Home

About

Advanced Search

Browse by Discipline

Scientific Societies

E-print Alerts

Add E-prints

E-print Network
FAQHELPSITE MAPCONTACT US


  Advanced Search  

 
Valutare la Normale di Pisa : ricerca e didattica, autonomia e responsabilit
 

Summary: 1
Valutare la Normale di Pisa :
ricerca e didattica, autonomia e responsabilitÓ
Relazione del direttore Salvatore Settis
al convegno L'avvenire delle istituzioni culturali e di ricerca fra analisi e valutazione
Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 13 ottobre 2003
Come si possono valutare i risultati di un'istituzione tanto peculiare come la Scuola
Normale? E rispetto a quali parametri, o "indicatori", si possono costruire delle procedure di
valutazione che rispondano al tempo stesso alle caratteristiche dell'istituzione e all'interesse
generale del Paese, e in particolare del sistema universitario e della ricerca? Prima di
affrontare il tema, Ŕ necessario ricordare alcune cose elementari sulla storia della Scuola
Normale Superiore di Pisa e sulla sua natura istituzionale.
Come saprete, la Normale Ŕ stata fondata tre volte : prima da Napoleone (1810), come
succursale dell'╔cole Normale SupÚrieure di Parigi, poi da Leopoldo II di Toscana come
Imperial-Regia Scuola Normale Superiore del Granducato (1846), infine dal Regno d'Italia
nel 1862, come unica scuola d'Úlite del nuovo Regno, ripensata e rilanciata dal suo primo
direttore Pasquale Villari. Non di nuova fondazione, ma di assai sostanziali riforme statutarie
e istituzionali si pu˛ parlare in altri e pi¨ recenti sviluppi, in particolare sotto la direzione di
Giovanni Gentile (1928-1943) e quelle di Gilberto Bernardini (1964-77) e di Edoardo
Vesentini (1978-87). In questo momento, la Normale sta attraversando una fase di sviluppo e

  

Source: Abbondandolo, Alberto - Scuola Normale Superiore of Pisa

 

Collections: Mathematics