during CO hydrogenation over a range of CO concentrations, CO:H{sub 2} ratios, and temperatures; model the rates of deactivation of the same catalysts in fixed-bed reactors. During the fourteenth quarter design of software for a computer-automated reactor system to be used in the kinetic and deactivation studies was continued. Further progress was made toward the completion of the control language, control routines, and software for operating this system. Progress was also made towards testing of the system hardware and software. 47 refs.

  11. Supercritical Carbon Dioxide Turbo-Expander and Heat Exchangers

    Broader source: Energy.gov [DOE]

    This fact sheet describes a supercritical carbon dioxide turbo-expander and heat exchangers project awarded under the DOE's 2012 SunShot Concentrating Solar Power R&D award program. The team, led by the Southwest Research Institute, is working to develop a megawatt-scale s-CO2 hot-gas turbo-expander optimized for the highly transient solar power plant profile. The team is also working to optimize novel printed circuit heat exchangers for s-CO2 applications to drastically reduce their manufacturing costs.

  12. PUREX/UO{sub 3} facilities deactivation lessons learned: History

    SciTech Connect (OSTI)

    Gerber, M.S.

    1997-11-25

    In May 1997, a historic deactivation project at the PUREX (Plutonium URanium EXtraction) facility at the Hanford Site in south-central Washington State concluded its activities (Figure ES-1). The project work was finished at $78 million under its original budget of $222.5 million, and 16 months ahead of schedule. Closely watched throughout the US Department of Energy (DOE) complex and by the US Department of Defense for the value of its lessons learned, the PUREX Deactivation Project has become the national model for the safe transition of contaminated facilities to shut down status.

  13. Systems and methods for deactivating a matrix converter

    SciTech Connect (OSTI)

    Ransom, Ray M.

    2013-04-02

    Systems and methods are provided for deactivating a matrix conversion module. An electrical system comprises an alternating current (AC) interface, a matrix conversion module coupled to the AC interface, an inductive element coupled between the AC interface and the matrix conversion module, and a control module. The control module is coupled to the matrix conversion module, and in response to a shutdown condition, the control module is configured to operate the matrix conversion module to deactivate the first conversion module when a magnitude of a current through the inductive element is less than a threshold value.

  14. Improving Turbocharged Diesel Engine Operation with Turbo Power Assist System

    E-Print Network [OSTI]

    Stefanopoulou, Anna

    Improving Turbocharged Diesel Engine Operation with Turbo Power Assist System I. Kolmanovsky A. G Engineering, UC, Santa Barbara Abstract The paper investigates improvements in the tur- bocharged diesel problem. Comparison with a conventional turbocharged diesel engine reveals the mechanism by which

  15. Dipartimento di Informatica Universit degli Studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura Ricci Invio di Oggetti su UDP 1 di Pisa Dipartimento di Informatica #12;Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa;Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura Ricci Invio di Oggetti su UDP 3 LA CLASSE

  16. UNIVERSIT DEGLI STUDI DI TORINO REGOLAMENTO DI ATENEO PER

    E-Print Network [OSTI]

    Sproston, Jeremy

    UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO REGOLAMENTO DI ATENEO PER L'AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA controllo di gestione è organizzato per centri di responsabilità e di costo e ha per oggetto il controllo di programma o progetto; c. la definizione di idonei indicatori di risultati, di qualità ed efficacia, di costo

  17. Corso di Laurea in Informatica -a.a. 2003/04 Prova di recupero di Elementi di Matematica

    E-Print Network [OSTI]

    Amadori, Debora

    Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003/04 Prova di recupero di Elementi di Matematica 12 luglio: Scrivere su tutti i fogli nome, cognome, numero di matricola. #12;Corso di Laurea in Informatica - a matricola. #12;Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003/04 Prova di recupero di Elementi di Matematica 12

  18. UNIVERSIT DI BRESCIA FACOLT DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Cassinis, Riccardo

    Linpus (derivato di Fedora); · processore Atom 1,6Ghz; · chipset N270; · 1Gb di ram; · ssd da 8Gb; · 3

  19. Basi di dati: Funzionalit,

    E-Print Network [OSTI]

    Ghelli, Giorgio

    Basi di dati: Funzionalità, Progettazione, Interrogazione Giorgio Ghelli DBMS's 2 Temi · Funzionalità ed uso dei DBMS · Progettazione di una Base di Dati · Interrogazione di una Base di Dati Funzionalità dei DBMS DBMS's 4 Riferimenti · A. Albano, G. Ghelli, R. Orsini, Basi di Dati Relazionali e

  20. Remote System Technologies for Deactivating Hanford Hot Cells

    SciTech Connect (OSTI)

    Berlin, G.; Walton, T.

    2003-02-25

    Remote system technologies are being deployed by Fluor Hanford to help accelerate the deactivation of highly-radioactive hot cell facilities. These technologies offer improved methods for accessing difficult-to-reach spaces and performing tasks such as visual inspection, radiological characterization, decontamination, waste handling, and size reduction. This paper is focused on the application of remote systems in support of deactivation work being performed in several legacy facilities at Hanford (i.e., the 324 and 327 Buildings). These facilities were previously used for fuel fabrication, materials examination, and the development of waste treatment processes. The technologies described in this paper represent significant improvements to Hanford's baseline methods, and may offer benefits to other U.S. Department of Energy (DOE) sites and commercial operations.

  1. Kinetics and deactivation of sulfated zirconia catalysts for butane isomerization

    SciTech Connect (OSTI)

    Fogash, K.B.; Larson, R.B.; Gonzalez, M.R.

    1996-09-15

    Reaction kinetics studies were conducted of n-butane and isobutane isomerization over sulfated zirconia at 423 K. The kinetic data can be described well by a rate expression based on a reversible, bimolecular surface reaction between two adsorbed n-C{sub 4} species, probably through a C{sub 8} intermediate, to produce one i-C{sub 4} species, as well as surface reaction between two adsorbed i-C{sub 4} species to produce one n-C{sub 4} species. This reaction sequence also describes well the rates of C{sub 4}-disproportionation reactions to produce C{sub 3} and C{sub 5} species. The initial rate of catalyst deactivation is faster during n-butane isomerization than during isobutane isomerization, and the longer-term rate of deactivation during n-butane isomerization increases with the pressures of n-butane. The more rapid catalyst deactivation during n-butane isomerization may be related to the formation of n-C{sub 4}-diene species. 25 refs., 10 figs., 4 tabs.

  2. Deactivation by carbon of iron catalysts for indirect liquefaction

    SciTech Connect (OSTI)

    Bartholomew, C.H.

    1990-10-11

    This report describes recent progress in a fundamental, three-year investigation of carbon formation and its effects on the activity and selectivity of promoted iron catalysts for Fischer-Tropsch (FT) synthesis, the objectives of which are: determine rates and mechanisms of carbon deactivation of unsupported Fe and Fe/K catalysts during CO hydrogenation over a range of CO concentrations, CO:H{sub 2} ratios, and temperatures; model the rates of deactivation of the same catalysts in fixed-bed reactors. During the thirteenth quarter design of software for a computer-automated reactor system to be used in the kinetic and deactivation studies was continued. Further progress was made toward the completion of the control language, control routines, and software for operating this system. Progress was also made on the testing of the system hardware and software. H{sub 2} chemisorption capacities and activity selectivity data were also measured for three iron catalysts promoted with 1% alumina. 47 refs., 8 figs., 1 tab.

  3. Corso di Laurea in Informatica -a.a. 2004/05 Prova di recupero di Elementi di Matematica

    E-Print Network [OSTI]

    Amadori, Debora

    Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2004/05 Prova di recupero di Elementi di Matematica 6 su tutti i fogli nome, cognome, numero di matricola. #12;Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2004

  4. Wilson TurboPower Inc | Open Energy Information

    Open Energy Info (EERE)

    AFDC Printable Version Share this resource Send a link to EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page to someone by E-mail Share EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Facebook Tweet about EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Twitter Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Google Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page| Open Energy Information Serbia-EnhancingEtGeorgia:Illinois: Energy ResourcesTurboPower Inc Jump to: navigation,

  5. PUREX/UO3 Facilities deactivation lessons learned history

    SciTech Connect (OSTI)

    Gerber, M.S.

    1996-09-19

    Disconnecting the criticality alarm permanently in June 1996 signified that the hazards in the PUREX (plutonium-uranium extraction) plant had been so removed and reduced that criticality was no longer a credible event. Turning off the PUREX criticality alarm also marked a salient point in a historic deactivation project, 1 year before its anticipated conclusion. The PUREX/UO3 Deactivation Project began in October 1993 as a 5-year, $222.5- million project. As a result of innovations implemented during 1994 and 1995, the project schedule was shortened by over a year, with concomitant savings. In 1994, the innovations included arranging to send contaminated nitric acid from the PUREX Plant to British Nuclear Fuels, Limited (BNFL) for reuse and sending metal solutions containing plutonium and uranium from PUREX to the Hanford Site tank farms. These two steps saved the project $36.9- million. In 1995, reductions in overhead rate, work scope, and budget, along with curtailed capital equipment expenditures, reduced the cost another $25.6 million. These savings were achieved by using activity-based cost estimating and applying technical schedule enhancements. In 1996, a series of changes brought about under the general concept of ``reengineering`` reduced the cost approximately another $15 million, and moved the completion date to May 1997. With the total savings projected at about $75 million, or 33.7 percent of the originally projected cost, understanding how the changes came about, what decisions were made, and why they were made becomes important. At the same time sweeping changes in the cultural of the Hanford Site were taking place. These changes included shifting employee relations and work structures, introducing new philosophies and methods in maintaining safety and complying with regulations, using electronic technology to manage information, and, adopting new methods and bases for evaluating progress. Because these changes helped generate cost savings and were accompanied by and were an integral part of sweeping ``culture changes,`` the story of the lessons learned during the PUREX Deactivation Project are worth recounting. Foremost among the lessons is recognizing the benefits of ``right to left`` project planning. A deactivation project must start by identifying its end points, then make every task, budget, and organizational decision based on reaching those end points. Along with this key lesson is the knowledge that project planning and scheduling should be tied directly to costing, and the project status should be checked often (more often than needed to meet mandated reporting requirements) to reflect real-time work. People working on a successful project should never be guessing about its schedule or living with a paper schedule that does not represent the actual state of work. Other salient lessons were learned in the PUREX/UO3 Deactivation Project that support these guiding principles. They include recognizing the value of independent review, teamwork, and reengineering concepts; the need and value of cooperation between the DOE, its contractors, regulators, and stakeholders; and the essential nature of early and ongoing communication. Managing a successful project also requires being willing to take a fresh look at safety requirements and to apply them in a streamlined and sensible manner to deactivating facilities; draw on the enormous value of resident knowledge acquired by people over years and sometimes decades of working in old plants; and recognize the value of bringing in outside expertise for certain specialized tasks.This approach makes possible discovering the savings that can come when many creative options are pursued persistently and the wisdom of leaving some decisions to the future. The essential job of a deactivation project is to place a facility in a safe, stable, low-maintenance mode, for an interim period. Specific end points are identified to recognize and document this state. Keeping the limited objectives of the project in mind can guide decisions that reduce risks with minimal manipul

  6. Application of a catalyst deactivation model for hydrotreating solvent refined coal feedstocks

    SciTech Connect (OSTI)

    Nalitham, R.V.

    1983-10-01

    A simple kinetic model, including a first-order catalyst deactivation rate, is applied to upgrading of coal-derived feedstocks prepared from two solvent refined coal fractions. A catalyst deactivation mechanism is proposed which involves the adsorption and surface reaction of coke precursors on catalytic active sites. The effect of feedstock composition, temperature and pressure on kinetic parameters, and in particular the catalyst deactivation rate, is determined.

  7. Die MAN Diesel & Turbo sucht am Standort Augsburg fr den Bereich Strategie/Unternehmensentwicklung zum frhestmglichen Eintrittstermin eine/n

    E-Print Network [OSTI]

    Stein, Oliver

    Die MAN Diesel & Turbo sucht am Standort Augsburg für den Bereich Strategie Projekte. Als Stabsfunktion berichtet die Abteilung direkt an den Vorstand von MAN Diesel & Turbo SE. Wir Diesel & Turbo ist weltweit führender Anbieter von Großdieselmotoren und Turbomaschinen für maritime und

  8. A serially concatenated BCH-Turbo code scheme over an Additive White Gaussion Noise channel 

    E-Print Network [OSTI]

    Ovalekar, Sameer V.

    1997-01-01

    an inner turbo code and an outer BCH code which would permit the decoder to operate at fewer iterations so that the turbo code decoding process speeds up and at the same time provides enough protection (error correcting capability) within the BCH code, so...

  9. Deactivation mechanisms of NOx storage materials arising from thermal aging and sulfur poisoning

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE)

    Presents the reliationship between Pt particle size and NOx storage performance over model catalysts. Novel reaction protocol designed to decouple effects of thermal deactivation and incomplete desulfation.

  10. Deactivation Mechanism of Cu/Zeolite SCR Catalyst Due to Reductive...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    Mechanism of CuZeolite SCR Catalyst Due to Reductive Hydrothermal Aging Deactivation Mechanism of CuZeolite SCR Catalyst Due to Reductive Hydrothermal Aging Better control for...

  11. Prot. n. 663/2012 AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    in inglese di parte del testo "Indirizzi e Criteri di Microzonazione Sismica" (27 cartelle). COMPETENZE DEL

  12. Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria Infantile Sapienza Universit di Roma

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    -professionale idoneo allo svolgimento di attività di ricerca nell'ambito della Neuropsicologia e Psicopatologia

  13. UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PISA Facolt di Scienze Matematiche,

    E-Print Network [OSTI]

    Cappellini, Valerio

    UNIVERSIT� DEGLI STUDI DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Laurea RELATORE: Chiar.mo Prof. Adriano Di Giacomo (Università di Pisa) #12;#12;Indice Indice Generale i

  14. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE SAPIENZA" DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice in Giunta di Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale del 17/02/2015 - Considerato

  15. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE SAPIENZA" DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice in Consiglio di Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale del 24/04/2015 - Considerato

  16. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE SAPIENZA" DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice in Consiglio di Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale del 13/01/2015 - Considerato

  17. SAPIENZA SAPIENZA -Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Elettrica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    : - Misure di efficienza di schermatura in camera riverberante di strutture scatolari in materiale metallico; 3. Esperienza test di efficienza di schermatura su strutture scatolari. Articolo 5 La selezione è

  18. Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'attività di ricerca su "SVILUPPO DI UN SOFTWARE PER LA SIMULAZIONE HARWARE- IN-THE-LOOP DI ALGORITMI DI GUIDA

  19. EU Energy Voith Turbo JV | Open Energy Information

    Open Energy Info (EERE)

    AFDC Printable Version Share this resource Send a link to EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page to someone by E-mail Share EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Facebook Tweet about EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Twitter Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Google Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on QA:QA J-E-1 SECTION J APPENDIX E LIST OFAMERICA'SHeavy Electricals Ltd BHELEuropeLagePowerTimoEPURON GmbHVoith Turbo JV

  20. AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N.1 INCARICO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    ammissione alla presente procedura di valutazione comparativa sono: Laurea in Tecniche di Radiologia

  1. BANDO DI SELEZIONE PER L'AFFIDAMENTO DI n.1 CONTRATTO di COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    sperimentale sulla Psoriasi Università degli Studi di Roma"La Sapienza" DIPARTIMENTO DI MALATTIE CUTANEE

  2. UNIVERSIT A DEGLI STUDI DI PADOVA

    E-Print Network [OSTI]

    Informatica Corso di laurea in Ingegneria Informatica TESI DI LAUREA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

  3. Alternative descriptions of catalyst deactivation in aromatization of propane and butane

    SciTech Connect (OSTI)

    Koshelev, Yu.N.; Vorob`ev, B.L.; Khvorova, E.P.

    1995-08-20

    Deactivation of a zeolite-containing catalyst has been studied in aromatization of propane and butane. Various descriptions of the dependence of the alkane conversion on the coke concentration on the catalyst have been considered, and using a statistical method of estimating the model validity, the most preferable form of the deactivation function has been proposed.

  4. Corso di Laurea in Informatica -a.a. 2004/05 Prova di Elementi di Matematica

    E-Print Network [OSTI]

    Amadori, Debora

    Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2004/05 Prova di Elementi di Matematica 21 marzo 2005 Compito: Scrivere su tutti i fogli nome, cognome, numero di matricola. #12;Corso di Laurea in Informatica - a

  5. Micro-turbo-generator design and fabrication: A preliminary study

    SciTech Connect (OSTI)

    Wiegele, T.G.

    1996-12-31

    The size and weight of portable electronic products are often dictated by the physical characteristics of the power supply system. The design of energy storage systems is therefore critical to market competitiveness. An alternative to energy storage is proposed in this paper which relies on a very small power generation system which converts a pressure difference in a gas into electrical power: a micro-turbo-generator. The design of the micro-turbo-generator involved combining two very different machines, a micro-generator and a micro-turbine, into a single device which could be fabricated within the constraints of current microelectronic processing techniques. Research into power generation on the micro-scale has begun to take place in the form of electromagnetic micro-motor design and fabrication. These variable reluctance machines can be transformed into power generation devices by implementing accurate rotor position sensing, high-speed current switching and a means for inducing rotor motion. This leads to the implementation of a switched reluctance generator, which is well-understood on the macro-scale but has not been attempted on the micro-scale. The most significant hurdle facing researchers is the task of coupling a prime mover, such as a micro-turbine, to the rotor of a power generation device efficiently and effectively while maintaining relative simplicity in the fabrication procedures. The design presented here offers a potential solution to this problem.

  6. Dipartimento di Informatica Universit degli studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa TFA 19/4/2012 Laura Ricci 1 TFA 42 Sistemi e Reti di Calcolatori per la Didattica Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica 19/04/2013 Laura Ricci #12;Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa TFA 19

  7. Dipartimento di Informatica Universit degli studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa TFA 29/3/2012 Laura Ricci 1 TFA 42 Sistemi e Reti di Calcolatori per la Didattica Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica 29/03/2013 Laura Ricci #12;Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa TFA 29

  8. Commercial experience with facility deactivation to safe storage

    SciTech Connect (OSTI)

    Sype, T.T. [Sandia National Labs., Albuquerque, NM (United States); Fischer, S.R. [Los Alamos National Lab., NM (United States); Lee, J.H. Jr.; Sanchez, L.C.; Ottinger, C.A.; Pirtle, G.J. [Sandia National Labs., Albuquerque, NM (United States)

    1995-09-01

    The Department of Energy (DOE) has shutdown many production reactors; the Department has begun a major effort to also shutdown a wide variety of other nuclear facilities. Because so many facilities are being closed, it is necessary to place many of them into a safe- storage status, i.e., deactivation, before conducting decommissioning- for perhaps as long as 20 years. The challenge is to achieve this safe-storage condition in a cost-effective manner while remaining in compliance with applicable regulations. The DOE Office of Environmental Management, Office of Transition and Management, commissioned a lessons-learned study of commercial experience with safe storage and decommissioning. Although the majority of the commercial experience has been with reactors, many of the lessons learned presented in this document can provide insight into transitioning challenges that Will be faced by the DOE weapons complex.

