Home

About

Advanced Search

Browse by Discipline

Scientific Societies

E-print Alerts

Add E-prints

E-print Network
FAQHELPSITE MAPCONTACT US


  Advanced Search  

 
Discussione generale sulla teoria della relativit`a1 Lenard: mi ha fatto piacere che oggi in una teoria della gravitazione si debba
 

Summary: Discussione generale sulla teoria della relativit`a1
Lenard: mi ha fatto piacere che oggi in una teoria della gravitazione si debba
parlare di etere. Ma devo dire che quando si passa dalla teoria della gravitazione a
qualcosa d'altro rispetto alle forze proporzionali alle masse, la semplice intelligenza
di uno studioso della natura si ribella alla teoria. Rimando all'esempio del treno
frenato. Se vale il principio di relativit`a i campi gravitazionali devono essere estesi
concettualmente con l'uso di forze non proporzionali alle masse. Vorrei dire che
nel pensiero fisico ci si pu`o servire di due modelli, che io ho indicato come modelli
del primo e del secondo tipo. Con modelli del primo tipo parla per esempio Weyl,
poich´e egli esprime tutti i processi mediante equazioni. I modelli del secondo tipo
interpretano le equazioni come processi nello spazio. Preferirei i modelli del se-
condo tipo, mentre Einstein resta attaccato a quelli del primo tipo. Nei modelli
del secondo tipo l'etere `e indispensabile. Esso `e sempre stato uno degli strumenti
pi`u importanti per il progresso nello studio della natura, e la sua soppressione
significa la soppressione delle idee di tutti coloro che studiano la natura con modelli
del secondo tipo. Vorrei anzitutto porre la domanda: com'`e, che secondo la teoria
della relativit`a non dev'essere distinguibile, nel caso del treno frenato, se sia frenato
il treno oppure se sia frenato il mondo circostante?
Einstein: `e certo che noi possiamo osservare forze relativamente al treno e, se
lo vogliamo, possiamo interpretarle come forze inerziali. La teoria della relativit`a

  

Source: Antoci, Salvatore - Dipartimento di Fisica, Universita' di Pavia

 

Collections: Physics