Home

About

Advanced Search

Browse by Discipline

Scientific Societies

E-print Alerts

Add E-prints

E-print Network
FAQHELPSITE MAPCONTACT US


  Advanced Search  

 
Introduzione alla logica modale -a. a. 2008-09 Massimo Mugnai
 

Summary: Introduzione alla logica modale - a. a. 2008-09
Massimo Mugnai
23 gennaio 2009
1 Sintassi dei vari calcoli modali. Definizione di
un linguaggio formale per lo studio del discorso
modale a livello enunciativo.
Sia L un linguaggio costruito su un alfabeto composto da:
Un insieme non vuoto (finito o infinito numerabile) di costanti enunciative:
p1, p2, p3, p4 . . .
I connettivi logici rappresentati da `' (`non') e `' (`se . . ., allora . . .')
Il connettivo modale rappresentato da ` ' (`necessariamente')
I simboli ausiliari, costituiti, rispettivamente, dalla parentesi a destra `)', dalla
parentesi a sinistra `(' e dalla virgola `,'
L'insieme delle formule ben formate (vale a dire l'insieme di tutte le successio-
ni finite di simboli dell'alfabeto che si riconoscono come costruite correttamente) `e
determinato dalle seguenti regole di formazione:
1. ciascuna costante enunciativa `e una formula ben formata;
2. se `e una formula ben formata, allora lo sono anche `' e ` ';
3. se e sono formule ben formate, allora lo `e anche `( )';
4. nient'altro `e una formula ben formata.

  

Source: Abbondandolo, Alberto - Scuola Normale Superiore of Pisa

 

Collections: Mathematics