  9. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    svolgimento dell'attività di "Metodologie di conrollo ed ottimizzazione per sistemi Smartgrids, la generazione seguente attività: Metodologie di conrollo ed ottimizzazione per sistemi Smartgrids, la generazione

  10. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Chimica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    con fondi del progetto di ricerca "Rechargeable, advanced, nano structured, lithium batteries 1 anno. Progetto di ricerca: "Preparazione e sviluppo di elettroliti gelificati per batterie litio-ione

  11. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Segreteria amministrativa

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    . OGGETTO DELLA PRESTAZIONE:Dosaggi di acetilcolina in terreni di coltura di cellule di glioblastoma

  12. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA DI CUI AL PUNTO 1. DELL'ART. 6 DEL DISCIPLINARE DI GARA, IN CASO DI CONCORRENTE SINGOLO, DI RTI, CONSORZIO

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    DI GARA, IN CASO DI CONCORRENTE SINGOLO, DI RTI, CONSORZIO ORDINARIO DI CONCORRENTI ................................................................................................................................. dell'Impresa/RTI/ Consorzio ordinario di concorrenti/GEIE/aggregazioni di imprese1 PARTECIPANTI IN RTI, CONSORZI ORDINARI DI CONCORRENTI O GEIE COSTITUENDI, AGGREGAZIONI DI IMPRESE ADERENTI AL

  13. NOMINA COMMISSIONE GIUDICATRICE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI PROFESSORE STRAORDINARIO CON RAPPORTO DI LAVORO

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO Il Direttore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia; VISTA la delibera del Consiglio di Dipartimento di Fisiologia e Fisiologia e Farmacologia di Sapienza Università di Roma, è così composta: #12;membri effettivi: prof. Paolo

  14. Esperienze di E-learning del Corso di Studi in Informatica dell'Universit di Torino

    E-Print Network [OSTI]

    Torino, Università di

    in Informatica della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Torino. In particolareEsperienze di E-learning del Corso di Studi in Informatica dell'Università di Torino: comunità di Informatica Università degli Studi di Torino c.so Svizzera 185 ­ I10149, Torino {baldoni

  15. BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVIT DI RICERCA DI CATEGORIA B)

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    , rispettivamente del 12.04.2011 e del 19.04.2011; VISTA la delibera del Consiglio del Dipartimento di Fisiologia e scientifico disciplinare BIO 09, presso il Dipartimento di #12;Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer del titolo di dottore di ricerca in Fisiologia [Physiology] o Psicobiologia e psicologia fisiologica

  16. BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVIT DI RICERCA DI CATEGORIA B TIPOLOGIA II

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    cerebrale, psicopatologia e risposta ai trattamenti", presso il Dipartimento di Scienze e Biotecnologie

  17. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Consiglio del Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale A. Ruberti seduta del 17

  18. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale Antonio Ruberti intende conferire un incarico Giunta del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 29

  19. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Consiglio del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 27

  20. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire N. 3 del Consiglio del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta

  1. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Consiglio del Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 16 Aprile

  2. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Giunta del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 10

  3. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Giunta del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 23

  4. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Giunta del Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 28 Maggio

  5. Prot. n. 965/2011 AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Romano e modello di inversione sismica di dati del sottosuolo relativi a depositi tardo-pleistocenici e

  6. Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Baldan, Paolo

    Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica Technical Report: TR-07-09 A Semantic Framework`a di Pisa (Italy) {bruni,braccia}@di.unipi.it ADDRESS: Largo B. Pontecorvo 3, 56127 Pisa, Italy. TEL) baldan@math.unipd.it (2) Dipartimento di Informatica, Universit`a di Pisa (Italy) {bruni

  7. Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Ghelli, Giorgio

    Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica Technical Report: TR-07-14 Efficient Inclusion`a di Pisa Largo B. Pontecorvo 3 56127 - Pisa - Italy ghelli@di.unipi.it Dario Colazzo Laboratoire de dario.colazzo@lri.fr Carlo Sartiani Dipartimento di Informatica - Universit`a di Pisa Largo B

  8. Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Reiff-Marganiec, Stephan

    Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica Technical Report: TR-08-25 Supporting user Milano C. Montangero Dipartimento di Informatica Universit`a di Pisa C. Palasciano MIP - School. Semini Dipartimento di Informatica Universit`a di Pisa September 24, 2008 ADDRESS: Largo B. Pontecorvo 3

  9. Dipartimento di Informatica Universit degli Studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura Ricci 1Sockets TCP Lezione n.7 LPR- Informatica Applicata Sockets TCP 26/3/2006 Laura Ricci Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica #12;Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura Ricci 2Sockets TCP RIASSUNTO

  10. Dipartimento di Informatica Universit degli Studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Remote Method Invocation Laura Ricci 1 Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata RMI 24/4/2006 Laura Ricci #12;Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Remote Method Invocation

  11. Dipartimento di Informatica Universit degli studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa Multicast Laura Ricci 1 Lezione n.6 LPR- Informatica Applicata Multicast Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica 20/3/2006 Laura Ricci #12;Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa Multicast Laura Ricci 2 Riassunto

  12. Universit degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    U Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica Gestione Indirizzi IP 1Laura Ricci Lezione n.2 LPR-Informatica Applicata Gestione indirizzi IP 20/2/2006 Laura Ricci Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica #12;U Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica

  13. Dipartimento di Informatica Universit degli Studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura Ricci 1Classless Addressing Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata Classless Addressing Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica 3/4/2006 Laura Ricci #12;Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura Ricci 2

  14. Dipartimento di Informatica Universit degli studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa Laura Ricci 1Sockets UDP Lezione n.3 LPR-Informatica Applicata sockets UDP Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica 27/2/2006 Laura Ricci #12;Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa Laura Ricci 2Sockets UDP SCHEMA DELLA PRESENTAZIONE

  15. Deactivation & Decommissioning Knowledge Management Information Tool (D&D KM-IT)

    Broader source: Energy.gov [DOE]

    The Deactivation and Decommissioning Knowledge Management Information Tool (D&D KM-IT) serves as a centralized repository providing a common interface for all D&D related activities.

  16. Fact #725: April 30, 2012 Cylinder Deactivation is More Prevalent in Light Trucks than Cars

    Broader source: Energy.gov [DOE]

    Cylinder deactivation is a fuel-saving technology that allows a vehicle to shut down some of its cylinders when extra power is not needed like when cruising down the highway at a constant speed....

  17. Deactivating Chemical Agents Using Enzyme-Coated Nanofibers Formed by Electrospinning

    E-Print Network [OSTI]

    Cincinnati, University of

    Deactivating Chemical Agents Using Enzyme-Coated Nanofibers Formed by Electrospinning D. Han, S Development and Engineering Center, Natick, Massachusetts, United States ABSTRACT: The coaxial electrospinning the potential to provide enhanced protection from chemical agents. Electrospinning is a versatile technique

  18. Deactivation and decommissioning environmental strategy for the Plutonium Finishing Plant (PFP) Complex Hanford Nuclear Reservation

    SciTech Connect (OSTI)

    HOPKINS, A.M.

    2003-02-01

    The overall goal of this strategy is to comply with all applicable environmental laws and regulations and/or compliance agreements during Plutonium Finishing Plant (PFP) stabilization, deactivation, and eventual dismantlement.

  19. Deactivation of Accelerated Engine-Aged and Field-Aged SCR Catalysts...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    and Field-Aged SCR Catalysts and the Role of the DOC A technique for accelerated aging of SCR system (DOC -> SCR-> DPF) reveals two deactivation mechanisms and replicates...

  20. Prot. n. 1100/2011 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    pleistoceniche affioranti del Bacino Romano e modello di inversione sismica di dati del sottosuolo relativi Bacino Romano e modello di inversione sismica di dati del sottosuolo relativi a depositi tardo

  1. (BANDO n. 01_2013) AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    OCCASIONALE DA ATTIVARE PER LE ESIGENZE DELLA "SAPIENZA" UNIVERSITA' DI ROMA DIPARTIMENTO DI FISIOLOGIA E esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer"; - Ravvisata presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza

  2. Politecnico di Milano Facolt di Ingegneria Industriale

    E-Print Network [OSTI]

    Amigoni, Francesco

    Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale INFORMATICA B Prima prova in itinere 13. Ogni disco è caratterizzato dal diametro, dallo spessore, dal materiale, da una casa costruttrice e da diametro; /* diametro del disco in cm */ float spessore; /* spessore del disco in cm */ char materiale

  3. Conversion of Biomass-Derived Small Oxygenates over HZSM-5 and its Deactivation Mechanism

    SciTech Connect (OSTI)

    Ramasamy, Karthikeyan K.; Gerber, Mark A.; Flake, Matthew D.; Zhang, He; Wang, Yong

    2014-02-28

    HZSM-5 catalyst deactivation was studied using aqueous feed mixtures containing ethanol, ethanol+ acetic acid, ethanol+ethyl acetate, or ethanol+acetaldehyde in a fixed bed reactor at 360°C and 300psig. Compared to ethanol alone experiment, addition of other oxygenates reduced catalyst life in the order of: ethyl acetatedeactivate the catalyst through a pore-blocking mechanism. Acetic acid deactivates the catalyst through an active site poisoning mechanism or strong adsorption of acetate intermediates on the active sites (hydroxyl groups). Ethanol deactivates the catalyst primarily through its pore-blocking mechanism, but the rate of ethanol deactivation is orders of magnitude slower than that of acetaldehyde. Ethyl acetate hydrolyzes to form acetic acid and ethanol which deactivate the catalyst through its respective mechanisms. In addition, each functional group of oxygenates requires different active sites/catalysts and different operating conditions due to competitive adsorptions on active sites for their conversion to the desired products. Therefore, it is necessary to pre-treat the mixture of oxygenates to produce a feed stream containing the same or similar functional group compounds before converting the feed stream to hydrocarbon compounds over HZSM-5 catalyst.

  4. Corso di Laurea in Matematica Esercizi di Geometria 1 [foglio 15]-Isometrie (di Ernesto Carlo Mistretta)

    E-Print Network [OSTI]

    Candilera, Maurizio

    Mistretta) 1. In E2 (R) con sistema di riferimento canonico indichiamo r la riflessione di asse una retta r sono assegnate: la riflessione g di asse la retta r: x = 0 la rotazione di centro C = (1, 0) ed angolo sistema di riferimento canonico sono assegnate: la riflessione di asse la retta r: x - 2y = 1 la

  5. Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    DELLA COLLABORAZIONE: - SVILUPPO DI UN SOFTWARE PER LA SIMULAZIONE HARWARE-IN- THE-LOOP DI ALGORITMI DI

  6. Nuclear fuel reprocessing deactivation plan for the Idaho Chemical Processing Plant, Revision 1

    SciTech Connect (OSTI)

    Patterson, M.W.

    1994-10-01

    The decision was announced on April 28, 1992 to cease all United States Department of Energy (DOE) reprocessing of nuclear fuels. This decision leads to the deactivation of all fuels dissolution, solvent extraction, krypton gas recovery operations, and product denitration at the Idaho Chemical Processing Plant (ICPP). The reprocessing facilities will be converted to a safe and stable shutdown condition awaiting future alternate uses or decontamination and decommissioning (D&D). This ICPP Deactivation Plan includes the scope of work, schedule, costs, and associated staffing levels necessary to achieve a safe and orderly deactivation of reprocessing activities and the Waste Calcining Facility (WCF). Deactivation activities primarily involve shutdown of operating systems and buildings, fissile and hazardous material removal, and related activities. A minimum required level of continued surveillance and maintenance is planned for each facility/process system to ensure necessary environmental, health, and safety margins are maintained and to support ongoing operations for ICPP facilities that are not being deactivated. Management of the ICPP was transferred from Westinghouse Idaho Nuclear Company, Inc. (WINCO) to Lockheed Idaho Technologies Company (LITCO) on October 1, 1994 as part of the INEL consolidated contract. This revision of the deactivation plan (formerly the Nuclear Fuel Reprocessing Phaseout Plan for the ICPP) is being published during the consolidation of the INEL site-wide contract and the information presented here is current as of October 31, 1994. LITCO has adopted the existing plans for the deactivation of ICPP reprocessing facilities and the plans developed under WINCO are still being actively pursued, although the change in management may result in changes which have not yet been identified. Accordingly, the contents of this plan are subject to revision.

  7. Proceedings of ASME Turbo Expo 2010: Power for Land, Sea and Air June 14-18, 2010, Glasgow, UK

    E-Print Network [OSTI]

    Paris-Sud XI, Université de

    Proceedings of ASME Turbo Expo 2010: Power for Land, Sea and Air GT2010 June 14-18, 2010, Glasgow by simula- tions with the PREMIX code using the detailed kinetic mecha- nism GRI-mech. 3.0. Numerical by ASME hal-00497963,version1-6Jul2010 Author manuscript, published in "ASME Turbo Expo 2010, United

  8. From Awareness to TeamRooms, GroupWeb and TurboTurtle: Eight Snapshots of Recent Work in the

    E-Print Network [OSTI]

    Greenberg, Saul

    From Awareness to TeamRooms, GroupWeb and TurboTurtle: Eight Snapshots of Recent Work in the Group. and Cockburn, A. (1995) From Awareness to TeamRooms, GroupWeb and TurboTurtle: Eight Snapshots of Recent Work in the GroupLab Project. Research Report 95/580/32, Department of Computer Science, University of Calgary

  9. Study of deactivation and regeneration of catalysts used in the LC-fining of solvent refined coal

    SciTech Connect (OSTI)

    Curtis, C.W. (Auburn Univ., AL); Guin, J.A.; Nalitham, R.; mohsin, A.; Tarrer, A.R.; Potts, J.D.; Hastings, K.E.

    1981-03-29

    Batch experiments as well as results from LC-Fining catalytic upgrading of coal extracts indicate deactivation of the Shell 324 Ni/Mo catalyst in the presence of solvent refined coal (SRC). At increased levels of SRC loading, deactivation increases. The chief cause of catalyst deactivation appears to be coking. The Shell 324 catalyst can be substantially regenerated after the upgrading reaction by medium temperature ashing followed by presulfiding.

  10. UNIVERSIT`A CA' FOSCARI DI VENEZIA Dipartimento di Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Baldan, Paolo

    UNIVERSIT`A CA' FOSCARI DI VENEZIA Dipartimento di Informatica Technical Report Series in Computer¨onig Bisimilarity and Behaviour-Preserving Reconfigurations of Open Petri Nets Dipartimento di Informatica , Reiko Heckel4 , and Barbara K¨onig5 1 Dipartimento di Informatica, Universit`a Ca' Foscari di Venezia

  11. IntroduzioneDipartimento di Informatica Universit degli Studi di Pisa

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    1 IntroduzioneDipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura Ricci Lezione n.1 di Informatica #12;2 IntroduzioneDipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Laura dagli studenti delle Lauree Specialistiche in Informatica e Tecnologie Informatiche. Gli studenti della

  12. Algoritmo di Euclide, numeri di Fibonacci e frazioni continue

    E-Print Network [OSTI]

    Zaccagnini, Alessandro

    Algoritmo di Euclide, numeri di Fibonacci e frazioni continue Alessandro Zaccagnini Sommario positivi, si descrive l'Algoritmo di Euclide e se ne fa un'analisi di complessit`a parziale, scoprendo che continue periodiche hanno valore irrazionale quadratico. 1 L'Algoritmo di Euclide Problema 1 Determinare il

  13. UNIVERSIT DI BRESCIA FACOLT DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Cassinis, Riccardo

    a permettere la localizzazione a 360 gradi del robot da parte delle videocamere, anche di risparmiare energia studiato appositamente per essere immune alle interferenze dovute alla luce solare in spazi aperti. Al

  14. Deactivation of Accelerated Engine-Aged and Field-Aged SCR Catalysts and the Role of the DOC

    Broader source: Energy.gov [DOE]

    A technique for accelerated aging of SCR system (DOC -> SCR-> DPF) reveals two deactivation mechanisms and replicates field-aged effects

  15. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    svolgimento dell'attività di "Sviluppo di una piattaforma domotica basata su BUS EDS" a favore del domotica basata su BUS EDS Articolo 2 L'attività oggetto della collaborazione avrà la durata di 6 mesi. La

  16. Corso di Laurea Magistrale in Geologia di Esplorazione

    E-Print Network [OSTI]

    selezione, presso: - Industrie ed Enti operanti nei campi della ricerca e produzione di fonti di energia e ed Agenzie Nazionali e Regionali per la Protezione dell'Ambiente, Protezione Civile; - Enti di

  17. Bando n. 01/2012 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di incarichi di fronte alle esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer svolgimento dell'attività di cui all'art. 1 del presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e

  18. Bando n. 04_2012 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di incarichi di competenze adeguate per fare fronte alle esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza" Università di Roma. Articolo 1 La

  19. Bando n. 06_2012 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    OCCASIONALE DA ATTIVARE PER LE ESIGENZE DELLA "SAPIENZA" UNIVERSITA' DI ROMA DIPARTIMENTO DI FISIOLOGIA E Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer"; - Ravvisata conseguentemente la legittimità, ai a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza" Università di

  20. (Bando collab. 2014 -03) AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di incarichi di alle esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer'attività di cui all'art. 1 del presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia

  1. Bando n. 02_2012 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di incarichi di adeguate per fare fronte alle esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza" Università di Roma. Articolo 1

  2. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Chimica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    con fondi del progetto di ricerca "Rechargeable, advanced, nano structured, lithium batteries 1 anno. Progetto di ricerca: "Batterie sodio ione per l'immagazzinamento elettrochimico dell

  3. (collab. 2014 -04) AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" intende conferire un incarico per lo svolgimento Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" per 30 giorni. PUBBLICAZIONE: Il presente avviso

  4. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Facolt di Ingegneria

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'applicazione volta a migliorare l'efficienza di un processo, impianto o prodotto di un'azienda operante in uno dei

  5. DIPARTIMENTO ORGANI DI SENSO Sapienza Universit di Roma

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    psicosomatica della postura. Postura e struttura caratteriale. Analisi Bioenergetica - Conduzione di gruppi: · esperienza documentata di insegnamento universitario nel campo dell'Analisi Bioenergetica. · Specializzazioni

  6. DIPARTIMENTO ORGANI DI SENSO Sapienza Universit di Roma

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    psicosomatica della postura; Postura e struttura caratteriale; Analisi Bioenergetica. Impegno complessivo di 4: esperienza documentata di insegnamento universitario nel campo dell'analisi Bioenergetica; Specializzazioni

  7. CURRICULUM VITAE DI GABRIELE SCARASCIA MUGNOZZA

    E-Print Network [OSTI]

    ­ pericolosità sismica locale e indagini di microzonazione sismica. Nell'ambito delle suddette tematiche di

  8. Sapienza Universit di Roma -Facolt di Architettura Bando di concorso n. 1/14 mediante procedura di valutazione comparativa per l'affidamento

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    minimo costo di intervento e massimo valore di mercato del bene; della logica e metodologia estimativa

  9. Dipartimento Organi di Senso APPROVAZIONE ATTI CONCORSUALI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    infiammatorie nel tessuto periprotesico di protesi mammarie siliconiche mediante impiego di inibitori delle

  10. Prot. n. 685/2012 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    "Traduzione in inglese di parte del testo "Indirizzi e Criteri di Microzonazione Sismica" (27 cartelle Criteri di Microzonazione Sismica" (27 cartelle)". Articolo 2 L'attività oggetto dell'incarico avrà la

  11. Verifica Formale Generazione Automatica di Test

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    Verifica Formale Testing Generazione Automatica di Test Analisi Sperimentale Conclusioni Generazione Automatica di Test per Analisi di Copertura di Software Safety Critical utilizzando Bounded Model maggio 2011 M.Narizzano #12;Verifica Formale Testing Generazione Automatica di Test Analisi Sperimentale

  12. AVVISO DI CONFERIMENTO DI INCARICO Visto l'art. 26 del Regolamento per l'affidamento di incarichi di collaborazione coordinata e

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    disastro in generale e di post/terremoto in particolare. COMPETENZE DEL PRESTATORE: - Laurea specialistica antropologico-culturale; - Esperienza di etnografie di località; - Esperienze di etnografie di post-terremoto

  13. Final deactivation project report on the Integrated Process Demonstration Facility, Building 7602 Oak Ridge National Laboratory, Oak Ridge, Tennessee

    SciTech Connect (OSTI)

    1997-09-01

    The purpose of this report is to document the condition of the Integrated Process Demonstration Facility (Building 7602) at Oak Ridge National Laboratory (ORNL) after completion of deactivation activities by the High Ranking Facilities Deactivation Project (HRFDP). This report identifies the activities conducted to place the facility in a safe and environmentally sound condition prior to transfer to the U.S. Department of Energy (DOE) Environmental Restoration EM-40 Program. This report provides a history and description of the facility prior to commencing deactivation activities and documents the condition of the building after completion of all deactivation activities. Turnover items, such as the Post-Deactivation Surveillance and Maintenance (S&M) Plan, remaining hazardous and radioactive materials inventory, radiological controls, Safeguards and Security, and supporting documentation provided in the Office of Nuclear Material and Facility Stabilization Program (EM-60) Turnover package are discussed.

  14. Corso di Laurea in Informatica -a.a. 2003/04 Primo parziale di Elementi

    E-Print Network [OSTI]

    Amadori, Debora

    Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003/04 Primo parziale di Elementi 6 novembre 2003 Compito- nenza e anno di corso. #12;Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003/04 Primo parziale di Elementi 6, cognome, numero di matricola, canale di apparte- nenza e anno di corso. #12;Corso di Laurea in Informatica

  15. Corso di Dottorato di Ricerca Internazionale in Nuclear and Particle Astrophysics, XXIV ciclo

    E-Print Network [OSTI]

    Morselli, Aldo

    Corso di Dottorato di Ricerca Internazionale in Nuclear and Particle Astrophysics, XXIV ciclo di Accoppiamento Andamento delle costanti di accoppiamento in funzione dell'energia per il modello

  16. 1 Copyright 2004 by ASME Proceedings of ASME Turbo Expo 2004

    E-Print Network [OSTI]

    Müller, Norbert

    evaporation INTRODUCTION The potential for using wave devices in thermodynamic cycles for power generation rotors have demonstrated an attractive potential for reaching the ultra-high performance targets of power1 Copyright © 2004 by ASME Proceedings of ASME Turbo Expo 2004 Power for Land, Sea, and Air June 14

  17. Proceedings of ASME TURBO EXPO 2002 International Gas Turbine & Aeroengine Congress & Exhibition

    E-Print Network [OSTI]

    Peraire, Jaime

    Proceedings of ASME TURBO EXPO 2002 International Gas Turbine & Aeroengine Congress & Exhibition dynamics code using the proper orthogonal decomposition technique. This results in a low-order model to be a signifi- 1 Copyright 2002 by ASME #12;cant factor, increasing the vibratory stress levels by 70% over

  18. Proceedings of ASME Turbo Expo 2004 2004 Power for Land, Sea, and Air

    E-Print Network [OSTI]

    Zha, Gecheng

    Proceedings of ASME Turbo Expo 2004 2004 Power for Land, Sea, and Air Vienna, Austria, June 14 incidence cascade. The second order accuracy is obtained with the dual time stepping technique. The code is reached. However, the flutter exists in much 1 Copyright c ¤ 2004 by ASME #12;wider Mach number region

  19. 1 Copyright 2004 by ASME Proceedings of ASME-IGTI TURBO EXPO 2004

    E-Print Network [OSTI]

    Cazzola, Walter

    1 Copyright © 2004 by ASME Proceedings of ASME-IGTI TURBO EXPO 2004 14-17 JUNE 2004 VIENNA (AUSTRIA) ASME PAPER 2004-GT-54115 WIDGET-TEMP: A NOVEL WEB-BASED APPROACH FOR THERMOECONOMIC ANALYSIS evolution of the TEMP (ThermoEconomic Modular Program) code, developed over the last ten years by the TPG

  20. Proceedings of ASME Turbo Expo 2005 Power for Land, Sea and Air

    E-Print Network [OSTI]

    Pennycook, Steve

    , and are attractive for distributed generation (DG), combined heat and power (CHP), and possibly combined cycleProceedings of ASME Turbo Expo 2005 Power for Land, Sea and Air June 6-9, 2005, Reno, Nevada Paper GT2005-68927 OVERVIEW OF CREEP STRENGTH AND OXIDATION OF HEAT-RESISTANT ALLOY SHEETS AND FOILS

  1. INFLUENCES OF RAKE RECEIVER/TURBO DECODER PARAMETERS ON ENERGY CONSUMPTION AND QUALITY

    E-Print Network [OSTI]

    Al Hanbali, Ahmad

    INFLUENCES OF RAKE RECEIVER/TURBO DECODER PARAMETERS ON ENERGY CONSUMPTION AND QUALITY Lodewijk T are selected and their influences on the energy consumption and quality are investigated by means power hardware is needed to save energy consumption. Furthermore, an adequate quality of the wireless

  2. Implementation of Iterative Map turbo Decoder on TMS320C40 DSP 

    E-Print Network [OSTI]

    Patil, Sunil S

    1997-01-01

    . The main objective of this thesis is the implementation of an Iterative MAP turbo Decoder on a digital signal processor, TMS32OC40. Performance of the decoder was tested over an additive white gaussian noise channel and using a binary phase shift keying...

  3. Proceedings of GT2006 ASME Turbo Expo 2006: Power for Land, Sea and Air

    E-Print Network [OSTI]

    Seitzman, Jerry M.

    undertaken because of the need to burn liquid fuels with low emissions in gas turbines that are usedProceedings of GT2006 ASME Turbo Expo 2006: Power for Land, Sea and Air May 8-11, 2006, Barcelona WITH LIQUID FUEL INJECTION John Crane, Yedidia Neumeier, Jeff Jagoda, Jerry Seitzman, and Ben T. Zinn Georgia

  4. Proceedings of GT2005 ASME Turbo Expo 2005: Power for Land, Sea and Air

    E-Print Network [OSTI]

    Seitzman, Jerry M.

    Proceedings of GT2005 ASME Turbo Expo 2005: Power for Land, Sea and Air June 6-9, 2005, Reno) plants enable combustion of coal, biomass, and other solid or liquid fuels while still maintaining high-rich mixtures; many low emissions gas-turbine approach require lean premixed combustion. There is also

  5. Turbo Pump Magnetic Shielding Analysis NSTX-CALC-24-04-00

    E-Print Network [OSTI]

    Princeton Plasma Physics Laboratory

    NSTX Turbo Pump Magnetic Shielding Analysis NSTX-CALC-24-04-00 March 16, 2011 Prepared By the calculation is being performed.) To perform 3D analysis for the design of magnetic shield for the NSTX vacuum; and to extract Lorentz forces on the magnetic shield to ensure the shield is adequately supported References

  6. Proceedings of ASME Turbo Expo 2012 June 11-15, 2012, Copenhagen, Denmark

    E-Print Network [OSTI]

    Camci, Cengiz

    Proceedings of ASME Turbo Expo 2012 GT2012 June 11-15, 2012, Copenhagen, Denmark GT2012-69304 DRAFT transport. TKE Turbulence kinetic energy. 1 Copyright c 2012 by ASME #12;INTRODUCTION Sharma and Butler [1 important param- eters play a significant role in the production of endwall losses within and outside

  7. BANDO n. 2/2012 PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    processi enzimatici, alla caratterizzazione termodinamica di complessi di inclusione di tipo host-guest. Un

  8. Dipartimento di Architettura e Progetto "Sapienza" Universit di Roma

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'architettura bioclimatica e della sostenibilità ambientale Presentando nel curriculum vitae: a) I titoli di studio (anche

  9. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE" DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 06/prest Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale del 17/02/2015 - Considerato che dalla verifica

  10. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE" DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 15/prest Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale del 28/05/2015 - Considerato che dalla verifica

  11. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE" DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 03/co Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale del 17/02/2015 - Considerato che dalla verifica

  12. Prot. n. 503/2011 AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    delle reti sismometriche Comprovata esperienza nel campo degli studi di Microzonazione Sismica DURATA E

  13. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Fisica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    PRESTAZIONE: Studio teorico della termodinamica statistica delle reti molecolari reali e sviluppo di algoritmi

  14. APPUNTI DALLE LEZIONI DI ISTITUZIONI DI FISICA MATEMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Bologna, Università di

    seicento. Dunque questo modello meccanico rende conto di una legge termodinamica macroscopica (pV = RT

  15. (n. 01/2012) AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" intende conferire un incarico per lo svolgimento

  16. Sapienza Universit di Roma Centro di Ricerca in Psicologia Clinica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'ambito della psicopatologia dello sviluppo ­ Partita IVA I requisiti debbono essere posseduti alla data di

  17. Sapienza Universit di Roma Centro di Ricerca in Psicologia Clinica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    professionale pregressa nell'ambito delle attività di ricerca e intervento nell'ambito della psicopatologia

  18. LAUREA IN FISICA CORSO DI ISTITUZIONI DI FISICA MATEMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Fassò, Francesco

    - cillazione attorno ad una configu- razione di equilibrio stabile. Esercizio 2. Determinare la Hamiltoniana H

  19. Impact of dopant compensation on the deactivation of boron-oxygen recombination centers in crystalline silicon

    E-Print Network [OSTI]

    reference wafers are 5.8, 1.26, and 0.45 cm, as measured by the four-point-probe method after thermal donor that boron is directly involved in the deactivation process. A linear dependence of the activation energy As a conse- quence, solar cells fabricated on B-doped Cz-Si suffer from a loss in energy conversion

  20. An unusual pathway of excitation energy deactivation in carotenoids: Singlet-to-triplet conversion on an

    E-Print Network [OSTI]

    van Stokkum, Ivo

    An unusual pathway of excitation energy deactivation in carotenoids: Singlet-to-triplet conversion of this energy transfer process can be as low as 30%. Here, we present evidence that an unusual pathway, they act as light-harvesting (LH) pigments by absorbing sunlight in the blue and green parts of the solar

  1. UNIVERSIT DI BRESCIA FACOLT DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Cassinis, Riccardo

    finalità il controllo remoto del manipolatore industriale fisso Kawasaki RS03N mediante l'utilizzo di materiale e le istruzioni necessarie a chiunque voglia cimentarsi nell'analisi o nell'ampliamento del lavoro'ambiente software utilizzati per controllare da remoto il robot industriale Kawasaki RS03N. 1.1. Microsoft Kinect

  2. UNIVERSIT DI BRESCIA FACOLT DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Cassinis, Riccardo

    robot stabilisce la propria posizione in un determinato ambiente. Esistono svariati metodi per: dispositivi che emettono energia permettendo al robot di individuare la direzione da cui proviene l'energia stessa; · Beacon passivi: dispositivi che riflettono l'energia emessa dal robot; · Transponder

  3. Universit di Brescia Facolt di Ingegneria

    E-Print Network [OSTI]

    Cassinis, Riccardo

    _manuali_pdf.doc - Pioneer_faq.doc - Saphira_faq.doc - Contenuto directory html.doc - Istruzioni d'uso documentazione di Pioneer e Saphira Cognachrome - Cognachrome.doc - Mini_arch_readme.txt Html - Contenuto directory html.html - Tutti i brevi manuali in formato html Pdf - Contenuto sottodirectory altri_pdf.doc - Manuali Pioneer

  4. Corso di Laurea in Informatica -a.a. 2003/04 Prova finale di Elementi di Matematica

    E-Print Network [OSTI]

    Amadori, Debora

    Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003/04 Prova finale di Elementi di Matematica 12 dicembre in Informatica - a.a. 2003/04 Prova finale di Elementi di Matematica 12 dicembre 2003 Compito B Parte II ­ durata tutti i fogli nome, cognome, numero di matricola. #12;Corso di Laurea in Informatica - a.a. 2003

  5. Dipartimento di Management Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    the effects of exploration to long-run organizational performance. We will use patent data to measure cross-sectional del progetto: Our project intends to consider how cross-sectional and inter-temporal differences CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA DI CATEGORIA B) BANDO N. 23/2013 Prot. n. 643

  6. Tecnologia DBMS Base di Dati

    E-Print Network [OSTI]

    De Antonellis, Valeria

    INTRO 1 Tecnologia DBMS #12;INTRO 2 Base di Dati Raccolta di dati: » strutturati e permanenti -- DBMS Sistema (prodotto software) in grado di gestire basi di dati garantendo gestione della concorrenza degli accessi). Come ogni prodotto informatico, un DBMS deve essere efficiente (utilizzando al meglio le

  7. ANGOLI DI EULERO Ogni trasformazione ortogonale \\Phi, di determinante 1, `e composizione di 3 rotazioni. I tre angoli di

    E-Print Network [OSTI]

    Candilera, Maurizio

    i, oppure `e la composizione di una tale rotazione con un ribaltamento dell'asse e 3 . Altrimenti he 2 i che porta N su v 1 . Allora la trasformazione \\Phi si decompone in ffl rotazione di asse e 3 ed angolo /, seguita da ffl rotazione di asse N ed angolo #, seguita da ffl rotazione di asse v 3 ed angolo

  8. BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVIT' DI RICERCA

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    . Progetto di ricerca dal titolo: "Studio prospettico randomizzato controllato: protesi anatomica vs protesi

  9. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 6 aprile 2011

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    un'algebra di Boole. Soluzione. Un esempio di algebra di Heyting avente elementi dotati di equivalente a ((B C) B) ((B C) C) che sappiamo come falsificare nell'algebra di Heyting 1 b c b c 0 Pe algebra di Heyting avente elementi non banali, diversi cio`e da 0 e 1, dotati di complemento insieme ad

  10. VERIFICA PRELIMINARE N 59/2009 AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE PRESSO LA FACOLTA' DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Sapienza Università di Roma e la richiesta del CAD di Informatica, si rende noto che la Facoltà di Scienze Laurea in Informatica REQUISITI RICHIESTI: - Laurea specialistica Ingegneria, Informatica e Matematica DURATA E LUOGO: sei mesi (50 ore) - Dipartimento di Informatica PUBBLICAZIONE il presente avviso sarà

  11. Prot. n. 531/2011 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Comprovata esperienza nel campo degli studi di Microzonazione Sismica Alla presente procedura non possono

  12. Prot. n. 530/2011 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    esperienza nel campo degli studi di Microzonazione Sismica Alla presente procedura non possono partecipare

  13. (Bando collab. 2014 -04) AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di incarichi di disponibilità, né competenze adeguate per fare fronte alle esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza

  14. (Bando collab. 2014 -01) AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    DIPARTIMENTO DI FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer"; - Ravvisata all'art. 1 del presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio

  15. Bando n. 05_2012 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    OCCASIONALE DA ATTIVARE PER LE ESIGENZE DELLA "SAPIENZA" UNIVERSITA' DI ROMA DIPARTIMENTO DI FISIOLOGIA E rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer"; - Ravvisata conseguentemente la presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza

  16. Bando n. 02_2013 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di incarichi di alle esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza" Università di Roma. Articolo 1 La presente

  17. (Bando collab. 2014 -02) AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di incarichi di esigenze rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer"; - Ravvisata presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" della "Sapienza

  18. DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE E GEOTECNICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    sismica di grandi dighe a volta: definizione e valutazione di modelli numerici integrali, e confronto con

  19. BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'esecuzione del programma di ricerca relativo alla "Valutazione e riduzione della vulnerabilità sismica di edifici

  20. Integrazione numerica: formule di Newton-Cotes semplici Formule di Newton-Cotes composte

    E-Print Network [OSTI]

    Demeio, Lucio

    Integrazione numerica: formule di Newton-Cotes semplici Formule di Newton-Cotes composte Metodo di-Cotes composte Metodo di Romberg 1 Integrazione numerica: formule di Newton-Cotes semplici 2 Formule di Newton-Cotes composte 3 Metodo di Romberg Lucio Demeio Dipartimento di Scienze Matematiche Analisi Numerica #12

  1. BANDO N. 07/2012 BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'ambito di tecniche di biologia cellulare, biotecnologia, biochimica, microscopia, biologia molecolare e

  2. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Presidenza della Facolt di Scienze MFN

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    recupero per le esigenze dell'insegnamento di Biotecnologia Ricombinanti di questa Facoltà. Art. 1 Posti

  3. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    pretrattamenti delle biomasse umide finalizzati alla ottimizzazione della produzione di biogas negli impianti di

  4. Facolt di Scienze MM.FF.NN Corso di Laurea in informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Lo Cigno, Renato Antonio

    della SSTHRESH; 2. tempo di trasferimento; 3. numero totale di pacchetti inviati in rete ed efficienza

  5. Esercizi di Algebra Lineare Fasci di coniche

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    fascio delle coniche tangenti in O all'asse y , e per passanti per i punti A(1, 0) , B(1, 2). Determinare vertice e asse della parabola p di . Soluzione · C1 : asse y e retta per A e B : C1 : x(x - 1 ELLISSI. ­ det(A) -1 IPERBOLI. ­ det(A) = 0 : k = -1 PARABOLA p : (x - y)2 - x = 0. L'asse `e

  6. UNIVERSIT`A DEGLI STUDI DI FIRENZE Facolt`a di Ingegneria -Dipartimento di Sistemi e Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Ceroni, Alessio

    UNIVERSIT`A DEGLI STUDI DI FIRENZE Facolt`a di Ingegneria - Dipartimento di Sistemi e Informatica Dottorato di Ricerca in Ingegneria Informatica e dell'Automazione XVIII Ciclo Prediction of Structure

  7. AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI DUE INCARICHI OCCASIONALI DA ATTIVARE PER LE ESIGENZE DEL DIPARTIMENTO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    in generale e di post/terremoto in particolare." Art.2 Durata e compenso dell'incarico L'attività oggetto dell etnografie di località; - Esperienze di etnografie di post-terremoto in Abruzzo. I cittadini stranieri

  8. EXIT-Chart Aided Near-Capacity Quantum Turbo Code Design

    E-Print Network [OSTI]

    Zunaira Babar; Soon Xin Ng; Lajos Hanzo

    2015-02-03

    The design of Quantum Turbo Codes (QTCs) typically relies on the analysis of their distance spectra, followed by Monte-Carlo simulations. By contrast, in this paper we appropriately adapt the conventional non-binary EXtrinsic Information Transfer (EXIT) charts for quantum turbo codes by exploiting the intrinsic quantum-to-classical isomorphism. The EXIT chart analysis not only allows us to dispense with the time-consuming Monte-Carlo simulations, but also facilitates the design of near-capacity codes without resorting to the analysis of their distance spectra. We have demonstrated that our EXIT chart predictions are in line with the Monte-Carlo simulations results. We have also optimized the entanglement-assisted QTC using EXIT charts, which outperforms the existing distance spectra based QTCs. More explicitly, the performance of our optimized QTC is as close as 0.3 dB to the corresponding hashing bound.

  9. Final Deactivation Project report on the Alpha Powder Facility, Building 3028, at Oak Ridge National Laboratory, Oak Ridge, Tennessee

    SciTech Connect (OSTI)

    1997-04-01

    This report documents the condition of the Alpha Powder Facility (APF), Building 3028, after completion of deactivation activities. Activities conducted to place the facility in a safe and environmentally sound condition for transfer to the U.S. Department of Energy (DOE) Office of Environmental Restoration (EM-40) program are outlined. A history and profile of the facility prior to commencing deactivation activities and a profile of the building after completion of deactivation activities are provided. Turnover items, such as the post-deactivation surveillance and maintenance (S&M) plan, remaining hazardous materials, radiological controls, safeguards and security, quality assurance, facility operations, and supporting documentation provided for in the DOE Nuclear Materials and Facility Stabilization Program (EM-60) turnover package are discussed.

  10. DESIGN & DEVELOPMENT OF E-TURBO FOR SUV AND LIGHT TRUCK APPLICATIONS

    SciTech Connect (OSTI)

    Balis, C; Middlemass, C; Shahed, SM

    2003-08-24

    The purpose of the project is to develop an electronically controlled, electrically assisted turbocharging system, e-Turbo, for application to SUV and light truck class of passenger vehicles. Earlier simulation work had shown the benefits of e-Turbo system on increasing low-end torque and improving fuel economy. This paper will present further data from the literature to show that advanced turbocharging can enable diesel engine downsizing of 10-30% with 6-17% improvement in fuel economy. This is in addition to the fuel economy benefit that a turbocharged diesel engine offers over conventional gasoline engines. E-Turbo is necessary to get acceptable driving characteristics with downsized diesel engines. As a first step towards the development of this technology for SUV/light truck sized diesel engines (4-6 litre displacement), design concepts and hardware were evaluated for a smaller engine (2 litre displacement). It was felt that design and developments issues could be minimized, the concept proven progressively on the bench, on a small engine and then applied to a large Vee engine (one on each bank). After successful demonstration of the concept, large turbomachinery could be designed and built specifically for larger SUV sized diesel engines. This paper presents the results of development of e-Turbo for a 2 litre diesel engine. A detailed comparison of several electric assist technologies including permanent magnet, six-phase induction and conventional induction motor/generator technology was done. A comparison of switched reluctance motor technology was also done although detailed design was not carried out.

  11. Using liquid desiccant as a regenerable filter for capturing and deactivating contaminants

    DOE Patents [OSTI]

    Slayzak, Steven J. (Denver, CO); Anderson, Ren S. (Broomfield, CO); Judkoff, Ronald D. (Golden, CO); Blake, Daniel M. (Golden, CO); Vinzant, Todd B. (Golden, CO); Ryan, Joseph P. (Golden, CO)

    2007-12-11

    A method, and systems for implementing such method, for purifying and conditioning air of weaponized contaminants. The method includes wetting a filter packing media with a salt-based liquid desiccant, such as water with a high concentration of lithium chloride. Air is passed through the wetted filter packing media and the contaminants in are captured with the liquid desiccant while the liquid desiccant dehumidifies the air. The captured contaminants are then deactivated in the liquid desiccant, which may include heating the liquid desiccant. The liquid desiccant is regenerated by applying heat to the liquid desiccant and then removing moisture. The method includes repeating the wetting with the regenerated liquid desiccant which provides a regenerable filtering process that captures and deactivates contaminants on an ongoing basis while also conditioning the air. The method may include filtration effectiveness enhancement by electrostatic or inertial means.

  12. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Aprile 2012 OGGETTO DELLA PRESTAZIONE: Sviluppo di una piattaforma domotica basata su BUS EDS. La collaborazione comporterà La collaborazione comporterà lo sviluppo di una piattaforma domotica basata su BUS EDS

  13. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Novembre 2012 OGGETTO DELLA PRESTAZIONE: Sviluppo di una piattaforma domotica basata su BUS EDS. La collaborazione comporter nello sviluppo di una piattaforma domotica basata su BUS EDS. COMPETENZE DEL PRESTATORE

  14. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Facolt di Ingegneria

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    1. l'area della sezione di uscita dell'ugello 2. la spinta lorda del motore e la spinta esercitata trifase presenta le seguenti grandezze nominali e caratteristiche: nucleo magnetico a colonna, numero di

  15. DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E INFORMATICA CITT UNIVERSITARIA

    E-Print Network [OSTI]

    Russo, Giovanni

    DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E INFORMATICA CITT� UNIVERSITARIA Viale A. Doria, 6 - I 95125 ­ CATANIA saprete, il Dipartimento di Matematica e Informatica dell'Università di Catania ha avuto il privilegio di

  16. AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE Visto l'art. 5 del Regolamento per l'affidamento di incarichi di collaborazione coordinata e

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    pazienti sottoposti a posizionamento di protesi acustiche impiantabili. COMPETENZE DEL PRESTATORE: Diploma applicazione di sistemi di protesi acustiche impiantabili DURATA E LUOGO: 6 mesi ­ II Facoltà di Medicina e

  17. Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    LA SIMULAZIONE HARWARE-IN-THE-LOOP DI ALGORITMI DI GUIDA, NAVIGAZIONE E CONTROLLO PER L svolgimento della seguente attività: SVILUPPO DI UN SOFTWARE PER LA SIMULAZIONE HARWARE-IN-THE-LOOP DI

  18. Extending operating range of a homogeneous charge compression ignition engine via cylinder deactivation

    DOE Patents [OSTI]

    Hergart, Carl-Anders (Peoria, IL); Hardy, William L. (Peoria, IL); Duffy, Kevin P. (Metamora, IL); Liechty, Michael P. (Chillicothe, IL)

    2008-05-27

    An HCCI engine has the ability to operate over a large load range by utilizing a lower cetane distillate diesel fuel to increase ignition delay. This permits more stable operation at high loads by avoidance of premature combustion before top dead center. During low load conditions, a portion of the engines cylinders are deactivated so that the remaining cylinders can operate at a pseudo higher load while the overall engine exhibits behavior typical of a relatively low load.

  19. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "SAPIENZA" DIPARTIMENTO DI SCIENZE RADIOLOGICHE

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    oltre il 5 aprile 2011 al seguente indirizzo di posta elettronica segreteria.radiologia@uniroma1.it o

  20. LAUREA DI PRIMO LIVELLO IN FISICA ISTITUZIONI DI FISICA MATEMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Fassò, Francesco

    - zando le coordinate 1, 2 in figura. b. Si determini la stabilit`a della configu- razione di equilibrio

  1. Piano della performance di Sapienza Universit di Roma

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    predisposto dall'Organismo di Indirizzo e Raccordo (OIR)1 denominato "Misura della consistenza e dell'efficienza

  2. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Filosofia

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    meteorologia ellenistica: filosofia e scienza a partire dall'Epistola a Pitocle di Epicuro, Responsabile prof meteorologia ellenistica: filosofia e scienza a partire dall'Epistola a Pitocle di Epicuro, Responsabile prof presso il Dipartimento di Filosofia per il SSD M-FIL07 nell'ambito della ricerca La meteorologia

  3. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 17/prest.occ/2014 VISTO - Visto il Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" - Vista la delibera in Consiglio di

  4. Corso di Laurea Magistrale in Geologia di Esplorazione Metodologie Geofisiche

    E-Print Network [OSTI]

    . Velocità sismica, geometria di un fronte d'onda, riflessione e rifrazione di onde sismiche. Metodo a riflessione, rilievi a terra e in mare, misure di velocità. Metodo a rifrazione, Tomografia sismica tramite la gravimetria, la magnetometria, la sismica a rifrazione e a riflessione, e i metodi elettrici ed

  5. Prot. n. 501/2011 AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    esperienza nel campo degli studi di Microzonazione Sismica DURATA E LUOGO: 3 mesi PUBBLICAZIONE: Il presente delle indagini in sito Comprovata esperienza nel campo degli studi di Microzonazione Sismica DURATA E delle indagini in sito Comprovata esperienza nel campo degli studi di Microzonazione Sismica DURATA E

  6. Corso di Controlli Automatici Prof. Stefano Di Gennaro

    E-Print Network [OSTI]

    Pola, Giordano

    dell'asse reale sono sempre punti del luogo (soddisfano la con- dizione di fase). Appartengono al luogo positivo i punti dell'asse reale che lasciano alla loro destra un numero dispari di poli e/o zeri di F(s), contati con la loro molteplicità. I restanti punti dell'asse reale appartengono al luogo negativo. 4. Per

  7. Universit di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Informatica e Sistemistica

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    dalla periferica 1. Programmed I/O 2. Interrupts (incrementa l'efficienza) 3. Il controller ha un" Dipartimento di Informatica e Sistemistica Progettazione della funzione di I/O: obiettivi Efficienza · l tramite incremento del livello di multiprogrammazione · lo swapping richiede però I/O efficiente per

  8. EUGENIO GAUDIO Giornata di Studio

    E-Print Network [OSTI]

    affrontato il tema del rischio sismico, con un am- pia retrospettiva sul Terremoto di Avezzano del 1915 e dei Geology and Envi- ronment - Scientific Editor-in-Chief Il Terremoto di Avezzano del 1915 Gianluca

  9. ACCORDO QUADRO COMUNE DI GENOVA

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    'Associazione Genova Smart City, il cui scopo è di individuare il processo e l'agenda di trasformazione per rendere Genova una città "smart", secondo l'accezione della Commissione Europea, coinvolgendo gli attori della

  10. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 30 marzo 2010

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    struttura classica su un dominio di due elementi D = {a, b}, una algebra di Boole di due elementi e una in ogni algebra di Boole. In particolare esse saranno valutate in vero da ogni direttamente la definizione di valutazione, che in ogni struttura D basata su una algebra di Heyting esse

  11. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 16 marzo 2010

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    struttura con un dominio D {a, b} di due elementi su una algebra di Boole di due elementi utilizzando la/F `e l'algebra di Boole di due elementi. Soluzione. Per dimostrare il primo punto `e sufficiente far una algebra di Heyting. Soluzione. Se w `e un generico ticket per (A B) (A C) allora possiamo

  12. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 11 dicembre 2009

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    )(a) = 0 V (B)(b) = 0 3 #12;Esercizio 3 Sia B un algebra di Boole e F un suo filtro proprio. Dimostrare che di Heyting invece che un'algebra di Boole? Soluzione. Analizziamo dapprima il caso dell'algebra di basta un'algebra di Heyting di tre elementi). Seguendo il suggerimento possiamo trovare una prova

  13. DIPARTIMENTO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALIT MEDICHE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    coltura di cellule epatocitarie in scaffold 3D utilizzando tecnologie di bio-printing", presso il della ricerca: "Modelli di coltura di cellule epatocitarie in scaffold 3D utilizzando tecnologie di bio-printing@uniroma1.it Argomento del colloquio: Tecniche di "bio ­printing" Applicazioni delle colture cellulari 3D

  14. prot. n. 862/2013 PROCEDURA SELETTIVA PER L'ATTRIBUZIONE DI N.1 ASSEGNO DI RICERCA

    E-Print Network [OSTI]

    e attestati di frequenza ai corsi di perfezionamento post laurea, incluso Dottorato di ricerca: fino diplomi di specializzazione e attestati di frequenza ai corsi di perfezionamento post laurea (1 diploma, 1 di specializzazione e attestati di frequenza ai corsi di perfezionamento post laurea (3 borse di

  15. Dipartimento di Studi di Chimica e Tecnologia delle Sostanze Biologicamente Attive 00185 Roma

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Dipartimento di Studi di Chimica e Tecnologia delle Sostanze Biologicamente Attive 00185 Roma-MEDNANO); VISTA la delibera del Consiglio di Dipartimento di Studi di Chimica e Tecnologia delle Sostanze presso il Dipartimento di Studi di Chimica e Tecnologia delle Sostanze Biologicamente Attive per l

  16. ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI PSICOLOGO II SESSIONE 2009

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    software è . efficiente o no rispetto al contesto; 2. Un'ipotesi circa la possibile fonte del problema comune, sulla loro efficienza, sul livello di penetrazione nella popolazione target, e sul grado di

  17. Traffico, onde di shock, onde di rarefazione. 1.1. Modelli continui di un mondo discreto

    E-Print Network [OSTI]

    Paparella, Francesco

    percepiti individualmente. Non occorre essere degli esperti di fisiologia per sapere che l'occhio uma- no ha

  18. DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Schenato, Luca

    DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE Model-Based Control Techniques .for Automotive a human driver on a driving simulator allows automotive manufacturers to bridge the gap between virtual the platform within its limited operation space. Such strategies go under the name of Motion Cueing Algorithms

  19. Universit degli Studi di Salerno Facolt di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

    E-Print Network [OSTI]

    Gerla, Giangiacomo

    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 1.5 L'algebra di Boole degli aperti regolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 1 1.2 Algebre di Boole e teorema di Stone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 1

  20. Foglio illustrativo del corso di Elettromagnetismo e Ottica

    E-Print Network [OSTI]

    Marrucci, Lorenzo

    ) gli esami di meccanica e termodinamica, di analisi matematica 1 e di geometria, anche se solo il primo

  1. The Orosomucoid 1 protein is involved in the vitamin D – mediated macrophage de-activation process

    SciTech Connect (OSTI)

    Gemelli, Claudia, E-mail: claudia.gemelli@unimore.it [Department of Life Sciences, University of Modena and Reggio Emilia, Via Campi 287, 41125 Modena (Italy); Center for Regenerative Medicine, University of Modena and Reggio Emilia, Via Gottardi 100, 41125 Modena (Italy); Martello, Andrea; Montanari, Monica; Zanocco Marani, Tommaso; Salsi, Valentina; Zappavigna, Vincenzo; Parenti, Sandra; Vignudelli, Tatiana; Selmi, Tommaso; Ferrari, Sergio; Grande, Alexis [Department of Life Sciences, University of Modena and Reggio Emilia, Via Campi 287, 41125 Modena (Italy)

    2013-12-10

    Orosomucoid 1 (ORM1), also named Alpha 1 acid glycoprotein A (AGP-A), is an abundant plasma protein characterized by anti-inflammatory and immune-modulating properties. The present study was designed to identify a possible correlation between ORM1 and Vitamin D3 (1,25(OH)2D3), a hormone exerting a widespread effect on cell proliferation, differentiation and regulation of the immune system. In particular, the data described here indicated that ORM1 is a 1,25(OH)2D3 primary response gene, characterized by the presence of a VDRE element inside the 1 kb sequence of its proximal promoter region. This finding was demonstrated with gene expression studies, Chromatin Immunoprecipitation and luciferase transactivation experiments and confirmed by VDR full length and dominant negative over-expression. In addition, several experiments carried out in human normal monocytes demonstrated that the 1,25(OH)2D3 – VDR – ORM1 pathway plays a functional role inside the macrophage de-activation process and that ORM1 may be considered as a signaling molecule involved in the maintenance of tissue homeostasis and remodeling. - Highlights: • ORM1 is a Vitamin D primary response gene. • VD and its receptor VDR are involved in the de-activation process mediated by human resident macrophages. • The signaling pathway VD-VDR-ORM1 plays an important role in the control of macrophage de-activation process. • ORM1 may be defined as a signaling molecule implicated in the maintenance of tissue homeostasis and remodeling.

  2. Final deactivation project report on the Source Development Laboratory, building 3029, Oak Ridge National Laboratory, Oak Ridge, Tennessee

    SciTech Connect (OSTI)

    1997-05-01

    The purpose of this report is to document the condition of Building 3029 after completion of deactivation activities as outlined by the DOE Nuclear Materials and Facility Stabilization Program (EM-60) guidance documentation. This report outlines the activities conducted to place the facility in a safe and environmentally sound condition for transfer to the DOE Office of Environmental Restoration (EM-40). This report provides a history and profile of the facility prior to commencing deactivation activities and a profile of the building after completion of deactivation activities. Turnover items, such as the post-deactivation surveillance and maintenance (S&M) plan, remaining hazardous materials, radiological controls, safeguards and security, quality assurance, facility operations, and supporting documentation provided in the EM-60 turnover package are discussed. Building 3029 will require access to facilitate required S&M activities to maintain the building safety envelope. building 3029 was stabilized during deactivation so that when transferred to the EM-40 program, only a minimal S&M effort would be required to maintain the building safety envelope. Other than the minimal S&M activities, the building will be unoccupied and the exterior doors locked to prevent unauthorized access. The building will be entered only to perform the required S&M. 5 refs., 7 figs., 3 tabs.

  3. BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI n. 2 RICERCATORI CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO FINANZIATO DA FONDI DI DIPARTIMENTO (art.2, lett. d del Regolamento)

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    indirizzo di posta elettronica segreteria.radiologia@uniroma1.it Nella domanda di partecipazione i candidati

  4. Sapienza Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Sapienza Università di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale Antonio Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 15/04/2014. OGGETTO

  5. Sapienza Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Sapienza Università di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale Antonio Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Giunta del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 23

  6. RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO -BICOCCA

    E-Print Network [OSTI]

    Milano-Bicocca, Università

    'amministrazione, la finanza e la contabilità, art. 32, comma 2. Pagina 1 di 3 #12;Il Nucleo di Valutazione ha Amministrativo, che, entro la fine del 2005, l'Ateneo potrà disporre di un bilancio economico per centri di costo

  7. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento Medico-chirurgico di Scienze cliniche,

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    particolare riguardo all'utilizzo di protesi di tipo biologico". Referente scientifico il Prof. Antonio riguardo all'utilizzo di protesi di tipo biologico" #12;Pag 2 Referente scientifico il prof. Antonio

  8. DEACTIVATION MANAGEMENT

    Office of Environmental Management (EM)

    AFDC Printable Version Share this resource Send a link to EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page to someone by E-mail Share EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Facebook Tweet about EERE: Alternative Fuels Data Center Home Page on Twitter Bookmark EERE: Alternative Fuels Data Center Homesum_a_epg0_fpd_mmcf_m.xls" ,"Available from WebQuantity of Natural GasAdjustmentsShirley Ann Jackson About UsEnergyofSoftware Engineering Institute | DepartmentAugust8,,MANAGEMENT The

  9. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Chimica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    "Rechargeable, advanced, nano structured, lithium batteries with high storage capability (IIT caratterizzazione di materiali anodici nanostrutturati per celle litio-ione", per il settore scientifico

  10. ALMA MATER STUDIORUM -UNIVERSIT DI BOLOGNA FACOLTA' DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Simunic, Tajana

    SOLARE IN SISTEMI EMBEDDED DI ATTUAZIONE - MANAGEMENT OF SOLAR HARVESTED ENERGY IN ACTUATION strategies .................................................23 1.3.1 Solar energy. Solar Energy Predictor: Weather Conditioned Moving Average

  11. Dipartimento di Informatica Universit degli Studi di Pisa Distributed Hash Tables: Introduzione

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    1 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Distributed Hash Tables: Introduzione Capitolo 7Capitolo 7 Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica #12;2 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa Distributed Hash Tables: Introduzione Laura Ricci Riassunto della

  12. Dipartimento di Informatica Universit degli Studi di Pisa RMI CallBacks Laura Ricci

    E-Print Network [OSTI]

    Ricci, Laura

    Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa RMI CallBacks Laura Ricci Lezione n.10 LPR- Informatica Applicata RMI CallBacks 15/5/2006 Laura Ricci Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica #12;Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Pisa RMI CallBacks Laura

  13. DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE E GEOTECNICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    - Tipologia II della durata di 1 anno. Progetto di ricerca : "Studio della risposta sismica di strutture industriali e impianti chimici e metodi innovativi di retrofit: simulazione avanzata della risposta sismica mediante dispositivi innovativi di protezione sismica, metodi semplificati di progetto/analisi" per il

  14. BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    A Bando RTD n. 02/2014 Il Direttore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" di n. 1 posto di ricercatore con rapporto di lavoro a tempo economica della quota di competenza a carico del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio

  15. Aiutare l'utente di Moodle: Un sistema di Help Desk

    E-Print Network [OSTI]

    Torino, Università di

    in Informatica della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Ateneo torinese dopo la://i-learn.educ.di.unito.it) e corsi di natura informatica attivati presso altri corsi di studi, (piattaforma I-Teach, http://i-teach Grandi, Claudio Mattutino e Sergio Rabellino Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di

  16. Liquid metal reactor deactivation as applied to the experimental breeder reactor - II.

    SciTech Connect (OSTI)

    Earle, O. K.; Michelbacher, J. A.; Pfannenstiel, D. F.; Wells, P. B.

    1999-05-28

    The Experimental Breeder Reactor-II (EBR-II) at Argonne National Laboratory-West (ANL-W) was shutdown in September, 1994. This sodium cooled reactor had been in service since 1964, and by the US Department of Energy (DOE) mandate, was to be placed in an industrially and radiologically safe condition for ultimate decommissioning. The deactivation of a liquid metal reactor presents unique concerns. The first major task associated with the project was the removal of all fueled assemblies. In addition, sodium must be drained from systems and processed for ultimate disposal. Residual quantities of sodium remaining in systems must be deactivated or inerted to preclude future hazards associated with pyrophoricity and generation of potentially explosive hydrogen gas. A Sodium Process Facility (SPF) was designed and constructed to react the elemental sodium from the EBR-II primary and secondary systems to sodium hydroxide for disposal. This facility has a design capacity to allow the reaction of the complete inventory of sodium at ANL-W in less than two years. Additional quantities of sodium from the Fermi-1 reactor are also being treated at the SPF.

  17. FORMULA DI TAYLOR Umberto Marconi

    E-Print Network [OSTI]

    Marconi, Umberto

    FORMULA DI TAYLOR Umberto Marconi Dipartimento di Matematica Pura e Applicata ­ Padova Resto) + 1 1! x c (x - t)f(2) (t) dt Si osservi che quest'ultima formula `e la versione del teorema per m primitiva di (x-t)2 2! dt `e -(x-t)3 3! ,. . . si capisce come si pu`o dedurre passo passo la formula del

  18. Il Dipartimento di Architettura e Progetto DiAP della Sapienza organizza un Workshop di progettazione riservato agli studenti e ai dottorandi delle facolt di architettura e di inge-

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    "Summer Field Studio 2011 in Teheran" è la ristruttu- razione di un'area urbana di Teheran, il quartiere

  19. REVIEW OF INDUSTRIES AND GOVERNMENT AGENCIES FOR TECHNOLOGIES APPLICABLE TO DEACTIVATION AND DECOMMISSIONING OF NUCLEAR WEAPONS FACILITIES

    SciTech Connect (OSTI)

    Reilkoff, T. E.; Hetland, M. D.; O'Leary, E. M.

    2002-02-25

    The Deactivation and Decommissioning Focus Area's (DDFA's) mission is to develop, demonstrate, and deploy improved deactivation and decommissioning (D&D) technologies. This mission requires that emphasis be continually placed on identifying technologies currently employed or under development in other nuclear as well as nonnuclear industries and government agencies. In support of DDFA efforts to clean up the U.S. Department of Energy's (DOE's) radiologically contaminated surplus facilities using technologies that improve worker safety, reduce costs, and accelerate cleanup schedules, a study was conducted to identify innovative technologies developed for use in nonnuclear arenas that are appropriate for D&D applications.

  20. Compito di Analisi Matematica I: Calcolo di erenziale, 22 gennaio 1999 Corso di Laurea in Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Magnanini, Rolando

    in Informatica A) Sia f(x) = x 1 #25; arctan(tan(#25;x)): Determinare il dominio, gli eventuali estremi, relativi, 16 febbraio 1999 Corso di Laurea in Informatica A) Sia f : R ! R de#12;nita da f(x) = 1 2 arctan(x 2 Analisi Matematica I: Calcolo di#11;erenziale, 16 febbraio 1999 Corso di Laurea in Informatica A) Sia f

  1. MEMORY SUB-BANKING SCHEME FOR HIGH THROUGHPUT TURBO DECODER Mayank Tiwari, Yuming Zhu and Chaitali Chakrabarti

    E-Print Network [OSTI]

    Kambhampati, Subbarao

    level are needed in order to design low-power high- throughput Turbo decoders for mobile systems, the sliding win- dow (SW) approach has been proposed as an effective means of reduc- ing the decoding delay-banked implemen- tation of the SW-based approach that achieves high throughput, low decoding latency and reduced

  2. FACOLT`A DI INGEGNERIA Esame di GEOMETRIA E ALGEBRA.

    E-Print Network [OSTI]

    Segatti, Antonio

    FACOLT`A DI INGEGNERIA Esame di GEOMETRIA E ALGEBRA. (Ingegneria Industriale A.A. 2014://smmm.unipv.it/teaching.html. 1 #12;2 Materiale didattico Il corso viene modellato seguendo il testo pubblicato in collaborazione corrispondente trattazione. Presso il sito segnalato sopra viene messo a disposizione materiale vario su tutti

  3. Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Sakellariou, Rizos

    Universit`a di Pisa Dipartimento di Informatica Technical Report: TR-05-22 Proceedings of the Core­30, 2005 ADDRESS: via F. Buonarroti 2, 56127 Pisa, Italy. TEL: +39 050 2212700 FAX: +39 050 2212726 #12;#12;Foreword The CoreGRID Integration Workshop (CGIW'2005) took place on 28-30. November 2005 in Pisa, Italy

  4. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 24/co.co.co./2012 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 17 aprile 2012; - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  5. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 11/prest.occ./2012 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 27 Giugno 2012 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  6. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 06/prest.occ./2012 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 15 Febbraio 2012 - Considerato che dalla verifica preliminare non

  7. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 16/co.co.co./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 20 Marzo 2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  8. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 01/prest.prof./2012 VISTO - Visto informatica, automatica e gestionale del 17 aprile 2012; - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  9. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 11/prest.occ./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 18 Giugno 2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  10. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 15/prest.occ./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 10/12/2013 - Considerato che dalla verifica preliminare effettuata

  11. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 12/prest.occ./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 23 Luglio 2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  12. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 02/prest.prof/2014 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 12/09/2014 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  13. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 07/prest.occ/2014 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 15/04/2014 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  14. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 10/prest.occ/2014 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 08/05/2014 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  15. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 04/prest.occ./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 29 Gennaio 2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  16. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 08/pre.occ../2012 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 17 aprile 2012; - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  17. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 17/co.co.co./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 16 Aprile 2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  18. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 06/prest.occ/2014 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 15/04/2014 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  19. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 09/prest.occ/2014 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 08/05/2014 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  20. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 01prest.occ./2014 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 10/12/2013 - Considerato che dalla verifica preliminare effettuata

  1. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 21/co.co.co./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 28 Maggio 2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  2. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 29/co.co.co./2012 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 17 aprile 2012; - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  3. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 14/prest.occ./2013 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 28/10/2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  4. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 03/prest.prof./2013 VISTO - Visto informatica, automatica e gestionale del 28/10/2013 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  5. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 13/co.co.co./2014 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 10 Marzo 2014 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  6. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE "ANTONIO RUBERTI" Codice Procedura n. 30co.co.co./2012 VISTO - Visto il informatica, automatica e gestionale del 27 Giugno 2012 - Considerato che dalla verifica preliminare non sono

  7. PROGRAMMA DEL CORSO DI ISTITUZIONI DI FISICA MATEMATICA I

    E-Print Network [OSTI]

    Bartocci, Claudio

    `a Termodinamica dei sistemi continui · Equazione di continuit`a; modellizzazione delle forze agenti su un continuo Cauchy) · Bilancio dell'energia cinetica · Primo principio della termodinamica · Temperatura; equazioni costituitive e loro interpretazione · Secondo principio della termodinamica; disuaglianza di Clausius

  8. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 15 febbraio 2013

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    'esercizio basta trovare una algebra di Heyting, che non sia di Boole, in cui vale una qualsiasi di esse ed una interpretazione in un dominio di due elementi {1, 2} otte- niamo che essa che si pu`o falsificare su una algebra} e una algebra di Heyting di cinque elementi 1 b a1 a2 0 con una interpretazione tale che V [x/1] (A

  9. Facolt di Ingegneria -Dipartimento di Sistemi ed Informatica Corso di Laurea in Ingegneria per lCorso di Laurea in Ingegneria per l''Ambiente e il TerritorioAmbiente e il Territorio

    E-Print Network [OSTI]

    Facoltà di Ingegneria - Dipartimento di Sistemi ed Informatica D S I Corso di Laurea in Ingegneria #12;Facoltà di Ingegneria - Dipartimento di Sistemi ed Informatica D S I2 Obiettivo del lavoro;Facoltà di Ingegneria - Dipartimento di Sistemi ed Informatica D S I3 Nuova definizione di DMV su base

  10. Indagine conoscitiva sullaIndagine conoscitiva sulla condizione di benessere

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    miglioramento dell'efficienza delle prestazioni, condizione di benessere lavorativo enella prospettiva di un

  11. Prot. n. 364/2013 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    dell'attività di "Microzonazione sismica in aree con insediamenti produttivi" a favore del Dipartimento lo svolgimento della seguente attività: "Microzonazione sismica in aree con insediamenti produttivi

  12. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Segreteria amministrativa

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    svolgimento della seguente attività: - Dosaggi di acetilcolina in terreni di coltura di cellule di: Ruolo dell'acetilcolina nei tumori primari e metastatici. Articolo 6 La domanda di partecipazione

  13. CORSI DI LAUREA E LAUREA MAGISTRALE IN INFORMATICA DIBRIS E SCUOLA DI SCIENZE M.F.N.

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    CORSI DI LAUREA E LAUREA MAGISTRALE IN INFORMATICA DIBRIS E SCUOLA DI SCIENZE M.F.N. UNIVERSITÃ? DI GENOVA (Classi L-31 e LM-18) REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI CORSO DI STUDIO IN INFORMATICA Il Corso di Laurea in Informatica (classe L-31) e il Corso di Laurea Magistrale in Informatica

  14. Mod. 25/05/2012 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE E GEOTECNICA

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    : "Valutazione della vulnerabilità sismica alla scala urbana di edifici ordinari italiani di muratura e di

  15. " CORSO DI LAUREA IN SCIENZE NATURALI " " Disciplina CHIMICA GENERALE E INORGANICA "

    E-Print Network [OSTI]

    in difetto. Lo stato gassoso. Equazione di stato del gas ideale. Cenni di Termodinamica. Reazioni di

  16. The loss of the PDE6 deactivating enzyme, RGS9, results in precocious light adaptation at low

    E-Print Network [OSTI]

    Ripamonti, Caterina

    The loss of the PDE6 deactivating enzyme, RGS9, results in precocious light adaptation at low light consistent with molecular models of light adaptation (e.g., E. N. Pugh, S. Nikonov, & T. D. Lamb, 1999, cone photoreceptor, visual transduction, photopigment, bradyopsia, RGS9, PDE6, light adaptation

  17. Prot. n. 943/2013 BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO PER LO

    E-Print Network [OSTI]

    'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Il titolo del progetto di ricerca è: "Analisi di risposta sismica effetti del non sincronismo dell'azione sismica sulle costruzioni; livelli di conoscenza e fattori di

  18. Prot. n. 566/2014 BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO PER LO

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Il titolo del progetto di ricerca è: "Analisi di Risposta sismica effetti del non sincronismo dell'azione sismica sulle costruzioni; livelli di conoscenza e fattori di

  19. Standard Guide for Post-Deactivation Surveillance and Maintenance of Radiologically Contaminated Facilities

    E-Print Network [OSTI]

    American Society for Testing and Materials. Philadelphia

    2010-01-01

    1.1 This guide outlines a method for developing a Surveillance and Maintenance (S&M) plan for inactive nuclear facilities. It describes the steps and activities necessary to prevent loss or release of radioactive or hazardous materials, and to minimize physical risks between the deactivation phase and the start of facility decontamination and decommissioning (D&D). 1.2 The primary concerns for S&M are related to (1) animal intrusion, (2) structural integrity degradation, (3) water in-leakage, (4) contamination migration, (5) unauthorized personnel entry, and (6) theft/intrusion. This document is intended to serve as a guide only, and is not intended to modify existing regulations.

  20. Controlled Growth of Metal Phthalocyanine on Deactivated Si Surfaces by Selective p-d Orbital Coupling

    DOE Public Access Gateway for Energy & Science Beta (PAGES Beta)

    Wagner, Sean R.; Huang, Bing; Park, Changwon; Feng, Jiagui; Yoon, Mina; Zhang, Pengpeng

    2015-08-26

    Poor control of the interactions that govern organic molecular growth continues to hinder the prospect of organic electronic nano- architectures. Particularly, a selective mechanism for tuning the molecule-substrate interaction has been a long sought after goal towards tailored molecular growth. Here, combining scanning tun- neling microscopy and density functional theory we show that by controlling the strength of orbital hybridization between phthalo- cyanine molecules and the deactivated Si surface via the selective p-d orbital coupling, we can tune the molecular ordering and molecular orientation at the hetero-interface. This mechanism offers a novel approach to balance the critical interactions, leading tomore »controlled long-ranged ordered molecular growth that can be incorporated into modern electronics.« less

  1. System and method of cylinder deactivation for optimal engine torque-speed map operation

    DOE Patents [OSTI]

    Sujan, Vivek A; Frazier, Timothy R; Follen, Kenneth; Moon, Suk-Min

    2014-11-11

    This disclosure provides a system and method for determining cylinder deactivation in a vehicle engine to optimize fuel consumption while providing the desired or demanded power. In one aspect, data indicative of terrain variation is utilized in determining a vehicle target operating state. An optimal active cylinder distribution and corresponding fueling is determined from a recommendation from a supervisory agent monitoring the operating state of the vehicle of a subset of the total number of cylinders, and a determination as to which number of cylinders provides the optimal fuel consumption. Once the optimal cylinder number is determined, a transmission gear shift recommendation is provided in view of the determined active cylinder distribution and target operating state.

  2. Appunti delle esercitazioni di modellistica del corso di Fondamenti di automatica

    E-Print Network [OSTI]

    Chisci, Luigi

    #12;2 #12;Chapter 1 Modellistica 1.1 Controllo di un motore in continua Analizziamo un generico motore rappresentato lo schema di un motore in corrente continua. Il campo magnetico viene prodotto da un magnete im(t) la corrente. Il momento risultante muove la parte mobile del motore, chiamata rotore. C'`e per

  3. Progettazione e test di un dispositivo neuromorfo a-VLSI con neuroni lineari a soglia di emissione variabile e modulo di comunicazione AER.

    E-Print Network [OSTI]

    Bencardino, R

    2002-01-01

    Progettazione e test di un dispositivo neuromorfo a-VLSI con neuroni lineari a soglia di emissione variabile e modulo di comunicazione AER.

  4. Bando n. 03_2012 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 2 INCARICHI DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    DIPARTIMENTO DI FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER" VISTO - Visto il Regolamento per l'affidamento di rappresentate dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer"; - Ravvisata conseguentemente la all'art. 1 del presente avviso a favore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio

  5. Sapienza Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Sapienza Università di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale Antonio del 12/08/2008 si rende noto che Il Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale delibera in Consiglio di Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta

  6. Sapienza Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Sapienza Università di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale Antonio/08/2008 si rende noto che Il Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti in Consiglio di Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 24

  7. Sapienza Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Sapienza Università di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale Antonio del 12/08/2008 si rende noto che Il Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale come da delibera in Consiglio di Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A

  8. Corso di Laurea in Informatica --Corso di Algebra (I gruppo) Esercizi --Relazioni binarie

    E-Print Network [OSTI]

    Cutolo, Giovanni

    reticolo distributivo, di un'algebra di Boole: (a) ·Ð×ÑÖÒÕÓÔ ·Ð×ÑÖÒÕÓÔ ·Ð×ÑÖÒÕÓÔ///·Ð×ÑÖÒÕÓÔooo ·Ð ordinato, un reticolo, un reticolo completo, un reticolo distributivo, un'algebra di Boole. 7. Si completo, un reticolo distributivo, un'algebra di Boole, una sottoalgebra dell'algebra di Boole P(Z). Se ne

  9. CONFERIMENTO DI INCARICO DI COLLABORAZIONE Visto l'art. 5 del Regolamento per l'affidamento di incarichi di collaborazione coordinata e continuativa,

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    PRESTATORE: Laurea in Tecniche di Radiologia. Esperienza nel campo della Risonanza Magnetica Funzionale

  10. Resistive Plate Chamber Passaggio di radiazione

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    particelle ultrarelativistiche di massa diversa #12;PM particle mirrorradiator medium = 1 - - Efficienza del

  11. MICROSOFT EXCEL Laboratorio di alfabetizzazione informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Sproston, Jeremy

    MICROSOFT EXCEL Laboratorio di alfabetizzazione informatica a.a. 2013/2014 1 #12;INTRODUZIONE - I 2://www.openoffice.org/it/ https://it.libreoffice.org/ Laboratorio di Informatica #12;INTRODUZIONE -II 3 ¢ Excel mette'interno di documenti Word. Laboratorio di Informatica #12;INTRODUZIONE -II 4 ¢ Excel mette a disposizione una

  12. Il pumping lemma Proprieta' di chiusura

    E-Print Network [OSTI]

    Rossi, Francesca

    Il pumping lemma Proprieta' di chiusura Proprieta' di decisione Proprieta' dei linguaggi regolari Proprieta' dei linguaggi regolari #12;Il pumping lemma Proprieta' di chiusura Proprieta' di decisione Proprieta' dei Linguaggi regolari Pumping Lemma. Ogni linguaggio regolare soddisfa il pumping lemma. Se

  13. UNIVERSIT ` A DEGLI STUDI DI BOLOGNA

    E-Print Network [OSTI]

    Ducatelle, Frederick

    Configu­ razione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 3.6.5 Possibilit`a di Gestione

  14. Ricordo di Augusto Monti Massimo Mila

    E-Print Network [OSTI]

    Fontanari, Claudio

    fosse letto nel "Corriere della Sera" la sua razione quotidiana di notizie spiacevoli: Matteotti, il 3

  15. Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    esperienza di ricerca nazionale e internazionale nell'efficientamento energetico degli edifici; Articolo 6 La

  16. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 14 luglio 2008

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    COMPITO di LOGICA MATEMATICA 14 luglio 2008 Nome: Matricola: Esercizio 1 Sia B un'algebra di Boole fatta a lezione e ottenere che esiste un filtro primo, i.e. un ultrafiltro nel caso di un algebra di Boole, che estende il filtro (F {x}), che include 1 ed esclude 0 (ogni filtro lo fa). In questo modo

  17. Robotica 1 1 Corso di Robotica 1

    E-Print Network [OSTI]

    De Luca, Alessandro

    ) Robotica 1 9 #12;Sminamento · PEMEX (EPFL, Lausanne), rilevatore leggero di mine antiuomo · peso: 16 kg

  18. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    installazione dispositivo d'attuazione controllo vela fotovoltaica e varie" a favore del Dipartimento di installazione dispositivo d'attuazione controllo vela fotovoltaica e varie Articolo 2 L'attività oggetto della

  19. Sapienza Universit di Roma LAUREA MAGISTRALE IN GEOLOGIA DI ESPLORAZIONE

    E-Print Network [OSTI]

    Totale 12 A scelta tra (per un totale di 12 cfu) insegnamento cfu Interpretazione sismica e modellazione Interpretazione sismica e modellazione 3D 12 Sistemi deposizionali e stratigrafia sequenziale 12 Geologia del

  20. FONDO INVESTIMENTI PER LA RICERCA DI BASE MODALITA' DI

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    progetti sono effettuate esclusivamente al termine degli stessi. Il costo delle valutazioni scientifiche ex la finanza pubblica." 2 Le precedenti procedure di verifica (Circolare 1106 dell'8 luglio 2005

  1. FONDO INVESTIMENTI PER LA RICERCA DI BASE -MODALITA' DI

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    progetti sono effettuate esclusivamente al termine degli stessi. Il costo delle valutazioni scientifiche ex la finanza pubblica." 2 Le precedenti procedure di verifica (Circolare 1106 dell'8 luglio 2005

  2. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    dati per la valutazione dell'impatto ambientale nelle smart cities" a favore del Dipartimento di dell'impatto ambientale nelle smart cities Articolo 2 L'attività oggetto della collaborazione avrà la

  3. Corso di laurea in CHIMICA INDUSTRIALE Sapienza, Universit`a di Roma

    E-Print Network [OSTI]

    Mascia, Corrado

    Corso di laurea in CHIMICA INDUSTRIALE Sapienza, Universit`a di Roma Matematica II ­ prof. C possibile utilizzare solo la penna e la propria fornitura neuronale. Non `e ammesso l'uso di materiale

  4. Compito di Analisi Matematica I: Calcolo differenziale, Corso di Laurea in Informatica, Mercoledi, 26 aprile 2000

    E-Print Network [OSTI]

    Magnanini, Rolando

    Compito di Analisi Matematica I: Calcolo differenziale, Corso di Laurea in Informatica, Mercoled Analisi Matematica I: Calcolo differenziale, Corso di Laurea in Informatica, Mercoled´i, 26 aprile 2000 1

  5. Compito di Analisi Matematica I: Calcolo integrale, 2 luglio 2001 Corso di Laurea in Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Magnanini, Rolando

    Compito di Analisi Matematica I: Calcolo integrale, 2 luglio 2001 Corso di Laurea in Informatica 1 luglio 2001 Corso di Laurea in Informatica 1) Siano xn, n = 1, 2, . . . le radici positive dell

  6. CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO Le delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale, costituite nella seguente

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    di "adeguati livelli di efficienza e produttività dei servizi pubblici"; che più in dettaglio, con intervenendo con gradualità, dei principi sopra richiamati, in un'ottica di: · miglioramento dell'efficienza e

  7. UNIVERSIT`A DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA ED INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    , caratterizzandolo, in caso esso sia sufficientemente regolare, con pochi coefficienti ad alta energia. In questa finanziato dall'INFN (l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare). Si tratta di un esperimento di frontiera il

  8. UNIFORM RANDOM GENERATION OF (R,S)FIBONACCI Dipartimento di Sistemi e Informatica Universit a di Firenze

    E-Print Network [OSTI]

    Merlini, Donatella

    Informatica ­ Universitâ?? a di Firenze merlini@dsi.unifi.it R. Sprugnoli Dipartimento di Sistemi e Informatica ­ Universitâ?? a di Firenze sprugnoli@dsi.unifi.it F. Uncini Dipartimento di Sistemi e Informatica ­ Universitâ?? a di Firenze uncini@dsi.unifi.it M. C. Verri Dipartimento di Sistemi e Informatica ­ Universitâ?? a di

  9. PLUTONIUM FINISHING PLANT (PFP) 241-Z LIQUID WASTE TREATMENT FACILITY DEACTIVATION AND DEMOLITION

    SciTech Connect (OSTI)

    JOHNSTON GA

    2008-01-15

    Fluor Hanford, Inc. (FH) is proud to submit the Plutonium Finishing Plant (PFP) 241-Z liquid Waste Treatment Facility Deactivation and Demolition (D&D) Project for consideration by the Project Management Institute as Project of the Year for 2008. The decommissioning of the 241-Z Facility presented numerous challenges, many of which were unique with in the Department of Energy (DOE) Complex. The majority of the project budget and schedule was allocated for cleaning out five below-grade tank vaults. These highly contaminated, confined spaces also presented significant industrial safety hazards that presented some of the most hazardous work environments on the Hanford Site. The 241-Z D&D Project encompassed diverse tasks: cleaning out and stabilizing five below-grade tank vaults (also called cells), manually size-reducing and removing over three tons of process piping from the vaults, permanently isolating service utilities, removing a large contaminated chemical supply tank, stabilizing and removing plutonium-contaminated ventilation ducts, demolishing three structures to grade, and installing an environmental barrier on the demolition site . All of this work was performed safely, on schedule, and under budget. During the deactivation phase of the project between November 2005 and February 2007, workers entered the highly contaminated confined-space tank vaults 428 times. Each entry (or 'dive') involved an average of three workers, thus equaling approximately 1,300 individual confined -space entries. Over the course of the entire deactivation and demolition period, there were no recordable injuries and only one minor reportable skin contamination. The 241-Z D&D Project was decommissioned under the provisions of the 'Hanford Federal Facility Agreement and Consent Order' (the Tri-Party Agreement or TPA), the 'Resource Conservation and Recovery Act of 1976' (RCRA), and the 'Comprehensive Environmental Response, Compensation, and Liability Act of 1980' (CERCLA). The project completed TPA Milestone M-083-032 to 'Complete those activities required by the 241-Z Treatment and Storage Unit's RCRA Closure Plan' four years and seven months ahead of this legally enforceable milestone. In addition, the project completed TPA Milestone M-083-042 to 'Complete transition and dismantlement of the 241-2 Waste Treatment Facility' four years and four months ahead of schedule. The project used an innovative approach in developing the project-specific RCRA closure plan to assure clear integration between the 241-Z RCRA closure activities and ongoing and future CERCLA actions at PFP. This approach provided a regulatory mechanism within the RCRA closure plan to place segments of the closure that were not practical to address at this time into future actions under CERCLA. Lessons learned from th is approach can be applied to other closure projects within the DOE Complex to control scope creep and mitigate risk. A paper on this topic, entitled 'Integration of the 241-Z Building D and D Under CERCLA with RCRA Closure at the PFP', was presented at the 2007 Waste Management Conference in Tucson, Arizona. In addition, techniques developed by the 241-Z D&D Project to control airborne contamination, clean the interior of the waste tanks, don and doff protective equipment, size-reduce plutonium-contaminated process piping, and mitigate thermal stress for the workers can be applied to other cleanup activities. The project-management team developed a strategy utilizing early characterization, targeted cleanup, and close coordination with PFP Criticality Engineering to significantly streamline the waste- handling costs associated with the project . The project schedule was structured to support an early transition to a criticality 'incredible' status for the 241-Z Facility. The cleanup work was sequenced and coordinated with project-specific criticality analysis to allow the fissile material waste being generated to be managed in a bulk fashion, instead of individual waste packages. This approach negated the need for real-time assay of individ

  10. Architetture di Elaboratori II -Sistemi Distribuiti Introduzione al corso

    E-Print Network [OSTI]

    Balsamo, Simonetta

    elaborazione locale, distribuita tecniche di compressione - protocolli efficienti di comunicazione · software dei colli di bottiglia - parallelismo · località e distribuzione del controllo sicurezza - efficienza

  11. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    finalizzato alla realizzazione del progetto di Cooperazione Internazionale Italia- Macedonia " pubblicato Cooperazione Internazionale Italia- Macedonia". Art. 2. E' approvata la seguente graduatoria di merito della

  12. Esami di stato per l'abilitazione alla professione di Ingegnere dell'Informazione

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'antenna a riflettore parabolico a sezione circolare con efficienza di radiazione pari a 0.9, un'efficienza massima di

  13. Deactivation and cleanout of the 308 Fuels Laboratory and the 232-Z Incinerator at the Hanford site

    SciTech Connect (OSTI)

    Gerber, M.S.; Bliss, R.J.

    1994-12-01

    This paper describes the deactivation and source term reduction activities conducted over the recent past in two plutonium-contaminated Hanford Site buildings: the 308 Fuels Development Laboratory and the 232-Z Incinerator. Both of these facilities belong to the U.S. Department of Energy, and the projects are unique success stories carried out in direct support of EM-60 functions and requirements. In both cases the buildings, for different reasons, contained unacceptable amounts of plutonium, and were stabilized and placed in a safe, pre-D&D (decontamination and decommissioning) mode. The concept of deactivation as the last step in the operating life of a facility will be discussed. The need for and requirements of EM-60 transition between operations and D&D, the costs savings, techniques, regulations and lessons learned also will be discussed. This paper describes the strategies that led to successful source term reduction: accurate characterization, cooperation among different divisions within DOE and the Hanford Site, attention to regulations (especially unique in this case since the 232-Z Incinerator has been nominated as a Historic Structure to the National Register of Historic Places), and stakeholder concerns involving the proximity of the 308 Building to the Columbia River. The paper also weaves in the history, missions, and plutonium accumulation of the two buildings. The lessons learned are cogent to many other present and future deactivation activities across the DOE complex and indeed across the world.

  14. Radioactive air emissions notice of construction for deactivation of the PUREX storage tunnel number 2

    SciTech Connect (OSTI)

    JOHNSON, R.E.

    1999-10-11

    The Plutonium-Uranium Extraction (PUREX) Plant Storage Tunnel Number 2 (hereafter referred to as the PUREX Tunnel) was built in 1964. Since that time, the PUREX Tunnel has been used for storage of radioactive and mixed waste. In 1991, the PUREX Plant ceased operations and was transitioned to deactivation. The PUREX Tunnel continued to receive PUREX Plant waste material for storage during transition activities. Before 1995, a decision was made to store radioactive and mixed waste in the PUREX Tunnel generated from other onsite sources, on a case-by-case basis. This notice of construction (NOC) describes the activities associated with the reactivation of the PUREX Tunnel ventilation system and the transfer of up to 3.5 million curies (MCi) of radioactive waste to the PUREX Tunnel from any location on the Hanford Site. The unabated total effective dose equivalent (TEDE) estimated for the hypothetical offsite maximally exposed individual (MEI) is 5.6 E-2 millirem (mrem). The abated TEDE conservatively is estimated to account for 1.9 E-5 mrem to the MEI. The following text provides information requirements of Appendix A of Washington Administrative Code (WAC) 246-247 (requirements 1 through 18).

  15. Sapienza Universit di Roma Area Organizzazione e Sviluppo

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    , orientati al perseguimento degli obiettivi di sviluppo dell'organizzazione e di maggior efficienza ed'utilizzo del personale in funzione di una più efficiente organizzazione del lavoro; in secondo luogo, di

  16. PIANO DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E PAESAGGISTICA DEL TERMOVALORIZZATORE DI DESIO TERMOVALORIZZATORE DI DESIO (MI) BRIANZA ENERGIA E AMBIENTE SPA

    E-Print Network [OSTI]

    Columbia University

    TERMOVALORIZZATORE DI DESIO (MI) ­ BRIANZA ENERGIA E AMBIENTE SPA Impianto di costruito negli anni '70 per lo. · Energia elettrica prodotta: 13.000.000 KWh/anno. LAND S.r.l. Landscape Architecture Nature Development

  17. AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA DA ATTIVARE PER LE ESIGENZE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    e sviluppo di algoritmi efficienti per il problema del bilancio energetico cellulare. Articolo 1 La molecolari reali e sviluppo di algoritmi efficienti per il problema del bilancio energetico cellulare

  18. MARCA DA BOLLO Universit degli Studi di Roma "La Sapienza"

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    FARMACIA E MEDICINA PROMEMORIA PER L'ESAME DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E

  19. Appunti per il corso di Algebraic Geometry 2

    E-Print Network [OSTI]

    Fontanari, Claudio

    quanto meno che nell'equazione di una curva piana di genere p i moduli si possano far comparire razional

  20. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Segreteria amministrativa

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Biologia e Biotecnologia "Charles Darwin" dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" di cui è

  1. Measurement and control system for cryogenic helium gas bearing turbo-expander experimental platform based on Siemens PLC S7-300

    SciTech Connect (OSTI)

    Li, J.; Xiong, L. Y.; Peng, N.; Dong, B.; Liu, L. Q. [Key Laboratory of Cryogenics, Technical Institute of Physics and Chemistry, Chinese Academy of Sciences, Beijing, 100190 (China); Wang, P. [Beijing Sciample Technology Co., Ltd., Beijing, 100190 (China)

    2014-01-29

    An experimental platform for cryogenic Helium gas bearing turbo-expanders is established at the Technical Institute of Physics and Chemistry, Chinese Academy of Sciences. This turbo-expander experimental platform is designed for performance testing and experimental research on Helium turbo-expanders with different sizes from the liquid hydrogen temperature to the room temperature region. A measurement and control system based on Siemens PLC S7-300 for this turbo-expander experimental platform is developed. Proper sensors are selected to measure such parameters as temperature, pressure, rotation speed and air flow rate. All the collected data to be processed are transformed and transmitted to S7-300 CPU. Siemens S7-300 series PLC CPU315-2PN/DP is as master station and two sets of ET200M DP remote expand I/O is as slave station. Profibus-DP field communication is established between master station and slave stations. The upper computer Human Machine Interface (HMI) is compiled using Siemens configuration software WinCC V6.2. The upper computer communicates with PLC by means of industrial Ethernet. Centralized monitoring and distributed control is achieved. Experimental results show that this measurement and control system has fulfilled the test requirement for the turbo-expander experimental platform.

  2. BANDO N. 1-2012 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI PROFESSORE STRAORDINARIO CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    A TEMPO DETERMINATO Il Direttore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" Vista Rettorale n. 220 del 4.2.2011 Viste le delibere del Consiglio del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia e la società Duemme Trust Company s.r.l. in data 14.05.2012 nella

  3. Glosse a margine di un catalogo

    E-Print Network [OSTI]

    Stagni, Ernesto

    2007-01-01

    S TAGNI (Università di Pisa) Lp S CHMIDT 2000, pp. 247-258.Carlini, Il Poliziano a Pisa in visita di studio alladi S. Bruni,T. Caruso, M. Massa, Pisa 2004, pp. 89-93 (Terra

  4. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it

    E-Print Network [OSTI]

    Prencipe, Giuseppe

    inserendolo sull'heap Per una serie di oggetti piccoli, questo sarebbe poco efficiente Per essi, invece di variabile è messa sullo stack, ed è quindi più efficiente Tipi primitivi Void---void DoubleIEEE754IEEE75464

  5. Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    PIATTAFORMA E-LEARNING, PER L'ESECUZIONE DEI PROGETTI SMART CITY DA PARTE DEGLI STUDENTI DEL "CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SMART CITY" PER MODULO JOB PROJECT"presso il Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica

  6. Serie e trasformate di Fourier (1) Verificare i seguenti sviluppi in serie di Fourier

    E-Print Network [OSTI]

    Presilla, Carlo

    F12 Serie e trasformate di Fourier (1) Verificare i seguenti sviluppi in serie di Fourier (a) sgn . (2) Sviluppare in serie trigonometrica di Fourier nell'intervallo [-, ] la funzione f(x) = ex . Dimostrare che n=1 1 1 + n2 = 1 2 coth - 1 (3) Sviluppare in serie trigonometrica di Fourier nell

  7. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    bandire n. 1 assegno di ricerca nel settore scientifico disciplinare ING-IND/09 "Sistemi per l'energia e l'ambiente disciplinare ING-IND/09 "Sistemi per l'energia e l'ambiente" presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e delle priorità di accesso all'energia nei sistemi di produzione distribuita, mediante l

  8. Sapienza Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Sapienza Università di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale Antonio Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 28/10/2013. OGGETTO

  9. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    necessità di affidare due incarichi nell'ambito del Progetto: "Reflective Function and anorexia nervosa

  10. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Presidenza della Facolt di Scienze MFN

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    IN GEOLOGIA DI ESPLORAZIONE: Insegnamento SSD CFU Semestre Anno Interpretazione sismica a modellazione 3 D GEO

  11. Sapienza Universit di Roma Centro di Ricerca in Neurobiologia Daniel Bovet

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    psicopatologia dell'età evolutiva - Corsi di formazione nell'area della Psicopatologia e della psicodiagnosi

  12. Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "Charles Darwin" Universit degli Studi di Roma "La Sapienza"

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    scientifico disciplinare BIO/18, presso il Dipartimento di Biologia e Biotecnologia "Charles Darwin" dell

  13. Esperienze di E-learning all'interno della Facolt di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

    E-Print Network [OSTI]

    Torino, Università di

    Esperienze di E- learning all'interno della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Universit à di Torino. In particolare introduciamo quattro vengono brevemente descritte alcune, condotte in parte dal Corso di Studi in Informatica e in parte dal

  14. Sapienza Universit di Roma Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    : Selezione, raccolta e analisi di dati per la valutazione dell'impatto ambientale nelle smart cities

  15. Facolt`a di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Fisica

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    calorimetro elettromagnetico in grado di misurare, con una precisione eccellente, energia e posizione di presso Gi- nevra, ai laboratori del CERN (European Organization for Nuclear Research). E' un collider protone-protone, che da progetto pu`o arrivare ad un'energia di 7 TeV per fascio e ad una luminosit`a di

  16. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di settembre 2005 + arctan n . #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di settembre IN INFORMATICA II prova scritta di settembre 2005 ESERCIZIO - Data la funzione f3(x) = 1 |x5 - 1| , si chiede di

  17. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2006], oppure no. #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2006. #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2006

  18. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2005 ESERCIZIO Lagrange e di Rolle nell'intervallo [-2, 0]. #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2005 ESERCIZIO - Siano: il numero delle lettere

  19. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2007(x)...) #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2007(x)...) #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2007

  20. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2005 MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2005 ESERCIZIO - Data la MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2005 ESERCIZIO - Data la funzione f3(x

  1. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2013 MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2013 ESERCIZIO (15 punti CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2013 ESERCIZIO (12 punti) Sia q il numero

  2. 01. Registra Al fine di re

    E-Print Network [OSTI]

    Sproston, Jeremy

    propria imp gistrato com razione di un egolarmente ccorre colle ndicazioni rip viene chiesto hé serve per

  3. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 21 settembre 2009

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    D V(x/d) (A(x)) V (B) Quindi per risolvere l'esercizio basta far vedere che, in ogni algebra di Boole in ogni interpretazione classica. (sugg.: si dimostri dapprima che per ogni x, y e z elementi di un'algebra di Boole si ha che x y z se e solo se x z y) Soluzione. Notiamo prima di tutto che, seguendo la

  4. Remote Technology for Facility Deactivation and Decommissioning at the Oak Ridge National Laboratory

    SciTech Connect (OSTI)

    Shoffner, P.A.; Lagos, L.E.; Varona, J. [Applied Research Center, Florida International University, Miami, FL (United States); Faldowski, J.A.; Vesco, D. [NuVision Engineering, Inc., Road, Mooresville, NC (United States)

    2008-07-01

    The facilities at the Oak Ridge National Laboratory (ORNL) that will undergo deactivation and decommissioning (D and D) over the next several years include highly contaminated hot cell facilities, reactor facilities, process facilities, and a variety of other buildings. The D and D effort will require physical, chemical, and radiological characterization as well as decontamination, material sorting, size reduction, dismantlement, and waste removal and packaging. D and D planning for ORNL facilities includes recognizing that a significant number of the facilities contain hazards that prevent the use of safe manual D and D techniques. These hazards include seriously deteriorated structural integrity as well as very high dose rates (some in the hundreds of R/hr). The hazards also include high levels of fixed and removable radioactive contamination on facility surfaces and in equipment as well as chemically hazardous materials. Thus, manned entry may be highly restricted. In these situations, remotely operated technologies will be required to complete the necessary D and D activities, minimize dose and protect workers. To prepare to use remote technologies, it is first necessary to understand the tasks typically required to complete D and D of these facilities as well as the availability, applicability, and sustainability of previously deployed remote technologies. Technologies of specific interest included remote inspection, characterization, decontamination, and dismantlement. The Applied Research Center (ARC) at Florida International University (FIU), in partnership with NuVision Engineering (NVE, formerly AEA Technology), assessed the requirements for remotely operated technologies to support D and D at ORNL. FIU-ARC and NVE then identified existing technologies that can meet the expected requirements and performed a gap analysis between the D and D needs and currently available technologies. (authors)

  5. Universit degli studi di Firenze Facolt di Ingegneria

    E-Print Network [OSTI]

    per la Tutela dell'Ambiente e del Territorio Anno Accademico 2005/2006 "Controllo dell'importanza sempre maggiore a causa dei crescenti costi dell'energia. Quest'elaborato è finalizzato a sviluppare qualità e di minimizzazione dell'energia impiegata per l'areazione. Lo schema a cui si fa riferimento è il

  6. Corso di Controlli Automatici Prof. Stefano Di Gennaro

    E-Print Network [OSTI]

    Pola, Giordano

    porre K0 = 11), si ottengono gli attraversamenti dell'asse immaginario, risolvendo l'equazione s2 + 19 = p 2j =) il sistema ha gli zeri sull'asse immaginario p1 = 1, p2 = 1, p3 = 2 La funzione di

  7. Corso di Controlli Automatici Prof. Stefano Di Gennaro

    E-Print Network [OSTI]

    Pola, Giordano

    coppia polo-zero per spostare s0 a sinistra dell'asse immaginario G(s) = s + z s + p Si può scegliere z tabella di Routh (K0 = 48), si otten- gono gli attraversamenti dell'asse immaginario risolvendo l

  8. Giornata di divulgazione della ricerca scientifica

    E-Print Network [OSTI]

    Schenato, Luca

    of Things e Smart Grid Reti di sensori applicate al monitoraggio e controllo di edifici 16:00 ­ ChiusuraGiornata di divulgazione della ricerca scientifica WISE-WAWIreless SEnsor networks for city@dei.unipd.it Convegno conclusivo del progetto WISE-WAI "WIreless SEnsor networks for city-Wide Ambient Intelligence

  9. Esercizio 3.1 Il proprietario di 500 ettari di prateria vuole sapere se sar in grado di produrre, allevandocapi di

    E-Print Network [OSTI]

    Casagrandi, Renato

    dell'energia solare persa perché non utilizzata dalle erbe e dell'energia consumata nella respirazione.5 · 106 kcal m­2 di energia e che l'efficienza di produzione primaria lorda ­ grandezza che tiene conto di carne viva. Esercizio 3.2 Odum (1957) studiò la circolazione dell'energia nell

  10. DIPARTIMENTO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALIT MEDICHE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'ambito del progetto di ricerca dal titolo "Psoriasi di grado lieve, moderato e moderatosevero Dermatologia Titolo della ricerca: "Psoriasi di grado lieve, moderato e moderatosevero:criteri predittivi ed psoriasi Responsabile scientifico: Prof. Stefano Calvieri Art. 2 Durata, rinnovo e importo dell

  11. Reti di Calcolatori AA 2011/2012

    E-Print Network [OSTI]

    Lo Cigno, Renato Antonio

    Reti di Calcolatori AA 2011/2012 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching locigno@disi.unitn.it 3 #12;1 - Fisico Livello Rete Livelli di applicazione (utente) Livelli di rete2 - Collegamento dati Fisico 3 - Rete 4 - Trasporto 5 - Sessione 6 - Presentazione 7 - Applicazione Collegamento

  12. Reti di Calcolatori AA 2013/2014

    E-Print Network [OSTI]

    Lo Cigno, Renato Antonio

    Reti di Calcolatori AA 2013/2014 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching / esercitazione n Informazioni varie, contatti, la bacheca del corso, le date di esame, ... #12;locigno rete (IP) n Livello Data Link (Ethernet) n Livello Fisico (mezzi trasmissivi e trasmissione di segnali

  13. Reti di Calcolatori AA 2012/2013

    E-Print Network [OSTI]

    Lo Cigno, Renato Antonio

    1 Reti di Calcolatori AA 2012/2013 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching Informazioni varie, contatti, la bacheca del corso, le date di esame, ... #12;2 locigno@disi.unitn.it 4 (IP) n Livello Data Link (Ethernet) n Livello Fisico (mezzi trasmissivi e trasmissione di segnali

  14. Reti di Calcolatori AA 2011/2012

    E-Print Network [OSTI]

    Lo Cigno, Renato Antonio

    1 Reti di Calcolatori AA 2011/2012 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching Consegna dei pacchetti Instradamento e Routing locigno@disi.unitn.it 3 #12;2 1 - Fisico Livello Rete Livelli di applicazione (utente) Livelli di rete2 - Collegamento dati Fisico 3 - Rete 4 - Trasporto 5

  15. Reti di Calcolatori AA 2010/2011

    E-Print Network [OSTI]

    Lo Cigno, Renato Antonio

    Reti di Calcolatori AA 2010/2011 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching dettaglio delle lezioni svolte Lucidi Giorni di lezione / esercitazione Informazioni varie, contatti, la) Livello Fisico (mezzi trasmissivi e trasmissione di segnali digitali e analogici) #12;locigno

  16. entro di ricerca p niversit degli Stu

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    .it Corrispet collaborazio ssivo pari ad Articolo 3 espletata pe i di subordin e alla presen tica o pro o ovvero il R zione dell'U titoli è di 80 tica o magis nza della teo nza di softw nza dei softw

  17. Elementi di Algebra e Logica Secondo Esonero 22 febbraio 2007 COGNOME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . NOME . . . . . . . . . . . . . . . Data di nascita. . . . . . . . . . . . . . . . . .

    E-Print Network [OSTI]

    Pareschi, Giuseppe

    di Boole o no. Stabilire (motivando) se M `e un'algebra di Boole o no. Soluzione. Innanzitutto `e, c}) (ad esempio, M ha solamente due atomi). (b) L `e un'algebra di Boole, perch`e isomorfo a P({a, b, c}), che `e un'algebra di Boole. M non `e un'algebra di Boole perch`e, avendo otto elementi, per il

  18. GAP ANALYSIS POLITECNICO DI TORINO

    E-Print Network [OSTI]

    Ceragioli, Francesca

    .1 Brief presentation of Politecnico di Torino 8 I.2 Mission 8 I.3 Methodology and Institutional) a Vice-Rector for Quality, (4) a Vice-Rector for Logistics and Organisation. The Academic Senate #12;4 The Board of Governors: · is in charge for planning, management and resource allocation

  19. Bando n. 01/2012 del 24 luglio 2012 per il conferimento di incarico di professore straordinario con rapporto di lavoro a tempo determinato

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    rapporto di lavoro a tempo determinato APPROVAZIONE ATTI Il Direttore del Dipartimento di Fisiologia e convenzione, per il settore S/D BIO/14, settore concorsuale 05/G1 presso il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia; Vista la delibera del Consiglio di Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer

  20. Il materiale contenuto in questo documento utilizzabile unicamente per la preparazione dell'esame di Informatica della Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell'Universit degli Studi di Torino. Qualsiasi altro utilizzo totale o parziale espres

    E-Print Network [OSTI]

    Anselma, Luca

    'esame di Informatica della Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell'Università degli Studi di degli Studi di Torino Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere Corso di Informatica Studenti J state nascoste 2 Chi è costui? ·Luca Anselma ·Ricercatore di Informatica presso il Dipartimento di

  1. LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA AL FESTIVAL DELLA SCIENZA DI BERGAMO "La matematica parla al cuore"

    E-Print Network [OSTI]

    Garibaldi, Skip

    numeriche si può verificare il funzionamen- to di un dispositivo medico, di una protesi o di un intervento

  2. Final deactivation project report on the High Radiation Level Analytical Facility, Building 3019B at Oak Ridge National Laboratory, Oak Ridge, Tennessee

    SciTech Connect (OSTI)

    1997-09-01

    The purpose of this report is to document the condition of the High Radiation Level Analytical Facility (Building 3019B) at Oak Ridge National Laboratory (ORNL) after completion of deactivation activities. This report identifies the activities conducted to place the facility in a safe and environmentally sound condition prior to transfer to the Environmental Restoration EM-40 Program. This document provides a history and description of the facility prior to the commencement of deactivation activities and documents the condition of the building after completion of all deactivation activities. Turnover items, such as the Post-Deactivation Surveillance and Maintenance (S&M) Plan, remaining hazardous materials inventory, radiological controls, safeguards and security, quality assurance, facility operations, and supporting documentation provided in the Nuclear Material and Facility Stabilization (EM-60) Turnover package are discussed. Building 3019B will require access to perform required S&M activities to maintain the building safety envelope. Building 3019B was stabilized during deactivation so that when transferred to the EM-40 Program, only a minimal S&M effort would be required to maintain the building safety envelope. Other than the minimal S&M activities the building will be unoccupied and the exterior doors locked to prevent unauthorized access. The building will be entered only to perform the required S&M until decommissioning activities begin.

  3. Idaho Cleanup Project CPP-603A basin deactivation waste management 2007

    SciTech Connect (OSTI)

    Croson, D.V.; Davis, R.H.; Cooper, W.B.

    2007-07-01

    The CPP-603A basin facility is located at the Idaho Nuclear Technology and Engineering Center (INTEC) at the U.S. Department of Energy's (DOE) Idaho National Laboratory (INL). CPP-603A operations are part of the Idaho Cleanup Project (ICP) that is managed by CH2M-WG Idaho, LLC (CWI). Once the inventoried fuel was removed from the basins, they were no longer needed for fuel storage. However, they were still filled with water to provide shielding from high activity debris and contamination, and had to either be maintained so the basins did not present a threat to public or worker health and safety, or be isolated from the environment. The CPP-603A basins contained an estimated 50,000 kg (110,200 lbs) of sludge. The sludge was composed of desert sand, dust, precipitated corrosion products, and metal particles from past cutting operations. The sediment also contained hazardous constituents and radioactive contamination, including cadmium, lead, and U-235. An Engineering Evaluation/Cost Analysis (EE/CA), conducted pursuant to the Comprehensive Environmental Response, Compensation, and Liability Act (CERCLA), evaluated the risks associated with deactivation of the basins and the alternatives for addressing those risks. The recommended action identified in the Action Memorandum was to perform interim stabilization of the basins. The sludge in the basins was removed and treated in accordance with the Hazardous Waste Management Act/Resource Conservation and Recovery Act (HWMA/RCRA) and disposed at the INL Radioactive Waste Management Complex (RWMC). A Non-Time Critical Removal Action (NTCRA) was conducted under CERCLA to reduce or eliminate other hazards associated with maintaining the facility. The CERCLA NTCRA included removing a small high-activity debris object (SHADO 1); consolidating and mapping the location of debris objects containing Co-60; removing, treating, and disposing of the basin water; and filling the basins with grout/controlled low strength material (CLSM). The NTCRA is an interim action that reduces the risks to human health and the environment by minimizing the potential for release of hazardous substances. The interim action does not prejudice the final end-state alternative. (authors)

  4. VOTAZIONI PER L'ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI NEGLI ORGANI ACCADEMICI E NEL COMITATO DI INDIRIZZO DEL C.I.Di.S. -23 e 24 MAGGIO 2012

    E-Print Network [OSTI]

    De Cindio, Fiorella

    ., Tecniche di neurofisiopatologia, Tecniche di radiologia medica, per imm. e rad., Tecniche ortopediche

  5. Adsorption and Deactivation Characteristics of Cu/ZnO-Based Catalysts for Methanol Synthesis from Carbon Dioxide

    SciTech Connect (OSTI)

    Natesakhawat, Sittichai; Ohodnicki, Paul R., Jr.; Howard, Bret H.; Lekse, Jonathan W.; Baltrus, John P.; Matranga, Christopher

    2013-12-01

    The adsorption and deactivation characteristics of coprecipitated Cu/ZnO-based catalysts were examined and correlated to their performance in methanol synthesis from CO{sub 2} hydrogenation. The addition of Ga{sub 2}O{sub 3} and Y{sub 2}O{sub 3} promoters is shown to increase the Cu surface area and CO{sub 2}/H{sub 2} adsorption capacities of the catalysts and enhance methanol synthesis activity. Infrared studies showed that CO{sub 2} adsorbs spontaneously on these catalysts at room temperature as both monoand bi-dentate carbonate species. These weakly bound species desorb completely from the catalyst surface by 200 °C while other carbonate species persist up to 500 °C. Characterization using N{sub 2}O decomposition, X-ray diffraction (XRD), X-ray photoelectron spectroscopy (XPS), and transmission electron microscopy (TEM) with energy-dispersive X-ray spectroscopy (EDX) analysis clearly indicated that Cu sintering is the main cause of catalyst deactivation. Ga and Y promotion improves the catalyst stability by suppressing the agglomeration of Cu and ZnO particles under pretreatment and reaction conditions.

  6. Work plan for the High Ranking Facilities Deactivation Project at Oak Ridge National Laboratory, Oak Ridge, Tennessee

    SciTech Connect (OSTI)

    1996-03-01

    The High Ranking Facilities Deactivation Project (HRFDP), commissioned by the US Department of Energy Nuclear Materials and Facility Stabilization Program, is to place four primary high-risk surplus facilities with 28 associated ancillary facilities at Oak Ridge National Laboratory in a safe, stable, and environmentally sound condition as rapidly and economically as possible. The facilities will be deactivated and left in a condition suitable for an extended period of minimized surveillance and maintenance (S and M) prior to decontaminating and decommissioning (D and D). These four facilities include two reactor facilities containing spent fuel. One of these reactor facilities also contains 55 tons of sodium with approximately 34 tons containing activated sodium-22, 2.5 tons of lithium hydride, approximately 100 tons of potentially contaminated lead, and several other hazardous materials as well as bulk quantities of contaminated scrap metals. The other two facilities to be transferred include a facility with a bank of hot cells containing high levels of transferable contamination and also a facility containing significant quantities of uranyl nitrate and quantities of transferable contamination. This work plan documents the objectives, technical requirements, and detailed work plans--including preliminary schedules, milestones, and conceptual FY 1996 cost estimates--for the Oak Ridge National Laboratory (ORNL). This plan has been developed by the Environmental Restoration (ER) Program of Lockheed Martin Energy Systems (Energy Systems) for the US Department of Energy (DOE) Oak Ridge Operations Office (ORO).

  7. On the nature of the deactivation of supported palladium nanoparticle catalysts in the decarboxylation of fatty acids.

    SciTech Connect (OSTI)

    Ping, E. W.; Pierson, J.; Wallace, R.; Miller, J. T.; Fuller, T. F.; Jones, C. W.

    2011-04-15

    Supported palladium catalysts are effective catalysts for the hydrogen-free decarboxylation of fatty acids. However, the catalysts deactivate severely after one use. Here, the recyclability of a well-defined, mesoporous silica-supported palladium nanoparticle catalyst is evaluated in the batch decarboxylation of stearic acid at 300 C under inert atmosphere, producing n-heptadecane. The nature of the catalyst deactivation is examined in detail via an array of characterization techniques. X-ray photoelectron spectroscopy (XPS) demonstrates that little palladium surface oxidation occurs over the course of the reaction, and a combination of X-ray absorption spectroscopy and transmission electron microscopy (TEM) suggests negligible particle sintering or agglomeration. Physisorption and chemisorption measurements demonstrate substantial loss in total surface area and porosity as well as accessible palladium surface area with these losses attributed to significant organic deposition on the catalyst, as verified via thermogravimetric analysis. High temperature calcination is applied to combust and remove these residues, but resultant nanoparticle agglomeration is significant. Solid state nuclear magnetic resonance spectroscopy (NMR), Fourier transform infrared spectroscopy (FT-IR) and solid dissolution followed by organic extraction methodologies demonstrate that the carbonaceous deposits are not coke but rather strongly adsorbed reactants and products. Detrimental coke formation, as suggested by prior literature, is verified to be absent, as extraction of the surface-deposited organic species yields nearly complete recovery of the total surface area, pore volume, and active palladium surface area. Furthermore, the regenerated catalyst exhibits a corresponding significant recovery of decarboxylation activity.

  8. Parametric and kinetic studies on deactivation and regeneration of hydrotreating catalysts in solvent refined coal upgrading process and an evaluation of the liquid vaporization effects on hydrotreater performance

    SciTech Connect (OSTI)

    Nalitham, R.V.

    1983-01-01

    Catalysts used in hydrotreating the solvent refined coal were rapidly deactivated during the initial stages of processing. The major cause of deactivation appears to be the deposition of carbonaceous material on the catalyst. A simulated aging technique involving a series of reactions on the same batch of catalyst and a model compound activity test were developed and used to study the effects of process conditions, feedstock characteristics, catalyst properties, and catalyst pretreatment on initial catalyst deactivation. The variables shown to increase the rate of deactivation are: increased catalyst loading, high reaction temperature, low hydrogen pressure, unsulfiding the catalyst, and high concentrations of preasphaltenes and insoluble organic matter in the feedstock. The loss in catalyst surface area during the aging process was substantial, being as high as 95%. A simple kinetic model, including a first-order catalyst deactivation rate, was applied to upgrading of two-coal derived feedstocks. A catalyst deactivation mechanism was proposed which involves the adsorption and surface reaction of coke precursors on catalytic active sites. Catalyst regeneration of aged catalysts from the LC-Finer and the ITSL process has been accomplished through oxidative treatment followed by presulfiding. A parametric study has been performed to identify the optimum regeneration conditions. The degree of regeneration appears to be dependent on the feed material and reaction history of the catalyst. Liquid vaporization affects the hydrotreater performance significantly. The hydrotreater is simulated to study the effects of the solvent volatility, hydrogen flow rate, feed concentration, temperature, and pressure. A gradientless reactor system was designed, built, and used to verify the key result ofthe simulation study.

  9. Curriculum di ZONCA FULVIO Stampato il 08-01-2010

    E-Print Network [OSTI]

    Zonca, Fulvio

    Curriculum di ZONCA FULVIO Stampato il 08-01-2010 Pagina 1 di 55 11-04-1988Data ass.: 1. SITUAZIONE): Esp. esterna riconosciuta (in anni): CURRICULUM DI: ZONCA FULVIO89250 10-01-1962 Matricola Cognome;Curriculum di ZONCA FULVIO Stampato il 08-01-2010 Pagina 2 di 55 5. ATTIVITA' PROFESSIONALI SCIENZE FISICHE

  10. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2008 esercizi precedenti...) #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2008 ESERCIZIO - Data la funzione f3(x) = sin(arctan |x2 - 8x + 7|) |x2

  11. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2006 n1/9 2 . #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio arctan 1 n1/9 3 sin 1 n1/7 3 . #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I

  12. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2007 IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2007 ESERCIZIO - Data la funzione f2(x) = arctan 1 1 - x2 , si chiede'esercizio precedente. #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio

  13. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2006 ESERCIZIO LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2006 ESERCIZIO - Data la funzione f2(x) = e2x - 7ex + 12], oppure no. #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di giugno

  14. ANALISI MATEMATICA I CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2010 IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2010 ESERCIZIO - (16 punti) Siano p e q rispettivamente il numero delle MATEMATICA II CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2010 ESERCIZIO (15 punti

  15. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di gennaio 2007 seguente serie: n=1 n (2n + 1)(2a+1)n . #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di gennaio 2007 ESERCIZIO - Data la funzione f3(x

  16. ANALISI MATEMATICA I CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2009 LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2009 ESERCIZIO - (7 punti) Siano p e q #12;ANALISI MATEMATICA II CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2009

  17. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2014 IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2014 ESERCIZIO - (7 punti) Sia q il numero delle lettere del vostro MATEMATICA II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di gennaio 2014 ESERCIZIO (10 punti) Sia

  18. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di gennaio 2014 IN INFORMATICA II prova scritta di gennaio 2014 ESERCIZIO - (7 punti) Sia q il numero delle lettere del vostro·arctan(x q ), y > 0. #12;ANALISI MATEMATICA II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di

  19. Dipartimento di Informatica e Scienze dell'Informazione

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    Dipartimento di Informatica e Scienze dell'Informazione · ·· ·· ·· MetaFJig A Meta Genova Dipartimento di Informatica e Scienze dell'Informazione Dottorato di Ricerca in Informatica Ph Servetto February, 2011 #12;#12;Dottorato di Ricerca in Informatica Dipartimento di Informatica e Scienze

  20. Curriculum Vitae of Diego Regruto Dipartimento di Automatica e Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Regruto, Diego

    Curriculum Vitae of Diego Regruto Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino di Automatica e Informatica, Politecnico di Torino, Corso Duca degli Abruzzi 24 - 10129 Torino Torino, Dipartimento di Automatica e Informatica. 4 Previous positions 4.1 January 1, 2005 - December 31

  1. Dipartimento di Informatica e Scienze dell'Informazione

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    Dipartimento di Informatica e Scienze dell'Informazione · ·· ·· ·· Type systems for Java separate Genova Dipartimento di Informatica e Scienze dell'Informazione Dottorato di Ricerca in Informatica Ph by Giovanni Lagorio March, 2004 #12;Dottorato di Ricerca in Informatica Dipartimento di Informatica e Scienze

  2. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2007 ESERCIZIO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2007 ESERCIZIO - Data la funzione f2(x) = 1 IN INFORMATICA I prova scritta di giugno 2007 ESERCIZIO - Data la funzione f3(x) = 1 - cos(|49 - x2|) (49 - x2

  3. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di gennaio 2008 LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di gennaio 2008 ESERCIZIO - Data la funzione f2(x) = arctan(ex3))))n , x > 0. #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di

  4. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2011 LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2011 ESERCIZIO (15 punti) - Data la funzione f(x) = 14 . #12;ANALISI MATEMATICA II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre

  5. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di settembre 2011 LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di settembre 2011 ESERCIZIO (15 punti) - Sia p il numero delle MATEMATICA II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di settembre 2011 ESERCIZIO (8 punti

  6. Copyright 2000 by ASME1 ASME paper 2000-GT-0253, ASME IGTI Turbo-Expo-2000, Munich, Germany, May 8-11, 2000.

    E-Print Network [OSTI]

    Dennis, Brian

    Copyright © 2000 by ASME1 ASME paper 2000-GT-0253, ASME IGTI Turbo-Expo-2000, Munich, Germany, May) and a three-dimensional (3-D) conjugate heat transfer (convection-conduction) prediction codes were developed temperature or heat flux distribution. The conjugate codes use hybrid unstructured triangular

  7. The University has a number of dedicated automotive research centres, including the Powertrain and Vehicle Research Centre, the Turbo Centre and LARG (Lean and Agile

    E-Print Network [OSTI]

    Burton, Geoffrey R.

    The University has a number of dedicated automotive research centres, including the Powertrain and Vehicle Research Centre, the Turbo Centre and LARG (Lean and Agile Research Group) Automotive. The research carried out through these centres addresses the broad issues associated with the automotive

  8. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Presidenza della Facolt di Scienze MFN

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    -integrative, propedeutiche e di recupero con scadenza 17 ottobre 2013; Considerato che per mero errore materiale nel link pubblicato sul sito dell'Università La Sapienza è stato indicato il CAD di "Chimica industriale" anziché

  9. Bando n. 10/2014 BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    nuova generazione ad elevata energia (New generation of high energy lithium and lithium ion batteries ulteriori due anni, per l'esecuzione del programma di ricerca "Accumulatori al litio ed al litio ione di

  10. SAPIENZA UNIVERSITA' DI ROMA -BANDO 2013 DI COOPERAZIONE CON PVS -GRADUATORIA NOME COGNOME

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    per la Gestione di Reti Energetiche (Smart Grid System) applicati ad Impianti Rinnovabili per la · SUDAN East Africa CitiesLab 73 6 Andrea MICANGELI Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale (D

  11. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 2 aprile 2007

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    ) 2 1 2 #12;Esercizio 3 Sia B un algebra di Boole e F un suo filtro. Dimostrare che le seguenti ricordi che nessun filtro contiene lo 0 e che un filtro F su un'algebra di Boole B `e primo se e solo se algebra di Boole, (x y) x e (x y) y. Quindi l'ipotesi che x F implica y F insieme a x F porta a y

  12. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 19 luglio 2010

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    semantica visto che in ogni algebra di Boole x = x per ogni elemento x. `E tuttavia possibile fornire anche, a b a, a b, b (a b) 3 #12;Esercizio 4 Sia B una algebra di Boole. 1. Dimostrare che per ogni x, y B Heyting? 3. Dedurne che in ogni algebra di Boole, se x y allora c'`e un filtro proprio che contiene x e

  13. COMPITO di LOGICA MATEMATICA 30 marzo 2009

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    struttura classica. Soluzione. Sia D, R, , + B, dove B `e un'algebra di Boole completa, la struttura e sia dimostrare che in ogni algebra di Boole completa vale che iI ai iI ai e questo si ottiene immediatamente osservando che, in un'algebra di Boole, se a b allora b a. Infatti, adesso abbiamo che da ai iI ai, che

  14. Astrofisica e particelle elementari Violazione di CP

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    Astrofisica e particelle elementari aa 2009-10 Lezione 4 Parità Violazione di CP Raggi cosmici separatamente C, P. Non lo è neanche CP e quindi T. #12;6 Decadimenti del K0 · La violazione di CP è stata come autostato della stranezza, K0 e antiK0. · Nel decadimento il K neutro decade in autostati di CP

  15. Astrofisica e particelle elementari Violazione di CP

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    Astrofisica e particelle elementari aa 2008-9 Lezione 4 Parità Violazione di CP Raggi cosmici separatamente C, P. Non lo è neanche CP e quindi T. #12;6 Decadimenti del K0 · La violazione di CP è stata come autostato della stranezza, K0 e antiK0. · Nel decadimento il K neutro decade in autostati di CP

  16. Prot. n. 1063/2014 SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 BORSA DI STUDIO

    E-Print Network [OSTI]

    interesse per gli studi di risposta sismica locale. Il candidato risponde con competenza riguardo a teoria e

  17. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Presidenza della Facolt di Scienze MFN

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    sismica e modellazione 3D GEO/11 12 II I LM -74 Laurea Magistrale in Geologia di Esplorazione Analisi

  18. Su un modello conservativo di tipo Penrose-Fife con condizioni di Neumann

    E-Print Network [OSTI]

    Rocca, Elisabetta

    modello di Penrose­Fife (consistente con il secondo principio della termodinamica) introdotto in [14]. Per

  19. Modulo di adesione al piano di completamento del percorso formativo Anno accademico 2014/2015

    E-Print Network [OSTI]

    Geomorfologia 9 GEO/04 Fisiologia generale con elementi di Fisiologia Vegetale 9 BIO/09/BIO/04 Geochimica 6 GEO

  20. Modulo di adesione al piano di completamento del percorso formativo Anno accademico 2014/2015

    E-Print Network [OSTI]

    Fisiologia generale con elementi di Fisiologia Vegetale 9 BIO/09/BIO/04 Geochimica 6 GEO/08 Antropologia 6

  1. REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 7 AGOSTO 1990, N. 241, IN MATERIA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

    E-Print Network [OSTI]

    Sproston, Jeremy

    . Al fine di conseguire maggiore efficienza nella propria attività, l'Università incentiva l'uso della

  2. ESAME DI STATO PER L'AILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE -SESSIONE GIUGNO 2005

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    del riutilizzo del biogas ed al netto dei consumi interni. Si richiede inoltre di dimensionare la fase

  3. ESAME DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE -SESSIONE NOVEMBRE 2002 -

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    produzione del biogas e sulla base del suo andamento temporale se ne dimensioni il sistema di aspirazione

  4. BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI n. 1 ASSEGNO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVIT DI RICERCA -CATEGORIA B TIPOLOGIA I

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    a disfunzione cerebrale, psicopatologia e risposta ai trattamenti"- Responsabile Prof. Giuseppe a disfunzione cerebrale, psicopatologia e risposta ai trattamenti" presso il Dipartimento di Scienze

  5. Politecnico di Torino -Dipartimento di Automatica e Informatica SpaceandSpaceand

    E-Print Network [OSTI]

    Canuto, Enrico

    1 Politecnico di Torino - Dipartimento di Automatica e Informatica SpaceandSpaceand Precision Automatica e Informatica Corso Duca degli Abruzzi 24 10129 Torino Italy 22 April 2009E. Canuto - Ph.D. course Torino - Dipartimento di Automatica e Informatica SpaceandSpaceand PrecisionPrecision Automatics

  6. Test di laboratorio di matematica, appello 4, 4 marzo 09 Esercizio 1

    E-Print Network [OSTI]

    Bianchi, Gabriele

    dati allegata a) Riempire i campi evidenziati in giallo; fare un istogramma in cui sull'asse x compaiano il numero di anni di conseguimento laurea e in asse y i corrispondenti laureati nel 2005, quelli) in cui sull'asse x compaiano gli anni solari (2005, 2006 e 2007) e e sull'asse y la percentuale di

  7. BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" Visti i DD.MM. 4.10.2000 e 9.1.2001 concernenti.03.2012; Vista la Convenzione stipulata tra il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" e la Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" nella seduta del 28.05.2013; Visto il parere

  8. BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    A Bando RTD n. 01/2014 Il Direttore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer delibere del Consiglio del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" del 18.12.2013 e Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" il SSD BIO/09 ha pertinenza prevalente D E C R E

  9. BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" Visti i DD.MM. 4.10.2000 e 9.1.2001 concernenti la a disposizione del Dipartimento; Viste le delibere del Consiglio del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia ed esami» - n° 75 del 26 settembre 2014; Considerato che per il Dipartimento di Fisiologia e

  10. BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer" Visti i DD.MM. 4.10.2000 e 9.1.2001 concernenti" a disposizione del Dipartimento; Viste le delibere del Consiglio del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia del 6 giugno 2014; Considerato che per il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer

  11. Sono contratti di compravendita di un certo bene sottostante in data futura, essendo fissati

    E-Print Network [OSTI]

    Pascucci, Andrea

    Forward Sono contratti di compravendita di un certo bene sottostante in data futura, essendo fissati - prezzo (prezzo forward); - data (scadenza / expiration date); - quantità; - luogo. Esempi di Brokers / Market makers: operatori specializzati (es. Banche o Sim) che quotano un prezzo denaro/bid (per

  12. Internet e HTML Informatica -Facolt di Psicologia -Laurea magistrale

    E-Print Network [OSTI]

    Anselma, Luca

    1 Internet e HTML 1 Informatica - Facoltà di Psicologia - Laurea magistrale Ultima modifica: 9 ·Informatica - Facoltà di Psicologia - Laurea magistrale 2 Internet ·Informatica - Facoltà di Psicologia-mail ! Instant messanging ! Voice over IP ! Videogiochi multiplayer ! File sharing ! ... ·Informatica - Facoltà

  13. SAPIENZA UNIVERSIT DI ROMA DIPARTIMENTO INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DIPARTIMENTO INGEGNERIA INFORMATICA, AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale "Antonio Ruberti" intende conferire un incarico Consiglio del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale A. Ruberti seduta del 17

  14. Termodinamica della radiazione di corpo nero 5 Dicembre 2007

    E-Print Network [OSTI]

    Peliti, Luca

    Termodinamica della radiazione di corpo nero L. P. 5 Dicembre 2007 La teoria termodinamica della piccola superficie di area S, che lascia #12;Termodinamica della radiazione di corpo nero 2 passare solo

  15. UNIVERSIT DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" Area Risorse Umane

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    RECLUTAMENTO DI TECNOLOGI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO #12;Pag 2 Indice Art. 1 - Finalità, ambito di venga inserita l'assunzione di tecnologi a tempo determinato. A tal fine è necessario che il Consiglio

  16. Mod. 08/06/2011 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE E GEOTECNICA

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    : Modellazione di tecniche innovative di protezione sismica per il Settore disciplinare ICAR 09 - Responsabile

  17. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" DIPARTIMENTO INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    " (PRODUZIONE DI MISCELE METANO-IDROGENO CON CICLI TERMOCHIMICA ALIMENTATI DA ENERGIA SOLARE E SISTEMI DI

  18. PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL RECLUTAMENTO DI N. 1 RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A) PRESSO IL DIPARTIMENTO

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    A TEMPO DETERMINATO TIPOLOGIA A) PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISIOLOGIA E FARMACOLOGIA "VITTORIO ERSPAMER Commissione svolge i suoi lavori; - consegnati al Direttore del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia "Vittorio Erspamer", al fine di valutare i titoli del candidato e la

  19. w "CORSO DI LAUREA IN:Scienze del Mare e del Paesaggio Naturale" "Disciplina:Metodi di esplorazione dei fondali marini"

    E-Print Network [OSTI]

    'onda. Trasformata di Fourier e forme d'onda. Onde di volume e di superficie, velocità sismica, moduli elastici, rifratta e ground-roll) nello shot-gather. 5. Principi di sismica a riflessione: Sismica 2D, pseudo 3D e 3D acquisizione e di elaborazione sismica a riflessione multicanale. Modalità di realizzazione di rilievi sismici

  20. Stato dell'arte e prospettive in materia di contrasto

    E-Print Network [OSTI]

    Sproston, Jeremy

    ­ Roma); Alessandro Del Maschio (Direttore del Dipartimento di Radiologia delI'Ospedale San Raffaele dell'Istituto di Radiologia ­ Università La Sapienza ­ Roma); Antonio Rotondo (Direttore del

  1. Side conditions for ordinary di#erential equations

    E-Print Network [OSTI]

    â??a di Pisa and INFN, Sezione di Pisa Largo B. Pontecorvo 3 I­56127 Pisa, Italy G. Gaeta # Dipartimento

  2. Overview of Sonex Combustion Systems (SCS) for DI Engines | Department...

    Office of Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) Indexed Site

    Sonex Combustion Systems (SCS) for DI Engines Overview of Sonex Combustion Systems (SCS) for DI Engines The SCS system has undergone computational and experimental verification and...

  3. Universit degli Studi di Bari Decreto Rettorale n. 3519

    E-Print Network [OSTI]

    Malerba, Donato

    Finanza e la Contabilità; Vista la Convenzione di collaborazione per attività di formazione stipulata costo delle prestazioni. Analisi del fenomeno della povertà e degli effetti distributivi della crisi

  4. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" II Facolt Medicina e Chirurgia

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    sottoposti a posizionamento di protesi acustiche impiantabili; ACCERTATA l'impossibilità oggettiva di sottoposti a posizionamento di protesi acustiche impiantabili" sotto la responsabilità del Prof. Maurizio Esperienze lavorative: · esperienze in gestione ed applicazione di sistemi di protesi acustiche impiantabili

  5. Dtpantrveruro DI MEDICINA MOLECOI,ART,

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'Universito deglí Siudi di Romo Lo Sopienzo, pubblicoto sul sito weo dell'Ateneo il27 ottobre 2OiO: Visto il decreto e reso pubblico medionte offissione oll'Albo del Diportimento di Medicino Molecolore e sul sito weo

  6. State University di Detroit ed esperto

    E-Print Network [OSTI]

    VandeVord, Pamela

    quali Lean Six Sigma, Design For Six Sigma, Lean Management; opera in settori diversi tra cui alimentare la presentazione dei risultati sui progetti Lean Six Sigma seguiti da Leanprove, il Forum ha visto la Leanprove ha lavorato su quasi 500 progetti di miglioramento Lean Six Sigma in di- versi settori

  7. Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    PIATTAFORMA E-LEARNING, PER L'ESECUZIONE DEI PROGETTI SMART CITY DA PARTE DEGLI STUDENTI DEL "CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SMART CITY" PER MODULO JOB PROJECT", nell'ambito del progetto Master Smart City a favore della SMART CITY DA PARTE DEGLI STUDENTI DEL "CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SMART CITY" PER MODULO JOB PROJECT

  8. UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PADOVA Ufficio Stampa

    E-Print Network [OSTI]

    Pettenella, Davide

    giugno 2015 H-ACK Unipd La 24-ore degli hacker al Fiore di Botta Da Sabato 20 a domenica 21 giugno il deriva da hacker+marathon, la maratona degli hacker) organizzato dall'Università di Padova per i suoi

  9. Feasibility study of air-breathing turbo-engines for horizontal take-off and landing space plane

    SciTech Connect (OSTI)

    Minoda, M.; Sakata, K.; Tamaki, T.; Saitoh, T.; Yasuda, A.

    1989-01-01

    Various concepts of air-breathing engines (ABEs) that could be used for a horizontal take-off and landing SSTO vehicle are investigated. The performances (with respect to thrust and the specific fuel consumption) of turboengines based on various technologies, including a turbojet with and without afterburner (TJ), turboramjet, and air-turbo-ram jet engines are compared. The mission capabilities of these ABEs for SSTO and TSTO vehicles is examined in terms of the ratio of the effective remaining weight (i.e., the weight on the orbit) to the take-off gross weight, using two-dimensional flight analysis. It was found that the dry TJ with the turbine inlet temperature 2000 C is one of the most promising candidates for the propulsion system of the SSTO vehicle, because of its small weight and high specific impulse. 6 refs.

  10. Universit degli Studi di Udine Anno accademico 2013/2014

    E-Print Network [OSTI]

    Piazza, Carla

    biomedico: zero ammessi 8. Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia: tre ammessi I

  11. Curriculum dell'Attivita' Didattica e Scientifica di

    E-Print Network [OSTI]

    Mastroeni, Giandomenico

    Livorno (26-7-1982); · Laurea in Matematica presso l'Universita' degli Studi di Pisa (3), Ricerca Operativa, presso il Dipartimento di Matematica dell' Universita' di Pisa dal 21-2-1995 a tutt- 96 a tutt'oggi presso l'Universita' degli Studi di Pisa. Per l'A.A. 1995-96 il ricercatore svolge le

  12. Referenti e Strutture Informazioni generali sul Corso di Studi

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    di GENOVA Nome del corso Informatica(IdSua:1521666) Classe LM-18 - Informatica Nome inglese Computer Science Lingua in cui si tiene il corso italiano Eventuale indirizzo internet del corso di laurea http://informatica dei Corsi di Studio in Informatica Struttura didattica di riferimento Informatica, bioingegneria

  13. Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica ed Ingegneria dei Sistemi

    E-Print Network [OSTI]

    Robbiano, Lorenzo

    Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica ed Ingegneria dei Sistemi MeDMoT: a Method Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica ed Ingegneria dei Sistemi Dottorato di Ricerca in Informatica Ph.D. Thesis in Computer Science MeDMoT: a Method for Developing Model

  14. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2011 In tutti seguente serie: n=1 cos x a n . #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2011 ESERCIZIO (8 punti) Risolvere la seguente equazione differenziale

  15. ANALISI MATEMATICA I CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2009 arctan 1 n2-2n+2 1 n . 1 #12;ANALISI MATEMATICA I E II CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA I prova IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2009 ESERCIZIO (15 punti) - Data la funzione g(x, y, z) = x2 + 3y2

  16. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova scritta del 17 gennaio 2005 di Lagrange in [-1, 1], oppure no. #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova scritta del 17 gennaio 2005 ESERCIZIO - Data la funzione f3(x

  17. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova scritta di giugno 2005=1 x2 + 2 x2 + 3 n n!n2 nn . #12;ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova2 + 2 n n!n4 nn . #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA II prova

  18. ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

    E-Print Network [OSTI]

    Boccuto, Antonio

    ANALISI MATEMATICA I MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2012 f(n) 2 n · n n + 1 . #12;ANALISI MATEMATICA I E II MODULO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA I prova IN INFORMATICA I prova scritta di settembre 2012 ESERCIZIO - (8 punti) Sia q il numero delle lettere del vostro

  19. (21-11/26) ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    ..................................................................................... 2 Art. 5 - Analisi dell'efficienza e dei risultati di gestione

  20. Opportunit e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

    E-Print Network [OSTI]

    Guidoni, Leonardo

    Guardia di Finanza Affitti in nero: convenienza "ZERO" #12;Direzione Regionale del Lazio #12;3 Studia e il Comando Provinciale Guardia di Finanza di Roma, la Direzione Regionale dell'Agenzia delle entrate'importo il costo medio convenzionale del servizio abitativo fruito o da fruire. Lo studente vincitore solo di

  1. Universit degli Studi di Roma La Sapienza Segreteria amministrativa

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    cooperazione internazionale Formazione e aggiornamento dei ricercatori del Centro di Biotecnologia UEM

  2. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento Medicina Sperimentale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    in Scienze Biologiche o Biotecnologia; Dottorato di Ricerca nell'ambito della Genetica; esperienza nel campo

  3. COMPITO e SECONDO COMPITINO di LOGICA MATEMATICA 1 febbraio 2012

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    per ogni interpretazione V (-) in una struttura basata su una algebra di Boole completa. (sugg.: si usi, dopo averli dimostrati, il fatto che in ogni algebra di Boole x y se e solo se y x, che iI xi che in ogni algebra di Boole completa, per ogni elemento x e ogni famiglia (yi)iI di elementi, accade

  4. COMPITO di LOGICA MATEMATICA (fila 1) 14 dicembre 2005

    E-Print Network [OSTI]

    Valentini, Silvio

    .2 Dimostare che la seguente uguaglianza vale in ogni algebra di Boole mentre esiste una algebra di Heyting che A B allora per ogni interpretazione V in una algebra di Boole si avr`a che V (A) V (B). Nel nostro in ogni algebra di Heyting; se vogliamo quindi falsificare l'uguaglianza dobbiamo riuscire a trovare un'algebra

  5. Caratterizzazione del contenuto di radioattivit naturale nelle rocce del

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    nucleare La strumentazione per la spettroscopia gamma L'area di studio I campioni: raccolta di stabilità cedendo l'energia in eccesso. Processo statistico è possibile prevedere quanti nuclei, 232Th Decadimenti alfa, beta emissione di particelle Decadimenti gamma emissione di energia

  6. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    il settore: ING-IND/09 "Sistemi per l'energia e l'ambiente" Titolo della ricerca: "Modellazione e il conferimento di un assegno di ricerca per il settore ING-IND/09 "Sistemi per l'energia e l'ambiente RICERCA DI CATEGORIA B ­ TIPOLOGIA II Bando n. 188 del 19.03.2014 SETTORE: ING-IND/09 "Sistemi per l'energia

  7. Compito di Analisi Matematica I: Calcolo differenziale, 13 gennaio 2003 Corso di Laurea in Informatica

    E-Print Network [OSTI]

    Magnanini, Rolando

    in Informatica PRIMA PARTE 1) Calcolare: (a) D logsin x+2(2x + 1) ; (b) D (x2 + 1)x3+2 . 2) Data la funzione f differenziale, 13 gennaio 2003 Corso di Laurea in Informatica PRIMA PARTE 1) Calcolare: (a) D logcos x+2(2x + 1;Compito di Analisi Matematica I: Calcolo differenziale, 13 gennaio 2003 Corso di Laurea in Informatica

  8. Esercizi Matematica generale a Beni Culturali Integrali definiti e calcolo di aree di regioni nel piano

    E-Print Network [OSTI]

    van Geemen, Bert

    determinino le seguenti aree di regioni nel piano: (a) l' area della parte di piano individuata dall'asse x e dalla funzione y = |2x - 3| nell'intervallo [0, 3]. (b) l' area della parte di piano individuata dall'asse dall'asse x e dalla funzione y = x3 +2x2 -x-2 nell'intervallo [-1, 2]. (d) l'area della regione piana

  9. VERBALE DELLA GIUNTA DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA DELL'UNIVERSITA' DEGI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

    E-Print Network [OSTI]

    'ambito della geochimica. Sono state diffuse, soprattutto via web, notizie allarmistiche circa un terremoto di

  10. Curriculum sintetico di Flavio Vetrano Professore Ordinario in Fisica Universit di Urbino (for the English version scroll down the pages)

    E-Print Network [OSTI]

    Lattanzi, Emanuele

    Fisica Matematica" del CNR; 1980-1988: Studi sulla termodinamica di non equilibrio per sistemi generali

  11. Universit`a degli Studi di Bologna -Dipartimento di Matematica Master di II livello in Matematica per le Applicazioni

    E-Print Network [OSTI]

    Achilles, Rüdiger

    sull'asse z1. Allora il braccio 2 ruota nel piano (x1, y1). Il secondo sistema di coordinate (x2, y2, z2) ha anche l'origine nel primo giunto con l'asse x2 in direzione del braccio 2 e l'asse y2 nel piano (x1, y1). Il terzo sistema di coordi- nate (x3, y3, z3) con l'origine nel giunto 2 ha l'asse x3

  12. THE DEACTIVATION DECONTAMINATION & DECOMMISSIONING OF THE PLUTONIUM FINISHING PLANT (PFP) A FORMER PLUTONIUM PROCESSING FACILITY AT DOE HANFORD SITE

    SciTech Connect (OSTI)

    CHARBONEAU, S.L.

    2006-02-01

    The Plutonium Finishing Plant (PFP) was constructed as part of the Manhattan Project during World War II. The Manhattan Project was developed to usher in the use of nuclear weapons to end the war. The primary mission of the PFP was to provide plutonium used as special nuclear material (SNM) for fabrication of nuclear devices for the war effort. Subsequent to the end of World War II, the PFP's mission expanded to support the Cold War effort through plutonium production during the nuclear arms race and later the processing of fuel grade mixed plutonium-uranium oxide to support DOE's breeder reactor program. In October 1990, at the close of the production mission for PFP, a shutdown order was prepared by the Department of Energy (DOE) in Washington, DC and issued to the Richland DOE field office. Subsequent to the shutdown order, a team from the Defense Nuclear Facilities Safety Board (DNFSB) analyzed the hazards at PFP associated with the continued storage of certain forms of plutonium solutions and solids. The assessment identified many discrete actions that were required to stabilize the different plutonium forms into stable form and repackage the material in high integrity containers. These actions were technically complicated and completed as part of the PFP nuclear material stabilization project between 1995 and early 2005. The completion of the stabilization project was a necessary first step in deactivating PFP. During stabilization, DOE entered into negotiations with the U.S. Environmental Protection Agency (EPA) and the State of Washington and established milestones for the Deactivation and Decommissioning (D&D) of the PFP. The DOE and its contractor, Fluor Hanford (Fluor), have made great progress in deactivating, decontaminating and decommissioning the PFP at the Hanford Site as detailed in this paper. Background information covering the PFP D&D effort includes descriptions of negotiations with the State of Washington concerning consent-order milestones, milestones completed to date, and the vision of bringing PFP to slab-on-grade. Innovative approaches in planning and regulatory strategies, as well new technologies from within the United States and from other countries and field decontamination techniques developed by workforce personnel, such as the ''turkey roaster'' and the ''lazy Susan'' are covered in detail in the paper. Critical information on issues and opportunities during the performance of the work such as concerns regarding the handling and storage of special nuclear material, concerns regarding criticality safety and the impact of SNM de-inventory at PFP are also provided. The continued success of the PFP D&D effort is due to the detailed, yet flexible, approach to planning that applied innovative techniques and tools, involved a team of experienced independent reviewers, and incorporated previous lessons learned at the Hanford site, Rocky Flats, and commercial nuclear D&D projects. Multi-disciplined worker involvement in the planning and the execution of the work has produced a committed workforce that has developed innovative techniques, resulting in safer and more efficient work evolutions.

  13. The Challenges of Preserving Historic Resources During the Deactivation and Decommissioning of Highly Contaminated Historically Significant Plutonium Process Facilities

    SciTech Connect (OSTI)

    Hopkins, A.; Minette, M.; Sorenson, D.; Heineman, R.; Gerber, M. [Fluor Hanford, Inc., PO Box 1000 Richland WA 99352 (United States); Charboneau, S. [US Department of Energy PO Box 550, Richland WA 99352 (United States); Bond, F. [Washington State Department of Ecology, WDOE 3100 Port of Benton Blvd., Richland WA, 99354 (United States)

    2006-07-01

    The Manhattan Project was initiated to develop nuclear weapons for use in World War II. The Hanford Engineer Works (HEW) was established in eastern Washington State as a production complex for the Manhattan Project. A major product of the HEW was plutonium. The buildings and process equipment used in the early phases of nuclear weapons development are historically significant because of the new and unique work that was performed. When environmental cleanup became Hanford's central mission in 1991, the Department of Energy (DOE) prepared for the deactivation and decommissioning of many of the old process facilities. In many cases, the process facilities were so contaminated, they faced demolition. The National Historic Preservation Act (NHPA) requires federal agencies to evaluate the historic significance of properties under their jurisdiction for eligibility for inclusion in the National Register of Historic Places before altering or demolishing them so that mitigation through documentation of the properties can occur. Specifically, federal agencies are required to evaluate their proposed actions against the effect the actions may have on districts, sites, buildings or structures that are included or eligible for inclusion in the National Register. In an agreement between the DOE's Richland Operations Office (RL), the Washington State Historic Preservation Office (SHPO) and the Advisory Council on Historic Preservation (ACHP), the agencies concurred that the Hanford Site Historic District is eligible for listing on the National Register of Historic Places and that a Site-wide Treatment Plan would streamline compliance with the NHPA while allowing RL to manage the cleanup of the Hanford Site. Currently, many of the old processing buildings at the Plutonium Finishing Plant (PFP) are undergoing deactivation and decommissioning. RL and Fluor Hanford project managers at the PFP are committed to preserving historical artifacts of the plutonium production process. They must also ensure the safety of workers and the full decontamination of buildings or artifacts if they are to be preserved. This paper discusses the real time challenges of working safely, decontaminating process equipment, preserving historical structures and artifacts and documenting their history at PFP. (authors)

  14. Sustainable > DI BrightGreen January 2010

    E-Print Network [OSTI]

    of the publication is available from our webshop di.dk/english ISO 14001 ISO 14001 is an international standard FSC Controlled Wood certification ensures that responsible forest management has been used. Printed by

  15. Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'ESECUZIONE DEI PROGETTI SMART CITY DA PARTE DEGLI STUDENTI DEL "CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SMART CITY" PER; - COMPROVATA CONOSCENZA DELLE NORME, PROCEDURE E CONTENUTI TECNICI DEI BANDI UE IN AMBITO SMART CITY DURATA

  16. Nome: Corso di laurea: 9 o 12 crediti? Scritto di Matematica per cdl in Alimentari e Viticoltura ed Enologia

    E-Print Network [OSTI]

    Bianchi, Gabriele

    (x) = -. (1) dire dove il grafico di f interseca, sta sopra o sta sotto l'asse x; (2) dire dove f cresce, dove di f. punti in cui grafico interseca asse x = intervalli di R in cui grafico sopra asse x = e sotto asse x = derivata prima di f= intervalli di R in cui f cresce = e in cui f decresce = punti in cui si

  17. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    -IND/09 "Sistemi per l'energia e l'ambiente" bando n.3 DIMA del 19.07.2010, è così composta: Prof. NASO previsione di sviluppo a breve e medio termine della domanda di energia nei mercati liberalizzati", SSD ING

  18. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Presidenza della Facolt di Scienze MFN

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    seguenti insegnamenti per i CORSI DI LAUREA IN INFORMATICA E SPECIALISTICA/MAGISTRALE IN INFORMATICA : Insegnamento CFU Corso di studio Anno Semestre Canale Biologia computazionale 6 Informatica specialistica 2 2 1 Economia aziendale 6 Informatica (ex D.M. 509) 3 2 1 Informatica e diritto 6 Informatica (ex D.M. 509) 3 2

  19. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Presidenza della Facolt di Scienze MFN

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    insegnamenti per i CORSI DI LAUREA IN INFORMATICA E SPECIALSTICA/MAGISTRALE IN INFORMATICA: Insegnamento CFU Corso di studio Anno Semestre Canale Biologia computazionale 6 Informatica specialistica 2 2 1 Economia aziendale 6 Informatica (ex D.M. 509) 3 2 1 Informatica e diritto 6 Informatica (ex D.M. 509) 3 2 1

  20. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Presidenza della Facolt di Scienze MFN

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    seguenti insegnamenti per i CORSI DI LAUREA IN INFORMATICA E SPECIALISTICA/MAGISTRALE IN INFORMATICA : Insegnamento CFU Corso di studio Anno Semestre Canale Sistemi operativi (II modulo) 6 Informatica (ex D.M. 270) 2 2 2 Algebra 9 Informatica (ex D.M. 270) 2 1 1 Apprendimento automatico 6 Informatica magistrale 1

  1. Appunti per il corso di Corso di Laurea triennale in Biotecnologie

    E-Print Network [OSTI]

    Giannozzi, Paolo

    Giugliarelli Versione del: November 25, 2008 #12;Contents Introduzione 1 1 Fondamenti di Termodinamica 3 1.1 Energia interna e I Legge della Termodinamica . . . . . . . . . . 4 1.1.1 I Legge della Termodinamica della Termodinamica . . . . . . . . . . . . . . 6 1.2.1 L'entropia come funzione di stato

  2. Istituzioni di Matematiche I (CH-CI-MT) ________________________________V_IIIo_foglio_di_esercizi______________________*

    E-Print Network [OSTI]

    Candilera, Maurizio

    flesso e B quello a tangente parallela all'asse delle ordinate, si determini il* * volume del solido ottenuto dalla rotazione della regione finita di piano compresa tra l'arco AB, la retta OA e l* *'asse delle ascisse, di un intero giro attorno alla asse medesimo. ESERCIZIO 4. Si disegni nel piano

  3. Esercizi di Statistica della 5a settimana (Corso di Laurea in Biotecnologie, Uni-

    E-Print Network [OSTI]

    Vargiolu, Tiziano

    omicidio viene uccisa con pistole. Se 4 vittime di omicidio vengono scelte a caso, calcola: 1. la probabilit`a che siano tutte state uccise con pistole; 2. la probabilit`a che nessuna sia stata uccisa con pistole; 3. la probabilit`a che almeno due siano state uccise con pistole; 4. il valore atteso di quanti

  4. Esercizi di Statistica della 3a settimana (Corso di Laurea in Biologia, Universit`a

    E-Print Network [OSTI]

    Vargiolu, Tiziano

    pistole. Se 4 vittime di omicidio vengono scelte a caso, calcola: 1. la probabilit`a che siano tutte state uccise con pistole; 2. la probabilit`a che nessuna sia stata uccisa con pistole; 3. la probabilit`a che almeno due siano state uccise con pistole; 4. il valore atteso di quanti sono stati uccisi con pistole; 5

  5. Centro di Ricerca Il Direttore del Centro di Ricerca Hydro-Eco

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    Centro di Ricerca HYDRO-ECO HYDRO-ECO . Il Direttore del Centro di Ricerca Hydro-Eco Visto il D Vista la Delibera del Consiglio del Centro Hydro-Eco del 15/9/2010 Vista la Delibera del Senato Ricerca Hydro-Eco è così composta: Rosario Cantelli Angelo Chianese Paolo De Filippis Stefania Panero

  6. UNIVERSIT A DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" FACOLT A DI INGEGNERIA

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    IN INGEGNERIA NUCLEARE Studio di fotodiodi a valanga per il calorimetro CMS al LHC del CERN" Relatore: Tesi di in massa invariante . . . . . . . . . . . . . 15 1.2.3.2 Risoluzione in energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 2.3.3.3 Corrente oscura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 2.3.3.4 Nuclear Counter E

  7. AVVISO APPALTO AGGIUDICATO 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Istituto Nazionale di

    E-Print Network [OSTI]

    Roma "La Sapienza", Università di

    Fisica Nucleare Via E. Fermi, 40 - 00044 Frascati (RM) Tel. 06 94032491/2476 fax 06 9427062 e-mail bandi Divisione energia di IML impianti S.r.L. Via Garçia Lorca, 25 - Lomagna (LC) VI.3.2) Presentazione di

  8. Reduction of systems of firstorder di#erential equations via #symmetries

    E-Print Network [OSTI]

    # Dipartimento di Fisica ``E.Fermi'' dell'Universitâ??a di Pisa and Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sez. di Pisa Largo B. Pontecorvo 3, Ed. B­C, I­56127, Pisa, Italy Abstract The notion of #­symmetries

  9. Prot. n. 1300/2013 PROVVEDIMENTO DI APPROVAZIONE DEGLI ATTI CONCORSUALI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" dal titolo "Analisi di risposta sismica locale in aree edificate dell'azione sismica sulle costruzioni; livelli di conoscenza e fattori di confidenza nella valutazione

  10. Prot. n. 926/2014 PROVVEDIMENTO DI APPROVAZIONE DEGLI ATTI CONCORSUALI

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" dal titolo "Analisi di Risposta sismica locale in aree edificate dell'azione sismica sulle costruzioni; livelli di conoscenza e fattori di confidenza nella valutazione

  11. Universit degli Studi di Roma "La Sapienza" Via A. Gramsci, 53, 00197 Roma (sede provvisoria) -P.IVA 02133771002

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    didattiche, di ricerca e professionali sull'architettura bioclimatica. Art.5 - DOMANDA DI PARTECIPAZIONE La

  12. UNIVERSIT DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" Rip.II Sett. I AA.GG. Presenze Roma 28 GIU 2005

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    rilevazione degli orari di lavoro e di raggiungere, pertanto, una maggiore efficienza organizzativa gestionale

  13. Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Universit di Genova)

    E-Print Network [OSTI]

    Rogantin, Maria Piera

    di di calore (energia termica) necessaria per innalzare la temperatura di 1000 grammo di acqua 1°C. La resa di energia per grammo è la seguente: Grassi: 1 grammo = 9 calorie Proteine: 1 grammo = 4

  14. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO -BICOCCA Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 -20126 Milano

    E-Print Network [OSTI]

    Milano-Bicocca, Università

    'Azienda ospedaliera Niguarda Ca' Granda per gli studenti del corso di laurea per Tecnico di radiologia medica, per

  15. Corso di Laurea delle Professioni Sanitarie in "Infermieristica" Roma S. Andrea-

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    nautica Gdf AVVISO DI VACANZA DEI CORSI DI INSEGNAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 da coprirsi mediante

  16. Corso di Laurea delle Professioni Sanitarie in "Infermieristica" Roma S. Andrea-INRCA

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    nautica Gaeta) AVVISO DI VACANZA DEI CORSI DI INSEGNAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 da coprirsi mediante

  17. Regolamento_Meccanica_L3-PV-POLIMI.doc UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PAVIA

    E-Print Network [OSTI]

    Segatti, Antonio

    Regolamento_Meccanica_L3-PV-POLIMI.doc UNIVERSITÃ? DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÃ? di Ingegneria Classe

  18. "Con oscurità mutando i nomi": Napoli epicurea nei Successi di Eumolpione (1678)

    E-Print Network [OSTI]

    Onelli, Corinna

    2012-01-01

    Edizioni del Sole, 1991. Vitale, Maurizio. “Leonardo Dinello studio di Maurizio Vitale, “Leonardo Di Capua e il

  19. insegnamento lingua di SSD anno sem CFU ore

    E-Print Network [OSTI]

    Pettenella, Davide

    fondamenti di biochimica Fisiologia e Patologia generale italiano VET/02 I 2° 5 40 a scelta caratterizzante VET/07 II 2° 8 64 affine affine Vicenza Chimica generale e fondamenti di biochimica Fisiologia e

  20. Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 "Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di

    E-Print Network [OSTI]

    Di Pillo, Gianni

    di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle legislativo n. 165 del 2001, al fine di potenziare il livello di efficienza degli uffici pubblici e di